Donazione informale: civilisticamente nulla ma…

MariaPaola Serra
MariaPaola Serra
15.2.2021
Tempo di lettura: 3'
Con la (discutibile) recente ordinanza n. 27665 del 3 dicembre 2020 la sezione V civile della Corte suprema di Cassazione conferma che la donazione irrispettosa dei requisiti di forma stabiliti dall'art. 782 c.c. ha comunque rilevanza a fini impositivi
Ai sensi dell'art. 769 c.c., la donazione è il contratto con il quale, per spirito di liberalità, una parte arricchisce l'altra, disponendo a favore di questa di un suo diritto o assumendo verso la stessa un'obbligazione. Nel nostro ordinamento giuridico la donazione “tipica”, per essere valida (fuori dai casi di donazione di bene mobile di modico valore), deve rispettare i requisiti di forma richiesti dal combinato disposto degli artt. 782 c.c., 47 e 48 della L. 16 febbraio 1913 n. 89 (legge notarile), ovverosia il perfezionamento mediante atto pubblico alla presenza di testimoni.
Le ragioni di tale formalismo si rinvengono, essenzialmente, nella necessità di tutela sia del donante (che deve essere consapevole e certo di voler depauperare il suo patrimonio), sia dei terzi (es. i creditori e gli eredi del donante, che possono avvalersi della forza probante dell'atto pubblico notarile), sia del fisco (evitando l'elusione dell'imposta di donazione).

Dalla donazione “tipica” si distinguono le donazioni “indirette”, che – in assenza di una definizione operata dal legislatore – sono indicate comunemente dalla dottrina e dalla giurisprudenza come quelle liberalità effettuate non mediante il contratto di donazione come sopra identificato, bensì attraverso uno o più negozi giuridici tra essi collegati che siano produttivi non soltanto dell'effetto diretto loro proprio ma anche di un arricchimento della controparte voluto per spirito liberale. Le donazioni indirette devono osservare la forma prescritta per il negozio attraverso il quale si esplicano e a esse si applica - oltre che la normativa afferente quest'ultimo - la disciplina della donazione “tipica” per quanto attiene la revocazione per ingratitudine e per sopravvenienza di figli, la riduzione per lesione di legittima e la collazione.

Casi di donazioni indirette ricorrenti nella prassi sono le liberalità attuate mediante:

  • (i) il contratto a favore di terzo (come l'accordo con cui al terzo beneficiario è attribuito un diritto, senza che egli paghi alcun corrispettivo e senza alcun vantaggio economico per il disponente),

  • (ii) la cointestazione, con firma e disponibilità disgiunte, di una somma di denaro depositata presso un istituto di credito, qualora detta somma, all'atto della cointestazione, risulti essere appartenuta ad uno solo dei cointestatari,

  • (iii) la delegazione attiva di pagamento (es. il genitore delega il pagamento della somma di denaro derivante dalla vendita di un immobile in favore del figlio),

  • (iv) la rinuncia abdicativa (es. l'usufruttuario che rinuncia al proprio diritto attraverso la manifestazione di una volontà unilaterale, intendendo beneficiare il nudo proprietario a vantaggio del quale si realizza il consolidamento della piena proprietà).


La donazione cosiddetta “informale”, invece, è la liberalità attuata non mediante un negozio giuridico, ma attraverso un comportamento materiale (es. consegna brevi manu di liquidità o di un assegno circolare intestato al donatario, trasferimento di denaro a mezzo bonifico bancario o di strumenti finanziari dal conto di deposito titoli del beneficiante a quello del beneficiario a mezzo banca) cui non corrisponde alcuna controprestazione. In tali casi si è di fronte a una donazione tipica - sebbene ad esecuzione indiretta - che, in quanto tale, per essere valida, deve rispettare le prescrizioni di forma sopra viste.

Nonostante il fatto che la nullità (a fini civilistici) della donazione informale sia stata espressamente decretata dalla sentenza a sezioni unite della Corte di Cassazione n. 18725 del 27 luglio 2017, continuano a susseguirsi gli arresti giurisprudenziali che la ritengono comunque rilevante a fini impositivi: indicazione a dir poco discutibile posto che, in presenza di una donazione nulla, il bene donato non può ritenersi mai uscito dalla sfera giuridica del donante e, pertanto, nessun arricchimento si è consolidato in capo al donatario, con conseguente inesistenza del presupposto impositivo al ricorrere del quale l'imposta di donazione risulta dovuta.

L'ordinanza in commento, invece, inserendosi nel solco giurisprudenziale che - a chiari fini di deterrenza di prassi elusive - fa rientrare nel più ampio genus delle donazioni indirette anche le donazioni informali (quali liberalità che neppure si traducono in contratti scritti, trattandosi di meri comportamenti materiali), ribadisce la rilevanza a fini impositivi di queste ultime, sostenendo che “l'inosservanza della forma pubblica richiesta dall'art. 782 c.c., e la relativa sanzione della nullità, se rilevano sul piano civilistico (omissis), nessuna conseguenza producono sul piano tributario, in ragione del principio generale affermato dall'art. 53 Cost.”, con conseguente tassazione delle stesse quali liberalità indirette.
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
MariaPaola Serra è managing counsel dello studio legale e tributario Dentons, nella sede di Milano. Segue high net worth individuals italiani e stranieri in progetti di allocazione, segregazione e riassetto patrimoniale e nella relativa implementazione; presta assistenza legale in materia di pianificazione successoria domestica e internazionale e si occupa di passaggi generazionali all’interno di imprese di famiglia.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti