EVENTO « III° PRIVATE MARKET SUMMIT » Idee per capitali pazienti in un mondo che cambia EVENTO IN DIRETTA REGISTRATI

La libera circolazione dei beni oggetto di donazione indiretta | WeWealth

La libera circolazione dei beni oggetto di donazione indiretta

Tempo di lettura: 3'
Devono trascorrere venti anni affinché si perda il diritto a esercitare l’azione di restituzione dei legittimari verso chi ha ricevuto un bene in dono. Diverso è il caso della donazione indiretta, per cui un eventuale acquirente è al riparo

La principale “minaccia” per chi riceve un bene in donazione è rappresentata dalla presenza dei legittimari. Infatti, il nostro ordi- namento riserva a tali soggetti (nello specifico coniuge e figli) una quota di eredità legittima della quale non possono essere privati.

A tal proposito, uno degli strumenti di tutela che la legge attribuisce al legittimario leso dalla disposizione del donante si rinviene nell’“azione contro gli aventi causa dai donatari soggetti a riduzione”, di cui all’art. 563 del Codice Civile, la quale impone al terzo avente causa del donatario la restituzione dell’immobile a favore del legittimario che ha esperito con successo l’azione di riduzione contro il donatario, sempre che il patrimonio di quest’ultimo risulti insufficiente a soddisfare le ragioni del legittimario. Tuttavia, se entro venti anni dalla data di trascrizione della donazione non sia stata proposta opposizione alla donazione da parte dei legittimari, l’azione di restituzione non potrà più essere esercitata e non vi sarà più alcun rischio per l’acquirente. E ciò a prescindere dal fatto che il donante sia ancora in vita o meno. Come noto, in tema di beni oggetto di donazione, uno degli aspetti più discussi attiene alla loro commerciabilità, vale a dire alla possibilità di essere venduti liberamente dal donatario senza che l’acquirente incorra nel rischio di essere coinvolto in liti ereditarie con i legittimari del donante. 


Ora, per la donazione di cui all’art. 769 c.c. sono richieste particolari formalità: in particolare l’atto pubblico e la presenza di due testimoni. Inoltre, fondamentale risulta la presenza dell’animus donandi, ossia la consapevolezza del donante di attribuire al donatario un vantaggio patrimoniale in assenza di qualsivoglia costrizione (elemento soggettivo) e l’effettivo depauperamento del suo patrimonio (elemento oggettivo). Diversamente, nella donazione indiretta la liberalità si realizza mediante uno o più atti che, conservando la forma e la causa propria, hanno l’effetto di arricchire il destinatario. Nella prassi, la fattispecie più diffusa di donazione indiretta, negozio con forma e causa propria del contratto di compravendita, è indicata con l’espressione “intestazione di beni a nome altrui”. È il caso ad esempio dell’immobile acquistato con il denaro del genitore e intestato al figlio. Con questo schema negoziale, oggetto della donazione rimane l’immobile, non già il denaro, ma si arricchisce il beneficiario senza ricorrere al tipo legale di donazione di cui all’art. 769 c.c. 


Ci si è chiesti, quindi, se l’esercizio dell’azione contro gli aventi causa del donatario soggetto a riduzione possa essere esperita anche per gli immobili acquistati mediante donazione indiretta. Si tratta di capire se la riduzione delle liberalità indirette incida sulla circolazione di tali beni. Sul punto è intervenuta la Corte di Cassazione con la recente pronuncia del 2 dicembre 2022, n. 35461. In particolare, i giudici di legittimità hanno smentito quanto affermato nella precedente sentenza dell’11 febbraio 2022 n. 4523 e hanno chiarito che laddove il donatario beneficiario della disposizione lesiva abbia alienato a terzi l’immobile donatogli tramite donazione indiretta, il terzo è al riparo da ogni pretesa restitutoria del legittimario. Nel caso di acquisto di immobile e intestazione ad altri, seppure oggetto della donazione sia l’immobile e non il denaro, alle riduzioni delle liberalità indirette non si può applicare il principio della quota legittima in natura, operante in caso di donazione ordinaria dell’immobile. Con la conseguenza che la riduzione delle donazioni indirette non mette in discussione la titolarità dei beni donati, né incide sul piano della loro circolazione. In definitiva, la Cassazione ha chiarito la sicurezza degli acquisti di immobili di provenienza donativa indiretta riconoscendo la tutela all’affidamento del terzo avente causa del donatario.

Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.
WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Socio responsabile del team legale dello Studio Russo De Rosa Associati. E' specializzato nella consulenza ai clienti imprenditori e alle loro famiglie nella gestione di passaggi generazionali d'azienda, nell'apertura o cessione del capitale a terzi e nella trasmissione e protezione del patrimonio familiare. Nell'ambito di operazioni di acquisizione di pacchetti societari, con particolare focus sulle PMI, assiste importanti gruppi industriali internazionali e fondi di private equity.

Cosa vorresti fare?