Occhio al platino, metallo raro sempre più verde

Teresa Scarale
Teresa Scarale
28.12.2020
Tempo di lettura: 2'
Raro ma non rarissimo, il platino è un metallo da monitorare nel 2021 ma soprattutto nel 2022/2023. Avrà infatti un ruolo sempre maggiore nella transizione verde, soprattutto in sostituzione del palladio. Sudafrica, Russia e Zimbabwe sono i numeri uno nell'estrazione. La Cina ne è affamata. E gli investitori bramano

Il settore automobilistico ne è il primo consumatore (37-41 per cento), e la domanda è destinata ad aumentare grazie alla severa legislazione sulle emissioni

Beneficerà (a partire dal 2022) della graduale sostituzione del costosissimo palladio, materia dalle qualità industriali simili

Il prezzo del metallo grigio non potrà che aumentare anche per i lunghi tempi necessari ad avviare una nuova produzione

Arricchire il portafoglio col verde platino


Altro che anelli e bracciali. Il platino (1043 dollari all'oncia) si adopera soprattutto per catalizzatori ed elettrolizzatori: è uno dei metalli più verdi in circolazione. Fra le sue proprietà catalitiche, rientra la capacità di accelerare una reazione chimica senza che questa subisca modifiche nel processo. Il settore automobilistico ne è il primo consumatore (37-41 per cento. Dati Planisfer), e la domanda è destinata ad aumentare grazie alla severa legislazione sulle emissioni. Gli analisti del settore evidenziano che nell'ultimo decennio questo metallo ha sottoperformato, se paragonato all'oro (1878 dollari all'oncia) o al rame. Probabilmente a causa del prospettato avvento dei veicoli elettrici (e il platino, con altri metalli, è legato alle «vecchie» marmitte catalitiche). Invece questo metallo ha un futuro sempre più green davanti a sé.

Economia sempre più verde con platino e palladio


Il platino è un fattore trainante per il comparto dell'economia dell'idrogeno: serve per l'elettrolisi dell'acqua che utilizza energia rinnovabile per produrre idrogeno. Beneficerà inoltre della graduale sostituzione del costosissimo palladio (2343 dollari all'oncia), materia dalle qualità industriali simili. A proposito di quest'ultimo, BofA – Bank of America Merril Lynch evidenzia che sarà l'offerta di palladio a rimanere in deficit nel 2021, mentre il platino resterà in «sovraofferta». Ciononostante, secondo gli analisti di BofA nel 2022 la sostituzione del palladio con il platino dal 2022 accelererà. Il palladio resta però in deficit cronico, e Bofa si spinge a prevedere un rally nel 2021. Tendenza che poi dovrebbe sfumare a vantaggio del platino a partire dal 2022/2023 grazie alla produzione dei modelli di auto «Euro 7».
occhio-platino-metallo-raro-sempre-verde_2
Courtesy BofA
Certo, il 2020 ha rallentato la domanda di entrambi i metalli, facendone aumentare le scorte nelle banche e nei magazzini svizzeri. Ma la «pausa» nella domanda 2020 di platino non ha riguardato la Cina, in cui la produzione industriale di auto e la domanda di gioielli sono ripartite già in corso d'anno. A livello globale, la gioielleria assorbe il 31-38 per cento (dati Planisfer) della produzione di platino.
occhio-platino-metallo-raro-sempre-verde_4
Courtesy BofA
Non sarà comunque solo la Cina il mercato di riferimento per il platino. Se la Cina per ora domanda il metallo grigio perla soprattutto per i gioielli, l'Europa lo chiede per la produzione automobilistica. In ogni caso, gli attuali obiettivi di capacità di idrogeno verde dell'Ue e della Cina da soli richiederebbero complessivamente oltre un milione di once di platino entro il 2030, circa il 18% dell'attuale offerta mineraria.
occhio-platino-metallo-raro-sempre-verde_6
Courtesy BofA
occhio-platino-metallo-raro-sempre-verde_7
Courtesy BofA

Al posto dell'oro


Gli investitori in oro, attualmente molto caro ( – benché calante – vedono nel platino un'alternativa ancora conveniente al metallo giallo. Secondo gli analisti di Planisfer, il prezzo del metallo grigio non potrà che aumentare. Non solo per l'utilizzo che ne fanno l'industria automobilistica e l'economia dell'idrogeno. Non solamente per la domanda di gioielli, che tornerà a crescere. Ma anche per i tempi necessari ad avviare una nuova produzione: otto – dieci anni.
occhio-platino-metallo-raro-sempre-verde_9
Il Sud Africa è il paese numero uno nell'estrazione di platino. Seguono Russia e Zimbabwe. Courtesy Planisfer
occhio-platino-metallo-raro-sempre-verde_11
Tutti gli usi green del platino
caporedattore

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti