Etf a primavera, il trend di maggio in Europa

Teresa Scarale
Teresa Scarale
11.6.2018
Tempo di lettura: 3'
L'ultima parte della primavera 2018 ha visto una fioritura della raccolta europea per i fondi passivi. In particolare, sono stati raccolti da Lyxor 1,1 miliardi di euro, un ottimo risultato, rispetto ai 668 milioni di euro di aprile

L'andamento del mese di maggio

Etf azionari versus Eft obbligazionari

Cambia il sentiment a primavera


Se fino all'anno scorso erano gli Etf obbligazionari ad avere maggior successo rispetto agli obbligazionari, quest'anno la tendenza si è invertita, almeno stando ai dati di Lyxor. Come a dire che il sentiment degli investitori sia cambiato con la primavera. Gli Etf azionari hanno infatti attratto 1,5 miliardi di euro, ossia gran parte degli afflussi.

Gli Etf azionari


Per quanto riguarda il comparto azionario, i relativi Etf hanno beneficiato di un notevole rimbalzo a maggio, rispetto al difficile mese di aprile. Quelli Usa invece hanno raccolto poco meno di 700 milioni di euro, ma le performance migliori sono state indubbiamente registrate dalle azioni globali. Queste ultime hanno infatti attratto quasi 3,4 miliardi di euro, segnando così la loro migliore raccolta mensile in assoluto. Gli Etf su azioni dell'area euro hanno invece subito deflussi per 3,3 miliardi di euro per via dell'aumento delle tensioni politiche ed economiche. Anche i mercati emergenti hanno perso parte del loro vigore registrando il loro primo mese negativo dal gennaio dello scorso anno (-476 milioni di euro).

I flussi legati al mercato europeo degli Etf hanno dunque registrato un leggero rimbalzo a maggio. La raccolta netta di nuovi capitali è salita a 1,1 miliardi di euro rispetto a 668 milioni di euro di aprile. Nel complesso, i flussi rimangono sostenuti ma sono comunque inferiori ai livelli record dello scorso anno.

Gli Etf obbligazionari


Per gli Etf obbligazionari è stato il peggior mese da dicembre 2016, con -765 milioni di euro. Maggio è stato un mese decisamente meno positivo per gli Etf obbligazionari, a causa del crollo dei flussi verso i titoli di Stato dei mercati sviluppati (-560 milioni di euro), in primis verso i treasury Usa (-321 milioni di euro). Di non molto inferiori sono stati i deflussi dai titoli di Stato europei. Nel frattempo, i titoli di Stato dei mercati emergenti hanno registrato il terzo mese consecutivo di deflussi. Con afflussi pari a 342 milioni di euro, che hanno consolidato il rimbalzo di aprile, le obbligazioni indicizzate all'inflazione sono state tra le poche note positive del reddito fisso.
Caporedattore Pleasure Asset. Giornalista professionista, garganica, è laureata in Discipline Economiche e Sociali presso l'Università Bocconi di Milano. Scrive di finanza, economia, mercati dell'arte e del lusso. In We Wealth dalla sua fondazione

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti