Uk, via a nuove regole per le Ipo: gli effetti sui mercati finanziari

Rita Annunziata
3.12.2021
Tempo di lettura: 5'
Entrano in vigore le nuove regole per le Ipo sul London Stock Exchange. Ecco quali sono le novità. E quali le conseguenze per i mercati finanziari

La capitalizzazione minima di mercato passa da 700mila a 30 milioni di sterline per ambedue i segmenti (premium e standard) del London stock exchange

Secondo Gaudenti, alcune aziende europee potrebbero tornare a puntare gli occhi su Londra, specie nel settore tech e nel digitale

Sono entrate ufficialmente in vigore le nuove regole introdotte dalla Financial Conduct Authority per le Ipo sul London Stock Exchange. A partire dal 3 dicembre la capitalizzazione minima di mercato nei segmenti premium e standard sale da 700mila a 30 milioni di sterline. Ma non si tratta dell'unica novità. We Wealth ne ha parlato con Franco Gaudenti, presidente di Envent Capital Markets. Analizzandone contenuti e prospettive per i mercati finanziari. Con un occhio anche all'Italia.Le novità introdotte, spiega Gaudenti, sono ispirate alle raccomandazioni del “Lord Hill's review on listings” e del “Ron Kalifa's review of Uk fintech” e hanno l'obietti...
Con la Brexit, spiega l'esperto, il listino di Londra era rimasto intrappolato in una sorta di ragnatela. Di conseguenza, diverse Ipo sono atterrate su altre piazze finanziarie, principalmente negli Stati Uniti e in misura minore in Europa (come Amsterdam). Questo per effetto “di una maggiore flessibilità dal punto di vista normativo e, quanto agli Usa, anche per la possibilità di raggiungere valutazioni di pmi e startup innovative molto diverse rispetto a quelle riconosciute in Europa”. Un altro punto da considerare, aggiunge Gaudenti, riguarda i due filoni che stanno modificando anche i business model più tradizionali: le nuove tecnologie e il digitale. Un aspetto che se negli Stati Uniti viene valorizzato (basti pensare al fatto esista un mercato dedicato, il Nasdaq) e se l'Europa si sta attrezzando, Londra sembra essere “rimasta un po' indietro”.

Ma, secondo Gaudenti, le modifiche normative introdotte potrebbero incentivare un nuovo flusso di quotazioni sulla piazza di Londra. “Magari ci vorrà del tempo per parlare di un flusso poderoso, ma sicuramente daranno un boost al mercato. E anche le aziende europee potrebbero tornare a puntare gli occhi su Londra, specie nel settore tech e nel digitale”. Quanto al Belpaese, conclude Gaudenti, per il mercato italiano è intanto auspicabile uno sforzo ulteriore per introdurre un regime fiscale fortemente incentivante lungo tutta la filiera, dalle imprese agli investitori, uno snellimento del processo di quotazione nei tempi e nella documentazione, uno sviluppo dell'attività di ricerca anche con incentivi fiscali e l'obbligo per le società quotate di dotarsi di almeno una ricerca da parte di un intermediario autorizzato.

Le riforme in Uk, ricordiamo in definitiva, fanno parte di un più ampio piano governativo volto a rendere Londra una destinazione più attraente per gli investitori e le aziende globali nel post-Brexit. Al fine di battere le piazze rivali, come quelle di New York, Hong Kong e Amsterdam. “Si tratta del cambiamento più radicale alle regole di quotazione nel Regno Unito cui il mercato abbia mai assistito negli ultimi decenni”, ha dichiarato al Financial Times Nick Bailey, managing director di Kroll ed ex regulator. Un “coraggioso tentativo”, aggiunge, di “arrestare l'apparente inesorabile declino a lungo termine di Londra come sede di quotazione globale”.

Caro lettore,
per continuare ad informarti con i nostri contenuti esclusivi accedi o registrati GRATUITAMENTE!

Solo così potrai:

  • Continuare ad informarti grazie ai nostri contenuti come articoli, guide e white papers, podcast, dirette
  • Richiedere di essere contattato da un esperto
  • Fare una domanda sulla gestione del tuo patrimonio ed entrare in contatto con i migliori e esperti del settore GRATUITAMENTE
  • E tanto altro ancora

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti