I mercati immobiliari più trasparenti: la classifica 2020

Tempo di lettura: 3'
Il podio dei mercati più trasparenti continua a essere occupato dai paesi anglofoni, con il Regno Unito, gli Stati Uniti e l'Australia nelle prime tre posizioni. Notevoli incrementi sono stati fatti dalla Francia (4°) e dell'Irlanda (8°). E l'Italia? I dettagli nella ricerca di Jll

La trasparenza è una variabile sempre più importante per il crescente peso del mercato immobiliare nelle strategie di investimento globali

L'indice Greti (Global real estate transparency index) 2020 analizza 99 paesi e territori e 163 città nel mondo

Regno Unito, Stati Uniti e Australia sul podio. L'Italia al 17° posto, tra i paesi trasparenti

Quanto conta la trasparenza nel mercato immobiliare? Sempre di più poiché è una variabile critica per l'efficienza operativa dei mercati: è questa la risposta che emerge dal Global real estate transparency index (Greti) 2020, un indice che valuta 99 paesi e territori e 163 città a livello globale, da poco pubblicato da Jll che dal 1999 con LaSalle monitora la trasparenza del settore immobiliare, promuovendo standard più elevati.
“Il settore immobiliare è sempre stato il più grande asset class al mondo per valore, ma ora sta diventando sempre più importante nelle strategie di investimento globali. Di conseguenza, un numero sempre maggiore di privati è esposto al settore immobiliare attraverso fondi pensione e polizze assicurative o partecipazioni in REIT, in società immobiliari quotate in borsa o sia in fondi chiusi che aperti. Questi riflettori sul settore hanno ampliato la definizione di trasparenza con una maggiore richiesta di comprensione dell'impatto delle decisioni di investimento sull'ambiente e sulle comunità. Una maggiore trasparenza è fondamentale per creare mercati immobiliari sani che funzionino per tutti i partecipanti, non solo per pochi, e noi ci aspettiamo che le nuove tecnologie accelerino i miglioramenti e consentano ad alcuni paesi di salire di livello nei prossimi anni”, afferma nel report Richard Bloxam, member of the Ggobal executive board, global ceo, capital markets Jll.

La trasparenza ai tempi della pandemia


Nell'edizione 2020, l'indagine è stata estesa per quantificare oltre 200 elementi distinti di trasparenza, con copertura aggiuntiva su sostenibilità e resilienza, salute e benessere, proptech (il neologismo nato dalla fusione di property e technology) e settori alternativi. Inoltre, i paesi vengono valutati sulla base di alcune categorie chiave: misurazione della performance degli investimenti, fondamentali di mercato, governance dei veicoli quotati, contesto normativo e legale, processo di transazione e trasparenza della sostenibilità.

In particolare l'ultimo report (che ha come titolo “transparency, digitization, decarbonization”) mette in luce che il nuovo panorama di trasparenza dipenderà dalla capacità di risposta dei diversi paesi alla situazione di crisi indotta dalla pandemia Covid-19, dove le nuove regole sul distanziamento sociale, i test sui virus e il tracciamento dei contatti si intersecano con le leggi esistenti sulla proprietà e sulla privacy in un arco di tempo compresso. Un'avvertenza: l'analisi 2020 è stata conclusa a marzo e di conseguenza la valutazione dell'equità, dell'efficacia e della chiarezza del contesto normativo è stata effettuata prima che iniziassero a diffondersi molti dei regolamenti emanati in fretta e furia per far fronte a una pandemia in rapida evoluzione.

 

La classifica 2020


Tornando all'indice Greti 2020, chi guida la classifica? I primi posti continuano ad essere occupati dai paesi anglofoni, con il Regno Unito, gli Stati Uniti e l'Australia nelle prime tre posizioni, mentre Francia (4°) e Irlanda (8°) hanno registrato notevoli incrementi. La trasparenza è stata rafforzata in questi mercati considerati "altamente trasparenti" da una combinazione di proptech e nuovi dati, iniziative di sostenibilità, norme anti-riciclaggio e migliore tracciabilità dei settori alternativi.

Tra i paesi che hanno registrato i miglioramenti più significativi si nota che il Sud e il Sud-Est asiatico hanno fatto progressi a livello globale. L'India ha registrato uno dei più grandi miglioramenti a livello globale, con progressi nell'ambito dei REIT (Real Estate Investment Trust) del Paese che attirano un maggiore interesse da parte degli investitori istituzionali.

 

L'Italia tra i paesi trasparenti


E l'Italia? Nel report JLL i paesi esaminati sono suddivisi in cinque gruppi: Altamente trasparenti (sono i primi 10: Uk, USA, Australia, Francia; Canada, New Zealand, Netherlands, Irlanda, Svezia, Germania); Trasparenti (dall'11 posizione della Svizzera alla 33 della Thailandia: l'Italia occupa il 17° posto); Semi trasparenti, (dalla posizione 34 dell'India alla 57 dell'Arabia Saudita); Poco trasparenti (dal n.60 dell'Egitto al n.80 del Ghana); Opachi (dalla posizione 81 dell'Oman alla 99 della Libia).

 

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti