EVENTO « III° PRIVATE MARKET SUMMIT » Idee per capitali pazienti in un mondo che cambia EVENTO IN DIRETTA REGISTRATI

Dichiarazione di successione: cosa accade se ci sono eredi stranieri? | WeWealth

Dichiarazione di successione: cosa accade se ci sono eredi stranieri?

Nicola Dimitri
13.11.2023
Tempo di lettura: 3'
Con una recente risposta a interpello, n. 407 del 2023, l’Agenzia delle entrate rende chiarimenti in merito all’ipotesi di eredità destinata anche a eredi stranieri

l’Ufficio liquida l'imposta sulla successione sulla base della dichiarazione di successione, che deve essere presentata entro 12 mesi dalla data di apertura

Nella risposta a interpello n. 407 del 2023, avente ad oggetto chiarimenti in merito agli adempimenti relativi alla dichiarazione di successione, nell’ipotesi di eredità destinata anche a eredi stranieri, l’Agenzia delle entrate chiarisce alcuni punti fermi, e dunque che:

  • fino a quando l'eredità non è stata accettata, o non è stata accettata da tutti i chiamati, l'imposta è determinata considerando come eredi i chiamati che non vi hanno rinunziato
  • l’Ufficio liquida l'imposta sulla successione sulla base della dichiarazione di successione, che deve essere presentata entro 12 mesi dalla data di apertura
  • quanto alla dichiarazione di successione, è stabilito che sono obbligati a presentare la dichiarazione i chiamati all'eredità e i legatari
  • se più soggetti sono obbligati alla stessa dichiarazione questa non  si considera omessa se presentata da uno solo
  • i chiamati all'eredità e i legatari sono  esonerati  dall'obbligo  della  dichiarazione  se,  anteriormente  alla  scadenza  del  termine stabilito, hanno rinunziato all'eredità o al legato.

LE OPPORTUNITÀ PER TE. Come fare una corretta pianificazione successoria? Quali sono gli adempimenti degli eredi in fase di successione? Gli advisor selezionati da We Wealth possono aiutarti a trovare le risposte che cerchi. TROVA IL TUO ADVISOR

Dichiarazione di successione ed erede straniero


La dichiarazione di successione deve contenere:

  • le generalità la residenza e il codice fiscale dei chiamati all'eredità e dei legatari, il loro grado di parentela o affinità col defunto e le eventuali accettazioni o rinunzie.

Per  i  soggetti  tenuti alla dichiarazione residenti  all'estero,  se  impossibilitati  alla  trasmissione  telematica, è previsto che la dichiarazione possa essere eccezionalmente presentata nella forma cartacea come precisato nelle istruzioni alla Dichiarazione di successione e domanda di volture  catastali.

Più in particolare, osserva l’Agenzia, in relazione alla presenza di chiamati all'eredità residenti all'estero e non iscritti all'anagrafe tributaria italiana, alla luce delle norme sopra richiamate, si ritiene che, ai fini fiscali, per la corretta devoluzione dell'eredità in questione, della determinazione  della  base  imponibile,  dell'aliquota  applicabile  e  del  riconoscimento  dell'eventuale  franchigia, occorre indicare in dichiarazione tutti i chiamati all'eredità, con le generalità  e il grado di parentela con il defunto.

Con  riferimento all'indicazione nella dichiarazione di successione dei chiamati  all'eredità  privi  del codice  fiscale  italiano è previsto che:

  • coloro che sono tenuti agli obblighi di indicazione del numero di codice fiscale di altri soggetti hanno diritto di riceverne da questi ultimi comunicazione scritta e, se tale  comunicazione non perviene almeno dieci giorni prima del termine in cui l'obbligo di  indicazione deve essere adempiuto, possono rivolgersi direttamente all'Amministrazione finanziaria, anche utilizzando sistemi telematici, relativi al soggetto di cui si richiede l'attribuzione del numero di codice fiscale.

In questo senso,  l'obbligo  di  indicazione  del  numero  di  codice  fiscale  dei  soggetti  non  residenti  nel  territorio  dello Stato, cui tale codice non risulti già attribuito, si intende adempiuto per le persone fisiche con l’indicazione del  cognome e nome, luogo e data di nascita, nonché del domicilio estero.

In conclusione, in presenza di chiamati all’eredità residenti all’estero, non iscritti all’anagrafe tributaria italiana, per effettuare la corretta devoluzione dell’eredità, la determinazione della base imponibile, dell’aliquota applicabile ed eventuale franchigia, i dati rilevanti che devono essere indicati nella dichiarazione di successione sono “le generalità del chiamato e il grado di parentela con il defunto”.

Nella presentazione della dichiarazione di successione, l’obbligo di indicazione del codice fiscale, in presenza di un soggetto straniero, si considera adempiuto con la sola indicazione delle generalità del chiamato all’eredità. 


Redattore e coordinatore dell'area Fiscal & Legal di We Wealth. In precedenza ha lavorato nell'ambito del diritto tributario e della fiscalità internazionale presso primari studi legali

Cosa vorresti fare?