Holding di partecipazioni: chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Roberta Moscaroli
Roberta Moscaroli
29.6.2021
Tempo di lettura: 3'
Risposta a interpello n. 266 del 19 aprile 2021: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate sull'inquadramento delle holding di partecipazione. La gestione di un portafoglio finanziario a fini speculativi non determina lo status di holding di partecipazioni
Con risposta a interpello del 19 aprile 2021, n. 266, l'Agenzia delle entrate ha fornito importanti chiarimenti in materia di holding di partecipazione disciplinate dall'articolo 162-bis del dpr 22 dicembre 1986, n. 917 (Tuir), introdotto dal decreto legislativo 29 novembre 2018, n. 142, in sede di recepimento della direttiva Atad (Anti tax avoidance directive).
Nel dettaglio, la norma in commento si occupa della definizione - quali soggetti passivi ai fini delle imposte dirette (Ires e Irap) - delle seguenti categorie di soggetti:

  • intermediari finanziari;

  •  società di partecipazione finanziaria (holding finanziarie), ossia i soggetti che esercitano in via esclusiva o prevalente l'attività di assunzione di partecipazioni in intermediari finanziari;

  • società di partecipazione non finanziaria e assimilati (holding non finanziarie), ovverosia (i) i soggetti che esercitano in via esclusiva o prevalente l'attività di assunzione di partecipazioni in soggetti diversi dagli intermediari finanziari, o (ii) i soggetti che svolgono attività non nei confronti del pubblico di cui al comma 2 dell'articolo 3 del regolamento emanato in materia di intermediari finanziari in attuazione degli articoli 106, comma 3, 112, comma 3 e 114 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, nonché dell'articolo 7-ter, comma 1-bis, della legge 30 aprile 1999, n. 130.

In tale contesto, la risposta a interpello (le cui conclusioni sono state successivamente ribadite dalla risposta a interpello 24 maggio 2021, n. 363) contribuisce a definire l'ambito soggettivo di applicazione della disciplina citata, escludendo che l'attività di gestione di portafogli finanziari a fini meramente speculativi possa rilevare a tal fine, sempre che risulti assente qualsiasi tipo di mandato ad operare da parte di terzi e che le partecipazioni transitino in via esclusiva nell'attivo circolante.

Il caso


Il caso sottoposto all'attenzione dell'Agenzia delle entrate riguarda la corretta qualificazione giuridica di una società a responsabilità limitata, partecipata al 100% da una signora che ne riveste altresì la carica di amministratore unico e rappresentante legale.

La società chiede quindi se la stessa rientri nell'ambito applicativo dell'articolo 162-bis del Tuir (in materia di intermediari finanziari e società di partecipazione) e, conseguentemente, si inquadri come holding finanziaria o come holding non finanziaria, detenendo strumenti finanziari di diversa natura e avendo come oggetto sociale le seguenti attività:

  •  l'assunzione di partecipazione e gestione di partecipazioni in altre società o enti;

  •  l'acquisto, la gestione e la vendita di titoli di debito e azionari, quotati e non, prodotti finanziari e averi mobiliari in genere;

  • la compravendita, la permuta, la locazione, l'affitto di beni immobili ed ogni ulteriore attività connessa e accessoria.

L'istante aggiunge inoltre che, al fine del compiuto svolgimento dell'attività di cui sopra, la stessa può erogare finanziamenti sotto qualsiasi forma, ivi incluso il rilascio di garanzie, e può compiere tutte le operazioni commerciali, mobiliari, immobiliari e finanziarie necessarie o utili al raggiungimento dell'oggetto sociale con esclusione, tuttavia, dello svolgimento di attività finanziarie nei confronti del pubblico e di ogni altra attività riservata per legge.

I chiarimenti dell'Agenzia


Sulla base delle particolari modalità operative con cui la società svolge la propria attività, l'Agenzia esclude che la stessa possa essere ricondotta ad alcuna delle categorie di cui all'articolo 162-bis del Tuir, con conseguente determinabilità della base imponibile Ires e del valore della produzione netta ai fini Irap secondo le modalità previste per le società industriali e commerciali. Più precisamente:

  • in via preliminare, l'Agenzia esclude la qualificazione dell'istante quale intermediario finanziario ex lettera a) dell'articolo 162-bis suddetto, in considerazione del fatto che, sebbene l'attività di gestione del portafoglio finanziario sia effettuata in qualità di investitore professionale, la stessa non dà origine a rapporti finanziari con soggetti terzi, ma persegue mere finalità di impiego della liquidità nell'interesse del titolare (ossia della società medesima), difettando, pertanto, la caratteristica tipica degli intermediari finanziari dell'attività finanziaria svolta nei confronti del pubblico;

  •  con riferimento, invece, alla possibile inclusione della società tra i soggetti di cui alle lettere b) e c) del citato articolo 162-bis, l'Agenzia precisa che la stessa risulta legata alla composizione del totale dell'attivo patrimoniale, come stabilito dai commi 2 e 3 dello stesso articolo. Al riguardo, si ha esercizio in via prevalente di attività di assunzione di partecipazioni in intermediari finanziari o in soggetti diversi dagli intermediari finanziari a seconda che l'ammontare complessivo delle partecipazioni, rispettivamente, in intermediari finanziari o soggetti diversi da questi ultimi sia superiore al 50% del totale dell'attivo patrimoniale risultante dal bilancio relativo all'ultimo esercizio. Peraltro, con risposta a interpello 13 gennaio 2021, n. 40, la stessa Agenzia ha chiarito che il cosiddetto test di prevalenza ha carattere relativo, sussistendo la prevalenza anche quando gli elementi summenzionati siano superiori al 50% dell'attivo dello stato patrimoniale, ancorché le stesse voci riferite alle partecipazioni finanziarie e quelle concernenti le partecipazioni non finanziarie, prese distintamente, non siano prevalenti rispetto al totale dell'attivo di stato patrimoniale.


Tali considerazioni portano a escludere che le partecipazioni acquisite a fini meramente speculativi (come nel caso di specie) rientrino tra quelle soggette al test di prevalenza, poiché transitate esclusivamente nell'attivo circolante. Al contrario, vi rientrerebbero quelle partecipazioni che, acquisite come immobilizzazioni finanziarie, sono state successivamente collocate nel circolante in attesa di realizzo.

Conclusioni


A seguito delle modifiche apportate dalla direttiva Atad alla disciplina dei soggetti operanti nel settore finanziario, sono state numerose le occasioni in cui si è reso necessario l'intervento dell'Agenzia delle entrate, chiamata a precisarne e a delimitarne, come nel caso in esame, l'ambito applicativo.

La pronuncia in commento assume particolare rilevanza, poiché non solo consente di individuare il regime tributario applicabile alle società che gestiscono portafogli finanziari a fini meramente speculativi, ma consente altresì di escludere, in capo alle stesse, i conseguenti oneri comunicativi all'archivio dei rapporti finanziari e ai fini Fatca/Crs (disposizioni in materia di scambio automatico di dati fiscali tra Stati).
Al riguardo, infatti, si osserva come l'attività finanziaria consistente nella negoziazione di strumenti finanziari per conto proprio, in "contropartita diretta", e cioè avvalendosi di patrimonio proprio con esclusione di qualsiasi forma di mandato a operare da parte di terzi, esclude qualsiasi forma di retrocessione del risultato della negoziazione a clienti.

Per tali motivi, l'assenza di rapporti finanziari con soggetti terzi fa venir meno:

  •  l'obbligo di comunicazione di un indirizzo di posta elettronica certificata all'Agenzia delle entrate, gravante sulle imprese che si qualificano come “impresa di investimento” ex articolo 4, comma 1, della direttiva Mifid 2 (direttiva 2014/65/Ue);

  • gli obblighi di due diligence e comunicazione Facta/Crs propri delle istituzioni finanziarie italiane che siano istituzioni di deposito, istituzioni di custodia, imprese di assicurazione specificate o entità di investimento, per difetto dei requisiti di cui all'articolo 1, n. 5), lettera c) del Dm 6 agosto 2015 e all'articolo 1, comma 1, lettera h), del Dm 28 dicembre 2015.

Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
È partner dello studio legale Dentons, nella sede di Roma. Dottore commercialista e
revisore contabile, si occupa di fiscalità a 360°, pianificazione fiscale, tax ruling e
interpelli, private wealth management, fiscalità dei trust, piani di incentivazione, fiscalità
delle banche, delle assicurazioni e dei Ias/Ifrs Adopter. Segue procedimenti di voluntary
disclosure e patent box.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti