Patent box: semplificazione della disciplina

Paolo Angelillis
Paolo Angelillis
17.11.2021
Tempo di lettura: 3'
Lo scorso 21 ottobre è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge n. 146/2021, c.d. “collegato” alla legge di Bilancio per il 2022. Tra i 7 articoli del capo I dedicati alle misure “urgenti” in materia fiscale, spicca l'art. 6, rubricato “Semplificazione della disciplina del patent box”

Analizzando poi nello specifico il contenuto della norma risulta evidente come, più che di “semplificazione”, ci si trovi dinanzi alla vera e propria “eliminazione” della disciplina del Patent box, a suo tempo introdotta dall’art. 1, commi da 37 - 45, Legge n. 190/2014.

Tra le due normative tuttavia, risultano alcuni problemi di coordinamento che potrebbero inficiare l’utilizzo nonché il buon esito sia della nuova agevolazione che delle procedure di Patent box tuttora in corso.

Prima di analizzare la nuova normativa, sia concesso illustrare sinteticamente in che cosa consiste(va) la disciplina sul Patent box.
Detta agevolazione consentiva - a tutti i soggetti titolari di reddito d'impresa, indipendentemente dalla natura giuridica, dalla dimensione e dal settore produttivo di appartenenza – di abbattere (a posteriori) una quota-parte della base imponibile, attraverso l'esclusione dalla formazione della stessa di una determinata percentuale dei redditi rinvenienti direttamente o indirettamente dall'utilizzo di determinati beni immateriali quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo: software protetti da copyright, disegni e modelli, brevetti industriali, know-how nonché, fino al 2016, anche i marchi d'impresa (agevolazione, quest'ultima, venuta meno per allineare la disciplina del Patent alle linee guida Ocse).
La procedura inizialmente necessitava obbligatoriamente di un ruling con l'Amministrazione finanziaria, al termine del quale si addiveniva ad un accordo col contribuente, che successivamente poteva procedere con le necessarire variazioni in diminuzione della propria base imponibile per poter usufruire dell'agevolazione. Solo successivamente, è venuto meno l'obbligo del suddetto ruling (il quale rimaneva facoltativo) per il calcolo del reddito agevolabile.
Ciò posto, la nuova agevolazione (con un'impostazione che ricorda altri benefici quali “super” e “iper” ammortamento) consente di procedere con la maggiorazione del 90 per cento dei costi sostenuti per la ricerca e lo sviluppo degli intangibles, inclusi i marchi d'impresa che, come appena visto, erano stati espunti dal novero dei beni agevolabili in sede di Patent.
L'opzione è irrevocabile e rinnovabile ed ha una durata di cinque periodi d'imposta. Per quanto concerne invece le modalità operative di adesione, queste verranno disciplinate da un successivo provvedimento direttoriale dell'Agenzia delle Entrate.
Aspetto rilevante poi, in ottica della valutazione della convenienza, consiste nel fatto che la nuova norma vieta espressamente (comma 9) la cumulabilità dell'agevolazione in commento col credito d'imposta per le attività di ricerca e sviluppo di cui all'art. 1, co. 198-206 della Legge n. 160/2019.
Dalla suddetta impostazione, si denota in primo luogo la sostanziale differenza tra il Patent e l'attuale agevolazione. Quest'ultima infatti – al contrario della precedente - va ad agevolare esclusivamente la spesa sostenuta, prescindendo dalla maggiore marginalità generata dall'utilizzo degli intangibles: marginalità che, verosimilmente, potrebbe anche non esserci.
Tuttavia le maggiori perplessità suscitate già all'indomani della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della nuova norma, hanno riguardato soprattutto le disposizioni relative all'entrata in vigore della nuova normativa e ai “rapporti” con la precedente.
Invero la novella legislativa dispone che a far data dall'entrata in vigore della stessa (22 ottobre 2021), vengono abrogate le norme relative al “vecchio” Patent box. Il comma 8 dispone poi che le disposizioni relative alla nuova agevolazione si applicano alle opzioni esercitate dalla medesima data.
Il combinato disposto di queste norme comporta dunque diverse complicazioni in primo luogo a chi, per il 2020, ha optato per il Patent in modalità autonoma (ossia senza ruling con l'Amministrazione finanziaria). Questi soggetti, già lo scorso giugno, legittimamente confidando nella piena operatività della normativa sul Patent, hanno liquidato minori imposte (calcolando in autonomia il beneficio derivante dall'utilizzo degli intangibles). Ciò posto, qualora questi soggetti non abbiano inviato la dichiarazione entro la data di entrata in vigore della nuova agevolazione, ossia lo scorso 21 ottobre (e d'altronde non si comprende perché dovessero anticipare l'invio a tale data visto che la deadline è fissata al 30 novembre 2021), potrebbero vedersi revocato il beneficio. Il tutto con buona pace del divieto di irretroattività delle norme tributarie, codificato dall'art. 3 dello Statuto del contribuente (legge n. 212/2000).
Stesse problematiche potrebbero registrarsi anche per quei soggetti che abbiano tuttora un ruling in corso con gli uffici, avendo inviato l'istanza di Patent entro il 31.12.2020 (valida appunto per il 2020 e per i 4 successivi). Orbene, il comma 10 del decreto prevede che detti soggetti possano optare per il nuovo regime: tuttavia anche in tale ipotesi, in assenza di opzione in dichiarazione (entro il prossimo 30.11), la precedente agevolazione rischia di non assumere efficacia.
Ancora, allo stato delle cose, non risulta possibile per le imprese interessate, procedere ad un preciso calcolo di convenienza tra le due agevolazioni (per i casi in cui sia consentita l'opzione), giacché alcuni rilevanti aspetti della nuova disciplina – primo fra tutti il dettaglio delle spese agevolabili – sono demandati a successivi provvedimenti del direttore dell'Agenzia delle Entrate. Provvedimenti che, giocoforza, non potranno mai intervenire in tempo utile per la presentazione della prossima dichiarazione fiscale. Del pari, ancorché auspicabile una disposizione di coordinamento tra le due norme durante l'iter della conversione in legge del decreto (che deve concludersi entro il 20 dicembre prossimo), la stessa rischierebbe di risultare tardiva per gli interessi degli operatori coinvolti.
D'altronde se una vera ed effettiva semplificazione del sistema del  Patent Box era sicuramente auspicabile (soprattuto in tema di riduzione delle tempistiche “pluriennali” necessitate dagli uffici per la conclusione dei ruling), di certo non si sentiva la necessità di eliminare tout court e “dall'oggi al domani” – tra l'altro mediante lo strumento del decreto legge che, come noto, può essere utilizzato solo in casi straordinari di necessità e urgenza (art. 77 Cost.) - un'agevolazione di sicura utilità e che molto interesse ha suscitato anche tra gli investitori esteri.
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
“Paolo Angelillis ha conseguito la Laurea Magistrale in Giurisprudenza nel 2011. Dopo aver concluso la pratica forense, ha frequentato il Master Tributario Full-Time presso la Business School de Il Sole 24 Ore e successivamente un master di approfondimento sulla fiscalità dei mercati internazionali dell’arte.
È iscritto presso l’Ordine degli Avvocati di Milano ed è socio della Sezione Italiana dell'International Fiscal Association - Società per lo studio dei problemi fiscali.
Dopo una pregressa esperienza di circa cinque anni in diversi Studi legali e tributari milanesi, dal 2019 collabora con lo Studio Sciumé Legal & Tax di Milano, occupandosi prevalentemente di consulenza e pareristica in ambito di asset protection (ottimizzazione del carico fiscale, pianificazione del passaggio generazionale e del family business), fiscalità di prodotti e servizi finanziari e bancari, tax due diligence e curando i rapporti con l’Amministrazione finanziaria.
Sommelier per passione, nel tempo libero adora giocare a tennis e, durante la bella stagione, le uscite in barca a ve

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti