Pnrr e nuovi alloggi per studenti: nuove opportunità per investitori

Maurizio Fraschini
Maurizio Fraschini
11.8.2021
Tempo di lettura: 3'
In arrivo ingenti risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) per la realizzazione di alloggi per gli studenti: un'opportunità di investimento importante per i soggetti privati oltre che per gli istituzionali
Siamo all'inizio di un nuovo anno accademico e, come ogni anno, per moltissimi studenti parte la caccia all'alloggio o al “posto letto” che - in molte città, sedi di università di forte richiamo - può risultare complicato e dispendioso.

Il Ministero dell'Università e della Ricerca con il Dm 566 del 30 aprile 2021 ha sancito di avviare entro il 2022 le procedure di affidamento dei lavori di miglioramento degli edifici e le residenze universitarie, quale condizione per non perdere i quasi 257 milioni di euro già assegnati loro come prima tranche dei fondi per i programmi di edilizia universitaria per il periodo 2019-2033, pubblicato a marzo 2020 (e poi prorogato causa pandemia).

Nella graduatoria stilata a marzo 2021, tra i progetti presentati da 43 università, la quota maggiore di oltre 36 milioni di euro va all'Università Federico II di Napoli, segue l'Università di Firenze con 31 milioni, l'Università di Bologna con 20 milioni e l'Università di Chieti-Pescara con oltre 16 milioni.

Ma questo è “solo” un finanziamento con fondi ordinari per il miglioramento degli edifici esistenti. La vera svolta per gli studenti universitari arriverà con il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) che destina 960 milioni di euro agli alloggi dei fuorisede.

Il capitolo 1.7 del Pnrr “Alloggi per gli studenti e riforma della legislazione sugli alloggi per studenti” sancisce che la misura “si basa su un'architettura innovativa e originale, che ha l'obiettivo di incentivare la realizzazione, da parte dei soggetti privati, di nuove strutture di edilizia universitaria attraverso la copertura anticipata, da parte del ministero dell'Università e della ricerca (Mur), degli oneri corrispondenti ai primi tre anni di gestione delle strutture stesse.
Secondo i dati Eurostat l'Italia è penultima in Europa per numero di cittadini laureati. Non per scadere nella retorica, ma nel Paese di Dante e Leopardi, di Leonardo e Giotto, di Fermi e Rita Levi Montalcini, nel 2020 i laureati in Italia nella fascia di età compresa tra i 25 e i 34 anni sono stati il 29%, superiori solo alla Romania e lontano dalla media europea e dall'obiettivo prefissato dall'Ue di far arrivare al 45% la media dei giovani che conseguono la laurea entro il 2030.

Si può dunque comprendere quanto sia importante la misura del Pnrr il cui obiettivo è quello di triplicare i posti per gli studenti fuorisede, portandoli da 40mila a oltre 100mila entro il 2026, attraverso la revisione dell'attuale legislazione sugli alloggi per studenti.

Quali le novità?
Innanzitutto, l'apertura della partecipazione al finanziamento anche a investitori privati, o partenariati pubblico-privati. Questo pare davvero essenziale in modo che gli investitori, anche istituzionali, possano impiegare appieno nuove risorse e creare un volano virtuoso tra investimenti pubblici e privati.
Per favorire poi gli investimenti privati, è previsto un regime di tassazione simile a quello applicato per l'edilizia sociale, che però consenta l'utilizzo flessibile dei nuovi alloggi quando non necessari all'ospitalità studentesca.

Altro principio fondamentale introdotto dal Pnrr è quello dell'adeguamento degli standard per gli alloggi, “alleggerendo” i requisiti previsti attualmente dalla legge in relazione agli spazi comuni per studente negli edifici, in favore di camere (singole) meglio attrezzate e connesse digitalmente.

La normativa prevede poi agevolazioni per la ristrutturazione e il rinnovo delle strutture esistenti in luogo di nuovi edifici greenfield (prevedendo una maggiore percentuale di cofinanziamento, attualmente al 50%), con il più alto standard ambientale che deve essere garantito dai progetti presentati.

Infine, è prevista la digitalizzazione della procedura per la presentazione e la selezione dei progetti.

Si tratta dunque di una normativa rivoluzionaria per gli studenti e per gli operatori dell'immobiliare, che potranno investire in progetti utili all'intero Paese, perché, come diceva Henry Ford, "la competitività di un Paese non inizia nelle fabbriche o nei laboratori di ricerca, ma nelle scuole”.
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Avvocato del Foro di Milano e Parigi, è partner dello studio Plusiders. Si occupa di M&A, real estate e private equity. Ha una consolidata esperienza nella strutturazione e realizzazione di operazioni
societarie straordinarie e, in particolare, nella gestione dei differenti aspetti degli investimenti e della contrattualistica nel settore real estate.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti