Top banker in fuga sul treno delle criptovalute

Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani
27.5.2021
Tempo di lettura: 3'
Sempre più talenti della finanza si stanno spostando dalle banche alle società crypto. Salari in ascesa, stock option e pagamento in criptovalute sono un treno a cui non si può rinunciare

Stando a un articolo del Financial Times molti top banker stanno cambiando casacca, offrendosi spontaneamente a società che operano nel mondo delle criptovalute

Gli stipendi per gli addetti ai lavori in queste società  sono aumentati di circa il 30-40 per cento negli ultimi due anni

"Stiamo braccando le persone dalle banche, mentre prima erano le banche a farlo con noi", ha detto al Ft Delfos Machado Neto di Dunamis Trading

Coinbase questa settimana ha annunciato di aver assunto un top lobbista di Goldman Sachs, mentre John Dalby, direttore finanziario del più grande hedge fund del mondo, Bridgewater, si sta unendo al gruppo di servizi finanziari cripto NYDIG. In altre parole gli enormi guadagni nei valori degli asset digitali stanno aiutando le aziende di criptovalute ad attirare dirigenti precedentemente fuori portata da alcune delle più grandi aziende della finanza tradizionale. A fare il punto sul tema è il Financial Times.

Dalle banche alle società crypto


Non si tratta solo di Coinbase, azienda crittografica quotatasi a New York lo scorso mese con una valutazione da 76 miliardi di dollari. Seppur il prezzo delle sue azioni dal picco di 430 dollari sia piombato a 237 dollari questa settimana, la società è stata in grado di attrare nei suoi ranghi un lobbista dal calibro di Faryar Shirzad (Goldman Sachs), per presiedere la divisione dedicata. Crypto exchange FTX questo mese ha invece assunto Brett Harrison in qualità di presidente per l'attività della società negli Stati Uniti. Harrison in precedenza è stato un dirigente senior, con focus sulla tecnologia, presso Citadel Securities e ha trascorso la maggior parte della sua carriera a sviluppare il sistema di trading algoritmico per il market maker Jane Street. Nel Regno Unito, il cfo della banca online Monzo è pronto a unirsi all'app di scambio criptovalute Luno. La società di Marcus Swanepoel (ex Standard Chartered) potrà contare sull'apporto di Alwyn Jones, il cui passato include diversi anni alla Barclays.

Questione di retribuzione


ll ritmo con cui i talenti della finanza si stanno spostando in società crypto è aumentato bruscamente - secondo i reclutatori e gli addetti ai lavori – negli ultimi mesi in concomitanza alle performance a doppia cifra degli asset digitali.  "C'è stato uno spostamento tettonico negli ultimi mesi” ha detto Edouard Hindi, partner del fondo hedge crypto Tyr Capital, che stando a quanto riporta il Ft riceve un paio candidature spontanee a settimana da parte di persone di alto profilo con un background di finanza tradizionale. Ad attirare i talenti nell'ambito crittografico, secondo Hindi, è la modalità di retribuzione. Molte grandi aziende di criptovalute pagano le assunzioni senior con una combinazione di equity e piccoli pacchetti di denaro, con alcune che offrono anche una remunerazione aggiuntiva in criptovalute o token. Inoltre, secondo Nicholas Wells, fondatore di Nerwton Chase, società di recruiting, gli stipendi per gli addetti ai lavori nell'arena crittografica e tecnologica sono aumentati di circa il 30-40 per cento negli ultimi due anni, raggiungendo quelli offerti dalle aziende di trading in attività tradizionali.
Laureato in Finanza e mercati Internazionali presso l’Università Cattolica di Milano, nella redazione di We Wealth scrive di mercati, con un occhio anche ai private market. Si occupa anche di pleasure asset, in particolare di orologi, vini e moto d’epoca.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti