Ucraina: vincitori e vinti

Alberto Negri
Alberto Negri
20.4.2022
Tempo di lettura: 5'
Con la guerra l'Europa dovrà pagare di più la sua quota Nato, aumentare le spese per la difesa, comprese armi made in Usa

Ci voleva una guerra per scoprire che buona parte dell’Europa dipendeva da Mosca, si interroga Alberto Negri

Invece di arrivare a patti, l’Europa ha lasciato che fossero gli americani a occuparsi delle questioni chiave dell’Est europeo.

La guerra in Ucraina ha messo a nudo tutte le fragilità europee. Una sicuramente è quella di previsione perché nessuno dei leader continentali e dei media immaginava un confitto di questa portata ma credeva che al massimo Putin si sarebbe fermato al Donbass. I buchi nelle previsioni derivano dall'intelligence ma anche dai centri di studi strategici: in Europa ne abbiamo molti ma Bruxelles non è dotata di un suo centro strategico, se non alla Nato. Questo deriva dalla mentalità prevalente nei Paesi dell'Unione europea e che in Italia ha la sua massima espressione nella disattenzione alla politica internazionale. Del resto l'Unione europea non ha mai avuto una politica estera e di difesa comuni e soltanto adesso muove i primi e incerti passi. Da questo deriva che al di là della retorica dell'unità di intenti l'Europa appare come sottomessa alla Nato e alle direttive imposte dagli americani. La stessa Alleanza Atlantica del resto non è così unita come vuole sembrare, se non in un intento: evitare una guerra a tutti costi con Mosca. Eventualità per altro cui si deve preparare perché non è immaginabile al momento che la questione ucraina sia risolta soltanto da una tregua o da quale frettoloso accordo pace. La mancanza di unità è sottolineata dalla Turchia, Paese membro della Natio dagli anni Cinquanta, che non ha messo sanzioni alla Russia e ha confermato l'acquisto da Mosca di batterie anti-missile S-400 e un atteggiamento.

Se l'Europa non vuole una guerra deve spingere la Nato e gli Usa a un accordo con Mosca. Sono anni che si devono rinnovare gli accordi sui missili balistici e su quelli di teatro e soprattutto sono anni che la Russia mostra insofferenza verso l'espansione della Nato a Est. Purtroppo invece di arrivare a patti, l'Europa ha lasciato che fossero gli americani a occuparsi delle questioni chiave dell'Est europeo. Tanto è vero che gli Stati Uniti avevano già rifornito di armi sofisticate e di consiglieri militari gli ucraini che altrimenti non avrebbero resistito così tanto all'esercito russo. Sono stati gli Usa a fare la politica europea nei Paesi orientali dell'Unione, Bruxelles si è limitata agli spetti economici e giuridici. L'altra fragilità europea è quella economica ed energetica.

Ci voleva una guerra per scoprire che buona parte dell'Europa dipendeva da Mosca? La scellerata iniziativa di Putin ha sconvolto l'Ucraina con morti, distruzione e profughi, ma ha messo al tappeto anche l'Europa che prende dalla Russia in media il 40-50% del suo gas. Ora sono gli Stati Uniti che ci venderanno il gas per sganciarci, progressivamente, dalla dipendenza da Mosca: con prezzi superiori a quelli russi in media del 20% e soprattutto senza una garanzie reali di forniture continue. Il caso Nord Stream 2 è emblematico di come confliggono gli interessi americani ed europei. Non si tratta soltanto di una questione economica ma strategica.

Voluto fortemente dalla ex cancelliera Angela Merkel, il Nord Stream era la vera leva politica ed economica che tratteneva Putin da azioni dissennate come la guerra in Ucraina. Molti non lo avevano capito perché attribuivano al gas russo una valenza soltanto economica: aveva invece un enorme valore politico per tenere agganciata Mosca all'Europa. Uscita di scena la Merkel, gli Usa hanno avuto campo libero. La guardiana di Putin e del gas non c'era più e gli americani hanno capito che il presidente russo era diventato più pericoloso ma anche più vulnerabile. Per due mesi gli Usa hanno avverto dell'invasione dell'Ucraina perché sapevano che contestando, come hanno fatto, il Nord Stream 2 si apriva una falla. I gasdotti sono stati il cordone ombelicale che ha legato Mosca all'Unione all'europea, la dipendenza dava a Putin un senso di sicurezza, lo strumento per condizionare gli europei e renderli più docili e interessati alle sorti della Russia. Quando Mosca ha capito che con il debole cancelliere Scholz il Nord Stream 2 non sarebbe stato al sicuro ha cominciato le minacce all'Ucraina che in precedenza russi e tedeschi avevano pagato perché non protestasse troppo per la realizzazione del gasdotto, assai temuto dalla Polonia in quanto visto come uno strumento di espansione dell'influenza Putin. Gli americani per altro avevano già messo alle corde anche la Merkel, obbligandola ad acquistare quantitativi di gas liquido americano di cui Berlino allora non aveva alcun bisogno.

E così adesso con la guerra si è arrivati alla resa dei conti, almeno sul gas. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha quindi annunciato un aumento delle spedizioni di gas naturale liquefatto all'Europa per ridurre la dipendenza del continente dal gas russo. Con la guerra l'Europa dovrà pagare di più la sua quota Nato, aumentare le spese per la difesa, comprando ovviamente più armi e aerei da caccia Usa, e anche più gas americano. In poche parole chi tiene il banco, cioè Washington, ha già vinto, al di là di come finirà questa guerra devastante voluta da Putin.

Questo articolo è tratto dal numero di aprile del magazine We Wealth
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
È stato inviato speciale e corrispondente di guerra del Sole 24 Ore negli ultimi 30 anni per le zone Medio Oriente, Africa, Asia Centrale e i Balcani. Nel 2009 ha vinto il premio giornalistico Maria Grazia Cutuli, nel 2015 il premio Colombe per la pace. nel 2016 il premio Guidarello Guidarelli e nel 2017 il premio Capalbio saggistica per il libro "Il Musulmano Errante".
Oggi è Senior Advisor dell’ISPI, Istituto degli Studi di Politica Internazionale.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti