Pnrr, economia circolare e sostenibilità: il ruolo del fisco

marco-allena
Marco Allena
29.11.2021
Tempo di lettura: 3'
Nell'attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), e nello specifico della promozione della sostenibilità, quale ruolo ricopre lo strumento fiscale?
Il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) delinea un pacchetto completo e coerente di riforme e investimenti, necessario ad accedere alle risorse finanziarie messe a disposizione dall'Unione europea, all'interno della strategia di ripresa post-pandemica finanziata tramite il programma Next generation Eu (Ngeu).

Tale programma vede la possibilità di un'Europa più sana, più digitale e più verde, attraverso cui puntare a diventare il primo continente a impatto climatico zero entro il 2050, finanziando tecnologie rispettose dell'ambiente, veicoli e trasporti pubblici più ecologici ed edifici e spazi pubblici più efficienti sotto il profilo energetico.

L'idea di un futuro più verde eredita le sfide del green deal europeo, a cui saranno destinati un terzo dei 1.800 miliardi di euro di investimenti del piano per la ripresa di Ngeu e il bilancio settennale dell'Ue.

Gli obiettivi globali ed europei al 2030 e 2050 (Sustainable development goal, obiettivi Accordo di Parigi, European green deal …) sono molto ambiziosi. Puntano a una progressiva e completa decarbonizzazione del sistema ('net-zero') e a rafforzare l'adozione di soluzioni di economia circolare, per proteggere la natura e le biodiversità e garantire un sistema alimentare equo, sano e rispettoso dell'ambiente.

Inizialmente con la 2030 Agenda for sustainable development pubblicata dall'Onu nel 2015, e, oggi, con il nuovo green deal europeo, sono stati definiti gli obiettivi di sviluppo a lungo termine il cui raggiungimento dev'essere considerato prioritario dai governi: tra questi, figurano in prima linea la crescita economica globale in ottica sostenibile, la transizione energetica verso l'utilizzo di energie rinnovabili (anche attraverso l'istituzione di una nuova cosiddetta carbon tax europea), e l'instaurazione di un modello di economia circolare.
Questa transizione rappresenta un'opportunità unica e straordinaria per l'Italia e il percorso da intraprendere dovrà essere specifico, in quanto il nostro Paese:
a) ha un patrimonio unico da proteggere, un ecosistema naturale, agricolo e di biodiversità di valore inestimabile, che rappresentano l'elemento distintivo dell'identità, cultura, storia, e dello sviluppo economico presente e futuro;
b) è maggiormente esposto a rischi climatici rispetto ad altri Paesi, data la configurazione geografica, le caratteristiche del territorio, e gli abusi ecologici che si sono verificati nel tempo;
c) può trarre maggior vantaggio (e più rapidamente) rispetto ad altri Paesi dalla transizione, data la relativa scarsità di risorse tradizionali (es., petrolio e gas naturale) e l'abbondanza di alcune risorse rinnovabili (basti pensare che le nostre regioni del Sud possono vantare sino al 30-40% in più di irraggiamento rispetto alla media europea, rendendo i costi della generazione solare potenzialmente più bassi).

Ora, nell'attuazione del Pnrr, e nello specifico della promozione della sostenibilità, lo strumento fiscale potrà – anzi, dovrà – ricoprire un ruolo centrale, incentivando la transizione delle attività pubbliche e private verso i nuovi Sustainable development goal condivisi a livello internazionale.

Ciò, peraltro, contribuirà anche ad ampliare rispetto al passato il raggio d'intervento del sistema fiscale in materia ambientale: difatti, se negli ultimi decenni non sempre è stata incoraggiata l'attenzione alle green tax reform, queste ultime devono oggi rappresentare uno dei punti cardine delle nuove proposte normative.

La tassazione, d'altra parte, ha sempre giocato un ruolo cruciale nel promuovere oppure dissuadere il comportamento collettivo.
I sistemi fiscali sono strutturati in modo da riflettere il “doppio ruolo” della tassazione (oltre al ruolo principale, che è ovviamente quello di garantire gettito): da un lato, le agevolazioni fiscali, solitamente introdotte per sostenere attività considerate degne di attenzione (ad esempio le ristrutturazioni edilizie finalizzate all'efficientamento energetico); dall'altro, le politiche fiscali, volte ad impedire attività atte a danneggiare interessi pubblici fondamentali (come la protezione dell'ambiente).

Nel caso della tutela ambientale, lo scopo viene solitamente raggiunto introducendo prelievi su eventi inquinanti. Attraverso una tassazione ambientale sarebbe possibile correggere falsi segnali di prezzo nel mercato, aggiungendovi i costi dell'inquinamento e di altri fattori ecologici, contribuendo così a stabilire “il giusto prezzo” e ad attuare il principio comunitario “chi inquina paga”. Al fine di realizzare la necessaria ridistribuzione delle risorse economiche per il conseguimento dello sviluppo sostenibile, tutti i costi sociali ed ambientali devono essere incorporati nelle attività economiche, internalizzando i costi ambientali esterni.

È evidente, dunque, che la leva fiscale non potrà che rientrare fra i principali strumenti atti a garantire la transizione verso un'economia sostenibile, stante la sua funzione trasversale di indirizzo dei comportamenti dei consociati. In particolare, spetterà ai governi (non solo a quello italiano) implementare all'interno degli ordinamenti politiche fiscali volte a promuovere la sostenibilità in senso lato: in altri termini, occorrerà – anche attraverso lo strumento fiscale – incentivare la sostenibilità economica, socio-culturale e, ovviamente, quella ambientale.
Anzitutto, partendo dalla sostenibilità economica, idonee politiche fiscali devono essere adottate per garantire un equo sostentamento della spesa pubblica, la stabilità del sistema finanziario, la ripresa produttiva e la tutela del lavoro. A ciò si aggiunge la necessità che la leva fiscale contribuisca a garantire la sostenibilità sociale e, dunque, la parificazione delle opportunità di lavoro nonché l'equa distribuzione del reddito e del welfare all'interno dell'ordinamento. Da ultimo, il filo conduttore di tale processo dovrà essere l'attuazione del nuovo green deal europeo anche in ambito fiscale: si tratterà, quindi, di introdurre misure fiscali di sistema, volte a consentire un'imponente – anche se graduale – riconversione delle dinamiche produttive e di consumo, che dovranno conformarsi ai canoni della tutela ambientale, dell'efficientamento energetico e del riciclo.

In definitiva, dunque, la promozione della sostenibilità ambientale non potrà più essere considerata soltanto un auspicabile effetto collaterale, ma dovrà rappresentare un obiettivo primario delle nuove riforme, anche fiscali.
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Professore Ordinario di Diritto Tributario nell'Università Cattolica del Sacro Cuore, Facoltà di Economia e Giurisprudenza; è avvocato cassazionista ed equity partner presso Miccinesi Tax Legal Corporate, con sedi a Milano, Firenze e Roma. È membro di consigli di amministrazione e collegi sindacali di società di capitali.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti