Dollaro sempre più debole, continua la discesa

Teresa Scarale
Teresa Scarale
21.1.2021
Tempo di lettura: 2'
Prosegue l'indebolimento del dollaro, soprattutto alla luce dei nuovi stimoli fiscali che il Congresso Usa potrebbe approvare. La Bank of England tifa per una valuta a stelle e strisce più forte rispetto alla sterlina. La Banca popolare cinese...

Il discorso inaugurale del neo-presidente ha spostato l'attenzione degli investitori sulla probabilità di un nuovo pacchetto di stimoli fiscali da 1900 miliardi di dollari

Secondo gli analisti, le banche centrali guardano con interesse al dollaro debole. La performance della divisa statunitense potrebbe svolgere un ruolo chiave nelle future decisioni di politica monetaria

Il dollaro Usa prosegue la sua lenta e costante discesa. Nella giornata successiva a quella dell'insediamento di Joe Biden, il dollar index scende dello 0,1% a 90,3410. Il discorso inaugurale del neo-presidente ha infatti spostato l'attenzione degli investitori sulla probabilità di un nuovo pacchetto di stimoli fiscali da 1900 miliardi di dollari. «Lo scenario è al rialzo», osservano gli analisti di Oanda. Tuttavia, non è da escludere un rafforzamento del dollaro «una volta che i repubblicani al Senato ‘chiariranno le loro posizioni' sul piano fiscale di Biden». Il Partito Democratico detiene infatti una maggioranza solo risicata al Senato e potrebbe annunciarsi battaglia sull'approvazione definitiva delle misure di supporto all'economia, con un conseguente rafforzamento del dollaro sulle altre valute (in tal caso gli investitori tornerebbero a guardare il biglietto verde come bene rifugio).
Intanto, le banche centrali guardano con interesse all'andamento della valuta americana. La performance del dollaro potrebbe svolgere un ruolo chiave nelle future decisioni di politica monetaria. Soprattutto della Banca centrale inglese, affermano gli analisti di Jefferies. Una divisa statunitense più forte contro la sterlina sarebbe «una notizia molto gradita» per la BoE. Il motivo è che un indebolimento della sterlina rispetto al dollaro sosterrebbe la domanda di esportazioni britanniche, facendo aumentare l'inflazione, sottolinea l'economista David Owen. Al contrario, una sterlina forte, combinata con l'ampio disavanzo commerciale del Regno Unito, potrebbe esercitare pressioni sulla Bank of England perché tagli i tassi di interesse sotto zero.

Dalle parti del Dragone, la Banca popolare cinese ha rafforzato lo yuan dello 0,22% nei confronti del dollaro. Questi i cambi incrociati a metà giornata (21/01/2021): l'euro/dollaro tratta sopra 1,21 a 1,2131, il dollaro/yen viaggia sopra quota 103, a 103,47 e il pound/dollaro veleggia sopra 1,37 a 1,3701.

Intanto, il mondo dell'asset management tiene gli occhi aperti e inizia a scommettere più concretamente sulla valuta cinese: Banca Generali per esempio ha appena lanciato un fondo valutario che punta sulla diversificazione fra dollaro e renminbi, con orizzonte di investimento al 2023.

Ma, come raccontava a We Wealth il professor Massimo Amato dell'Università Bocconi, è impossibile fare previsioni su una sostituzione di altre valute con il dollaro nei forzieri delle banche centrali. La Cina continua a crescere, tuttavia «bisogna vedere come si contemperano i vari aspetti politici, militari ed economici». Il tema della riconfigurazione del sistema monetario internazionale è una delle questioni nevralgiche dell'economia globale. «È necessario che si riassetti la posizione americana. Non è un caso che la nazione che meno si sta dando da fare sulla questione delle digital currency siano proprio gli Usa. Tutti gli altri si stanno attrezzando, sia la Cina che L'Europa. Ovvero le grandi entità mondiali non statunitensi. Stiamo vivendo in una situazione di sospensione dal 1971. È chiaro che vi si riesce a sopravvivere, ma è pur sempre una situazione di disequilibrio. Un'anomalia che dura da 50 anni».
caporedattore

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti