Società semplici e dividendi: doppia tassazione sì o no?

Roberta Moscaroli
Roberta Moscaroli
28.4.2021
Tempo di lettura: 3'
Dal 2020 c'è una nuova disciplina fiscale dei dividendi distribuiti alle società semplici. Approfondimento sull'approccio “look-through”, secondo cui questu dividendi si intendono percepiti per trasparenza dai rispettivi soci con conseguente applicazione del corrispondente regime fiscale
L'articolo 32-quater del decreto-legge n. 124 del 2019 (convertito con modificazioni dalla legge n. 157 del 2019 e dal decreto Liquidità) ha introdotto, dal 2020, una nuova disciplina fiscale dei dividendi distribuiti alle società semplici. Tale disciplina consiste in un nuovo specifico regime di trasparenza fiscale, in virtù del quale i dividendi corrisposti a dette società si intendono “percepiti per trasparenza” dai relativi soci, con conseguente applicazione del corrispondente regime fiscale.
Le nuove disposizioni si sono rese necessarie per correggere i problemi applicativi sorti dopo le modifiche operate dalla legge n. 205 del 2017 (legge di Bilancio 2018), che, nell'unificare la tassazione dei redditi finanziari (con la generalizzazione del prelievo del 26%), aveva tuttavia conseguito l'effetto di determinare la tassabilità integrale dei dividendi corrisposti alle società semplici.

Le criticità emerse in passato


A miglior chiarimento di quanto precede, vale brevemente ricordare che:

  • prima della Legge di Bilancio 2018, gli utili distribuiti dai soggetti Ires alle società semplici concorrevano alla formazione del reddito in misura parziale (ed esattamente per il 58,14% del relativo ammontare), ex articolo 47, comma 1, primo periodo, del Tuir. Secondo l'Agenzia delle Entrate, in particolare, la ritenuta a titolo d'imposta del 26% era applicabile alle sole persone fisiche; per le società semplici, quindi, i dividendi rientravano sempre nella regola di cui al citato articolo 47 del Tuir;

  • successivamente, la legge di bilancio 2018 ha uniformato il trattamento fiscale dei dividendi sulle partecipazioni, abrogando la regola dell'imponibilità parziale degli utili distribuiti dai soggetti Ires e generalizzando la ritenuta d'imposta del 26% sugli utili corrisposti alle (sole) persone fisiche non agenti nell'esercizio di impresa. Nel modificato assetto normativo, tuttavia, la mancata menzione delle società semplici fra i soggetti destinatari della ritenuta d'imposta si è tradotta nella integrale tassabilità dei dividendi da esse percepiti, con evidenti problemi in termini di doppia imposizione economica dei medesimi flussi (tassazione in capo alla società partecipata e tassazione del dividendo percepito dalla società semplice) e di conseguenti effetti distorsivi.


 

La tassazione dei dividendi percepiti da società semplici a decorrere dal 2020


Come indicato, l'articolo 32-quater del decreto-legge n. 124 del 2019 è intervenuto sul descritto assetto, disponendo che, a decorrere dal 2020 (precisamente per i dividendi percepiti dal 1° gennaio 2020), valga un approccio “look-through”, secondo cui «i dividendi corrisposti alla società semplice si intendono percepiti per trasparenza dai rispettivi soci con conseguente applicazione del corrispondente regime fiscale».

Ne consegue che, a partire dal 2020 (e salvo specifiche situazioni derivanti da disposizioni transitorie che non saranno qui analizzate), le distribuzioni di utili alle società semplici trovano il seguente trattamento:

  1. per la quota “imputabile” a società di capitali residenti, i dividendi sono (esclusi per il 95% del relativo ammontare e pertanto) imponibili per il 5% del loro importo (e quindi, applicando l'aliquota Ires del 24%, subiscono una tassazione effettiva dell'1,20%);

  2. per la quota “imputabile” agli imprenditori individuali e alle società di persone residenti, i dividendi sono (esclusi per il 41,86% del relativo ammontare e quindi) imponibili per il 58,14% del loro importo, con una tassazione effettiva del socio che dipende dall'aliquota ad esso applicabile;

  3. per la quota “imputabile” alle persone fisiche non agenti nell'esercizio dell'attività d'impresa, i dividendi sono assoggettati a ritenuta d'imposta del 26%.


 

La società semplice come strumento di gestione dei patrimoni familiari


La società semplice costituisce una forma societaria spesso utilizzata come holding pura, per la detenzione e la protezione delle ricchezze familiari, alla luce della semplicità e duttilità della relativa governance e, soprattutto, per la possibilità di introdurre clausole specifiche (ad esempio, volte a preservare l'appartenenza familiare della compagine sociale) per il caso in cui uno dei soci venga meno. A tale ultimo proposito, infatti, si ricorda che, ai sensi dell'articolo 2284 del codice civile, «salvo contraria disposizione del contratto sociale, in caso di morte di uno dei soci, gli altri devono liquidare la quota agli eredi, a meno che preferiscano sciogliere la società, ovvero continuarla con gli eredi stessi e questi vi acconsentano».

Oltre a ciò, giova ricordare che l'articolo 3, comma 4-ter, del decreto legislativo n. 346 del 1990 prevede che, al ricorrere di determinante condizioni, «i trasferimenti a favore dei discendenti e del coniuge, di aziende o rami di esse, di quote sociali e di azioni» non siano soggetti all'imposta sulle successioni e donazioni; condizioni che, nel caso della società semplice, si risolvono nell'impegno, da parte del beneficiario, di mantenere la quota per (almeno) cinque anni dalla data del trasferimento.

Rispetto a detta forma societaria, pertanto, il neo-introdotto regime di tassazione dei dividendi ha rimosso un elemento di distorsione e di “inefficienza fiscale”, consentendo di guardare nuovamente alla società semplice come strumento giuridico di interesse per la gestione e la protezione dei patrimoni familiari e per la trasmissione intergenerazionale della ricchezza.
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
È partner dello studio legale Dentons, nella sede di Roma. Dottore commercialista e
revisore contabile, si occupa di fiscalità a 360°, pianificazione fiscale, tax ruling e
interpelli, private wealth management, fiscalità dei trust, piani di incentivazione, fiscalità
delle banche, delle assicurazioni e dei Ias/Ifrs Adopter. Segue procedimenti di voluntary
disclosure e patent box.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti