EVENTO « III° PRIVATE MARKET SUMMIT » Idee per capitali pazienti in un mondo che cambia EVENTO IN DIRETTA REGISTRATI

Testamento olografo: cosa succede se è scritto in stampatello? | WeWealth

Testamento olografo: cosa succede se è scritto in stampatello?

MariaPaola Serra
Maria Paola Serra
24.2.2023
Tempo di lettura: 3'
Il testamento olografo è la forma più semplice con cui il testatore può esprimere le sue ultime volontà: è infatti sufficiente che esso sia scritto per intero, datato e sottoscritto di mano del testatore. Ma cosa succede se quest’ultimo usa i caratteri in stampatello?

Il testamento olografo ha senza dubbio il pregio di essere uno strumento legale utilizzabile in qualunque momento da chiunque abbia capacità di agire e voglia disporre delle proprie sostanze, in estrema autonomia e segretezza, per il momento in cui abbia cessato di vivere. Esso, infatti, non prevede l’intervento del notaio né richiede la presenza di testimoni. Va da sé che, proprio per tali caratteristiche, la tipologia di testamento in parola è tuttavia maggiormente soggetta ai rischi di smarrimento, falsificazione o soppressione.

Cosa serve affinché un testamento olografo sia valido?


Affinché un testamento olografo sia valido, occorre che esso rispetti i tre requisiti richiesti dall’art. 602 del Codice civile, ovverosia la scrittura, la sottoscrizione e la datazione di mano del testatore. In particolare, per quanto riguarda l’olografia, è necessario che il testamento sia redatto dal testatore di suo pugno, utilizzando la propria grafia abituale e normale, in modo da assicurarne la riconducibilità allo scrivente, determinandone la provenienza. Posto che il requisito dell’olografia esclude per certo che si possa validamente confezionare un testamento olografo attraverso strumenti diversi dalla scrittura a mano (quali, per esempio, la macchina da scrivere o il computer), è questione controversa l’ammissibilità dell’utilizzo, da parte del testatore, della scrittura in stampatello (al posto del tradizionale carattere corsivo) a tal fine.


Diversi orientamenti giurisprudenziali sul testamento scritto in stampatello


Al riguardo, un primo orientamento ritiene che sia invalido il testamento olografo confezionato dal testatore in stampatello, poiché tale carattere è privo degli elementi di individualità, abitualità e normalità tipicamente riscontrabili nella scrittura in corsivo ed è inoltre agevolmente falsificabile, rendendo più difficile l’accertamento della paternità dello scritto. In base a tale approccio, dunque, l’utilizzo dello stampatello sarebbe ammissibile soltanto ove il testatore scrivesse abitualmente in questo modo.  


Un secondo orientamento, invece, sostiene che l’art. 602 del Codice civile non pone l’abitualità e la normalità della scrittura tra i requisiti del testamento olografo, richiedendone soltanto, per l’appunto, l’autografia. Sarebbe dunque perfettamente valido il testamento scritto in maiuscolo dal testatore che, consapevole dell’illeggibilità della propria grafia, proceda in tal modo per facilitare la comprensione delle sue ultime volontà, ancorché egli non utilizzi tali caratteri nella sua quotidianità. In pratica, viene operata una netta distinzione tra il profilo della validità e quello della prova del negozio, riconducendo a quest’ultimo il tema della scrittura in stampatello del testamento.


A fronte dei sopramenzionati opposti schieramenti, la giurisprudenza dominante (si vedano, da ultimo, Cass. civ., sez. II, ordinanza del 31 dicembre 2021, n. 42124 e Cass. civ., sez. II, sentenza del 5 dicembre 2018, n. 31457) sembra al momento abbracciare l’orientamento più liberale, sostenendo che l’abitualità e la normalità del carattere grafico adoperato dal testatore non rientrano fra i requisiti formali del testamento olografo ai sensi dell'art. 602 del Codice civile in termini di validità dello stesso; esse, piuttosto, rilevano a fini probatori per l’attribuzione della scheda al testatore.


Conseguentemente, l’utilizzo dello stampatello non può escludere di per sé l'autenticità della scrittura del testatore, che va invece valutata alla luce di ulteriori elementi, quali le condizioni psico-fisiche del testatore stesso, le sue abitudini o altre circostanze rilevanti.



Cosa si può fare in caso di testamento olografo scritto in stampatello da persona però che scrive, abitualmente, in corsivo? Quando si può contestare la firma (in stampatello) in un testamento olografo?

Con il servizio Chiedi agli esperti di We Wealth puoi contattare gratuitamente un professionista che ti potrà guidare nella scelta dei migliori investimenti e nella gestione del tuo patrimonio. Fai una domanda a uno dei 300 esperti disponibili su We Wealth.

Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.
WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Maria Paola Serra è managing counsel dello studio legale e tributario Dentons, nella sede di Milano. Segue high net worth individuals italiani e stranieri in progetti di allocazione, segregazione e riassetto patrimoniale e nella relativa implementazione; presta assistenza legale in materia di pianificazione successoria domestica e internazionale e si occupa di passaggi generazionali all’interno di imprese di famiglia.

Cosa vorresti fare?