Consulenti finanziari: sì all'identificazione video per finalizzare i contratti

Tempo di lettura: 2'
Con il provvedimento del 30 luglio 2019 pubblicato in Gazzetta ufficiale il 13 agosto 2019, Banca d'Italia ha introdotto novità importanti per quanto riguarda i Cfo e la possibilità di verificare tramite video l'identità del cliente 

Identificazione a distanza del cliente per i consulenti finanziari. I consulenti devono ottenere il consenso alla privacy e il video vede essere conservato

Lo strumento video deve inoltre garantire una buona qualità dell'immagine in modo da poter identificare bene il cliente

Il consulente finanziario potrà identificare il proprio cliente attraverso sessioni audio/video protette da cifratura dei canali. Questa modalità, decisa con il provvedimento del 30 luglio 2019 pubblicato in Gazzetta il 13 agosto entra in vigore il 28 agosto 2019 fa in modo di eliminare il bisogno di avvalersi anche dell'adeguata verifica tramite terzi, normalmente effettuata tramite bonifico bancario.

Il provvedimento da dunque la possibilità di identificare a distanza il cliente grazie ad una procedura audio/video svolta attraverso un sistema che garantisca la cifratura del canale di comunicazione audio e video sufficiente a identificare chiaramente l'interlocutore. L'intera sessione audio/video deve essere registrata e conservata, dopo aver ottenuto il consenso del cliente alla privacy. Oltre alle fasi di raccolta dei dati e verifica dei documenti e all'acquisizione del consenso del cliente la procedura prevede l'invio di un codice di conferma (OTP) via e-mail o telefono cellulare.

I servizi di Video-identificazione e VideoFirma di Vis-à-bit nascono compliant by design a tutti requisiti della nuova normativa e sono dunque adatti alla progettazione di sistemi integrati e digitalizzati di KYC (Know Your Customer) e di gestione istruttorie, accessibili da qualsiasi smartphone. L'efficacia dei servizi è stata inoltre testata in anteprima per FD Fiduciaria Digitale, società del gruppo che per prima ha incorporato tali tecnologie. Vis-à-bit rende disponibili queste innovazioni per banche, intermediari del settore finanziario e assicurativo, e aziende con esigenze di identificazione e operatività a distanza.

Le nuove disposizioni di Banca d'Italia sono perfettamente in linea con la nostra visione del futuro della finanza. Vis-à-bit è una Fintech al servizio degli intermediari finanziari: alla disintermediazione preferiamo il concetto di intermediazione diretta, nella quale la relazione a distanza tra intermediario e cliente è sempre migliore, con un'interazione semplice e immediata, senza concedere nulla in termini di sicurezza.” ha dichiarato Massimo Merlino – Presidente di Vis-à-Bit, “Anche al di fuori del settore finanziario, le nostre tecnologie di video-identificazione e VideoFirma possono inoltre essere un'opportunità per tutte quelle aziende, anche Pmi, che vogliano digitalizzare la vendita dei propri prodotti o servizi.

L'offerta di Vis-à-bit si compone oggi delle soluzioni di video identificazione e VideoFirma.

 

 

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti