Non-fungible token sotto i riflettori

raffaele-iervolino
Raffaele Iervolino, Arianna Borriello
7.2.2022
Tempo di lettura: 3'
Una delle innovazioni tecnologiche che sta prendendo piede negli ultimi anni è la blockchain tutt'oggi conosciuta generalmente come la tecnologia alla base del funzionamento delle cripto-attività
Le cripto-attività possono essere progettate e strutturate in diversi modi, con la conseguenza che le stesse possono comportare l'attribuzione della titolarità di una grande varietà di diritti relativi ad interessi finanziari o non finanziari. Tale varietà, unitamente all'assenza di una classificazione e di un approccio comune tra operatori, legislatori ed Autorità di vigilanza, ne ha da sempre reso particolarmente complessa la categorizzazione. In termini generali, le cripto-attività possono essere classificate nelle seguenti categorie principali:

(i) Payment Token, ovvero asset digitali accettati come mezzi di scambio di beni e/o servizi, ed eventualmente anche come riserva di valore ed unità di misura;

(ii) Utility Token, ovvero asset digitali che attribuiscono il diritto di acquistare beni, o di accedere a servizi, offerti dalla società emittente mediante l'utilizzo di un'infrastruttura blockchain;

(iii) Security Token, ovvero asset digitali progettati come beni negoziabili che sono detenuti a scopo di investimento e classificati in base allo strumento finanziario sottostante (i.e., azioni, titoli di debito, strumenti finanziari partecipativi, etc.); e

(iv)  Asset Token, ovvero asset che rappresentano, in maniera univoca, un bene materiale o immateriale ed il cui possesso conferisce il diritto di reclamare tale bene o di utilizzarlo in modo esclusivo.

In tale contesto generale, i Non-fungible token (“Nft”) sono asset digitali dotati di unicità, infungibilità ed indivisibilità, e pertanto considerati appartenenti alla categoria degli Asset Token ossia asset digitali rappresentativi di beni materiali o immateriali, ovvero dei diritti relativi a quei beni.

Il concetto sottostante i Nft è quello di creare una scarsità ed unicità nell'offerta apparentemente infinita dei beni digitali. Di conseguenza, i Nft portano in sé la promessa di creare un “originale digitale” unica nel suo genere che può essere chiaramente attribuita al rispettivo proprietario. La natura non manipolativa dei Nft permette ai beni collegati/sottostanti, sia reali che digitali, di disporre una unicità accertabile e di una proprietà originale.

L'inquadramento civilistico dei Nft all'interno dell'ordinamento italiano, stante le caratteristiche funzionali degli stessi, sembrerebbe ricondurli alla disciplina dei titoli di credito in generale, più specificatamente dei “titoli rappresentativi di merci” (art. 1996 del cod. civ.) in quanto:

(i) rappresentano il possesso (mediato) della merce;

(ii) assicurano al possessore la consegna della merce; e

(iii) il possessore può disporre della merce anche solamente trasferendo il titolo.
Operando un confronto, si tratta di caratteristiche riscontrabili anche negli Asset Token, prevalentemente nel caso in cui agli stessi siano associati dei diritti su beni materiali.

Il tema relativo alla corretta determinazione del prezzo di una transazione che comporta il trasferimento infragruppo di un Nft presenta diversi profili di riflessione.

In primo luogo, occorre individuare correttamente la natura del rapporto giuridico ed economico sottostante il trasferimento del Nft alla luce delle circostanze del caso specifico (ad esempio, contratto di licenza, contrattazioni atipiche a titolo oneroso, locazione, cessione, etc.) in modo tale da poter determinare in modo accurato il prezzo applicato infragruppo a fronte del trasferimento del bene, a titolo esemplificativo: royalty per l'utilizzo, corrispettivo a titolo di cessione, etc.

In secondo luogo, essendo i Nft rappresentativi di beni unici ed infungibili, ai fini della corretta determinazione del prezzo di trasferimento degli stessi, si potrebbe, in base alle circostanze specifiche del caso in esame, fare riferimento ai principi delle Linee Guida dell'Ocse sui Prezzi di Trasferimento relativi alle transazioni che hanno ad oggetto beni immateriali di difficile valutazione (Hard-to-Value Intangible) per i quali, al momento del trasferimento tra imprese associate:

(i) non esistono transazioni comparabili affidabili; e

(ii) al momento della definizione dell'accordo, le proiezioni dei flussi di cassa futuri o del reddito derivante dal bene immateriale trasferito o le assunzioni utilizzate nella sua valutazione sono altamente incerte, rendendo difficoltosa la stima del valore del bene immateriale trasferito.

Al riguardo, nell'eseguire l'analisi di comparabilità con riferimento alla transazione infragruppo che coinvolge Nft rappresentativi di beni unici ed infungibili, o dei diritti sugli stessi, è opportuno esaminare in modo accurato l'unicità delle caratteristiche del bene, analizzando, in particolare: (i) l'esclusività di sfruttamento (legale ed economico) dell'intangibile; (ii) l'ampiezza e la durata della protezione legale, ovvero l'estensione e la durata della tutela giuridica del bene immateriale; (iii) l'ambito di utilizzo; (iv) la vita utile (attesa) dell'intangibile; e (vii) l'aspettativa dei benefici economici futuri.

(Articolo scritto in collaborazione con Arianna Borriello, Senior Consultant presso EY)
raffaele-iervolino
Raffaele Iervolino, Arianna Borriello
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Dottore commercialista e revisore legale, ha lavorato in Italia e all’estero occupandosi di prezzi di trasferimento e fiscalità internazionale presso i più importanti network internazionali. Svolge la sua attività professionale presso lo PwC TLS Avvocati e Commercialisti, dove fa parte del gruppo di lavoro sulle transazioni finanziarie.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti