Tasse di fine anno: gli appuntamenti con il fisco di dicembre 2021

Nicola Dimitri
29.11.2021
Tempo di lettura: '
Sono numerosi gli appuntamenti con il fisco a cui il contribuente mensilmente deve prestare attenzione

Per la rottamazione ter e il saldo e stralcio si va verso il 9 dicembre con la mini-proroga

A metà dicembre i contribuenti sono chiamati a versare il saldo Imu

Dicembre è un mese ricco, come spesso accade, di appuntamenti con il Fisco. Di seguito si riassumo gli adempimenti più importanti, mettendo in evidenza i pagamenti che il contribuente deve tenere a mente.
E invero, prima di procedere a mettere in rassegna i principali versamenti dell'ultimo mese dell'anno, occorre soffermare l'attenzione sulle scadenze previste entro il 30 novembre.
Entro detta data, infatti, è ancora possibile effettuare il versamento dell'unica rata, o della seconda rata, dell'acconto Irpef.

In caso di mancato versamento entro il suddetto termine sarà possibile accedere all'istituto del ravvedimento operoso frazionato, posticipando il pagamento.

A chiusura del mese di novembre deve inoltre assolversi il pagamento dell'imposta di bollo sulle fatture elettroniche.

Infine, entro il 30 novembre spira il termine previsto per la presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta 2020. Occorre prestare particolare attenzione alla compilazione del modello in quanto, riferendosi al periodo di imposta in cui è iniziata la crisi emergenziale, in esso dovranno essere inseriti tutti i contributi percepiti o i crediti di imposta di cui si è fruito.

Infine, benché si tratti di un adempimento che ricade ancora nel mese di novembre, si segnala che è possibile, beneficiando dei giorni di tolleranza previsti, versare fino al 6 dicembre le rate della rottamazione-ter delle cartelle e del saldo e stralcio. Attualmente, è al vaglio del Governo la proposta, presentata da tutte le forze di maggioranza, di prorogare ulteriormente il termine per la rottamazione e saldo e stralcio al 9 dicembre.
Venendo, ora, a dicembre, non stupisce notare che anche l'ultimo mese dell'anno, benché con minore intensità del precedente (basti pensare che novembre ha impegnato i contribuenti con 62 scadenze), si presenta fitto di appuntamenti importanti.

Entro il 16 dicembre 2021, oltre 25 milioni di contribuenti, sono chiamati a effettuare il versamento a saldo dell'Imu; a completamento, pertanto, del primo acconto previsto per lo scorso 16 giugno. L'Imu non è dovuto sulle prime case, a meno che siano considerate abitazioni di lusso.

Il 27 dicembre è il termine per versare l'acconto Iva; adempimento dovuto per le liquidazioni periodiche di chiusura dell'ultimo mese o dell'ultimo trimestre dell'anno. Il pagamento grava sui titolari di partita Iva, a meno che, ad esempio, non siano esentati dal liquidare l'imposta, come i soggetti in regime forfetario. Sono sollevati dall'onere, anche, coloro che hanno riportato un credito Iva nell'ultimo periodo dell'anno precedente. Il versamento si effettua con il Modello F24, in via telematica.

Infine, entro il 9 dicembre sarà possibile, come data ultima, sottoporre l'istanza per ottenere il contributo introdotto a favore delle Startup. Il contributo a fondo perduto è previsto nella misura massima di 1.000 euro.
Redattore e coordinatore dell'area Fiscal & Legal di We Wealth. In precedenza ha lavorato nell'ambito del diritto tributario e della fiscalità internazionale presso primari studi legali

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti