Chi mente tra Wall Street e Main Street?

Tempo di lettura: 2'
Nei giorni più bui della crisi, le Borse sembravano ignorare la gravità della salute economica e anche oggi quotano sopra i livelli ante-covid. Ma La risposta della politica economica è stata rapida e intensa e ha sostenuto i profitti. La prossima ripresa sarà guidata dal risparmio delle famiglie, che intanto è cresciuto, e dal vaccino in arrivo. Che potrebbe avere lo stesso effetto della fine del proibizionismo
Sei mesi fa, su queste colonne, avevamo commentato la discrasia fra Wall Street e Main Street, cioè fra la tenuta della Borsa americana (ma lo stesso si potrebbe dire, in maggiore o minore misura, per le altre Borse) e la ferita che la crisi da virus aveva inferto - e sta ancora infiggendo - all'attività economica. Il commento tradiva la diffidenza di chi scrive nei confronti delle quotazioni di Borsa, che sembravano ignorare la gravità della crisi e le ripercussioni della stessa sui profitti societari.
I mercati azionari – scrivevo – “hanno mantenuto, nei giorni bui della crisi da coronavirus, una compostezza che è sembrata inadeguata alla tragedia che si andava dispiegando. Certo, le quotazioni dell'indice delle Borse mon- diali sono più basse rispetto al periodo ante-virus (ci mancherebbe altro!), ma sono nettamente risalite rispetto ai minimi toccati a marzo”. Oggi, a distanza di sei mesi, bisogna fare ammenda di quell'ironico “ci manche- rebbe altro!”. Almeno per Wall Street le quotazioni, già a novembre 2020, avevano veleggiato oltre il livello ante-virus. Come spiegare la discrasia fra Borse ed economia?

Allora scrivevo che “può essere spiegata solo con la convinzione, presso gli investitori, che le restrizioni messe in opera abbiano avuto effetto, e che gli allentamenti in corso un po' dappertutto non porteranno a una seconda ondata di infezioni. Se a questo si aggiunge la ciliegina di un vaccino prossimo venturo, la torta dell'ottimismo è servita”. Nella realtà quelli che venivano chiamati “gli allentamenti in corso un po' dappertutto”, hanno smentito le speranze, e hanno portato a una seconda ondata, quasi peggiore della prima. Ma le Borse, infaticabili, hanno tenuto su alti livelli. Quanto al vaccino invece, rispetto a quello che si profilava sei mesi fa, oggi le prospettive sono migliorate di molto. Ma c'è stato un altro sorprendente fattore che è venuto a confermare l'ottimi- smo delle Borse: l'andamento dei profitti. Di solito, quando l'economia va male, i profitti vanno peggio. Gli utili sono la differenza fra ricavi e costi e, nella congiuntura avversa, i primi scendono più dei secondi. I costi sono vischiosi, specialmente per quanto riguarda il lavoro: licenziare è difficile, così come è difficile tagliare i salari. Ma in questa particolare congiuntura avversa le cose non sono andate come di solito. La risposta della politica economica è stata rapida e intensa. Il supporto ai salari ha reso facile alle imprese di ridurre il costo del lavoro (passato a carico dello Stato), e a questa azione benefica sui costi si è accompagnato un impulso ai ricavi, dato che la domanda dei consumatori è stata mantenuta. Quest'ultimo effetto si vede in Italia: già ad agosto e settembre il livello delle vendite al dettaglio (in volume) era tornato ai livelli di un anno prima (ante-virus). Ma si vede specialmente in America: a ottobre il volume dei consumi privati aveva perso solo il 2% rispetto all'ottobre 2019. Il reddito disponi- bile reale pro-capite, che, grazie ai trasferimenti, ad aprile, nel pieno del- la pandemia, segnava un incredibile +15,6% rispetto a un anno prima, conserva ad ottobre un +3,7%, e il tasso di risparmio è all'incirca doppio. Questo possente argine del bilancio pubblico ha permesso ai profitti so- cietari non solo di tener testa alla crisi, ma addirittura di crescere: al netto delle imposte, si ritrovano, nel terzo trimestre, del 3,3% superiori rispetto allo stesso trimestre del 2019. E non solo il bilancio ha aiutato. La politica monetaria è anch'essa venuta in soccorso, sia con stimoli e garanzie al credito (molti prestiti a piccole e medie imprese sono stati resi forgivable, cioè non sono da restituire), sia con un costo del danaro prossimo allo zero. Questi stimoli sono stati specialmente apparenti nell'edilizia. Tutti gli indicatori della costruzione, residenziale e non, in America, hanno fattezze da boom. Insomma, malgrado la diffidenza espressa in passato su queste colonne, le Borse avevano ragione. Paul Samuelson, in una famosa battuta, disse che le Borse non sono infallibili: hanno previsto ‘sette delle ultime quattro recessioni', e, per implicazione, ‘sette delle ultime quattro riprese'. Ma stavolta, come appena detto, hanno avuto ragione: c'era del metodo nella pazzia delle quotazioni. E ci sono altri motori della ripresa che si stanno scaldando. Come detto sopra, il tasso di risparmio è ancora elevato, il che vuol dire che c'è un tesoretto che può essere speso, se solo la fiducia si consolida. E, con il vaccino in arrivo e la luna di miele tradi- zionalmente accordata al nuovo Presidente, ci sono le condizioni perché la crescita in America continui. Un commentatore – Jim Cramer – che è tradizionalmente affetto da inguaribile ottimismo, ha detto che l'arrivo del vaccino potrebbe avere sulla crescita lo stesso effetto che ebbe, nel secolo scorso, la fine del proibizionismo. E non è detto che questa volta non abbia ragione. Ma bisogna anche segnalare cautela. La crescita della Borsa Usa è stata diffusa: l'indice Wilshire (che racchiude 6.700 società, tutte le quotate Usa) è cresciuto anche più dello S&P500, smentendo la volgata che vuole la forza di Wall Street dipendere dalle grandi società tecnologiche, che hanno un grosso peso nell'indice. Ma rimane il fatto che l'aumento dell'indice ha sopravanzato l'aumento dei profitti. Insomma, secondo questa metrica, Wall Street è ancora sopravvalutata.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti