Bondi! La Banca Mondiale crede nella blockchain

Teresa Scarale
Teresa Scarale
21.8.2018
Tempo di lettura: '
La World Bank "si accorge" della distributed ledger technology ed emette Bondi, il primo blockchain bond con l'aiuto della Commonwealth Bank of Australia

La Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo arriva in realtà seconda

L'atto di fiducia nei confronti della blockchain avrà sicuramente ripercussioni positive

"Bondi" è l'allegro nome che sta per blockchain offered new debt instrument. Si tratta del primo tech bond che la World Bank intende piazzare grazie alla tecnologia del distributed ledger.

Con l'ammissione che “Le tecnologie emergenti ci offrono la possibilità trasformative ma prudenti per continuare a innovare, rispondendo alle esigenze degli investitori e per rafforzare i mercati”, Arunma Oteh, tesoriere della Banca Mondiale, estrinseca un forte segno di fiducia nei confronti della blockchain. Gli fa eco anche Denis Robitaille, Cio del World Bank Group, il quale dichiara che questa emissione costituisce una pietra miliare nel loro percorso di supporto alle economie emergenti.

Bondi bond


Il nome della nuova obbligazione rimanda a quello dell'omonima spiaggia di Sidney, posta proprio vicino alla Commonwealth Bank of Australia (Cba) e incaricata dalla WB di emettere obbligazioni via blockchain per raccogliere cento milioni di dollari australiani (73 milioni di dollari americani). Non si tratta certo di grandi numeri per un ente che emette ogni anno titoli di debito fra i 50 e i 60 miliardi di dollari Usa, ma come sempre in economia quel che conta è il segnale.

L'isituzione finanziaria fondata nel 1945 arriva seconda dopo la tedesca Daimler. La casa automobilistica infatti l'anno scorso aveva emesso in un progetto pilota proprio un bond via blockchain.

James Wall, dirigente della Commonwealth Bank, ammette che l'uso di questa tecnologia rivoluzionerà un mercato che negli ultimi due secoli è stato fortemente dipendente dalla carta. Senza considerare il taglio dei costi e la velocità di emissione. Proprio l'Australia del resto ha deciso che entro il 2020 migrerà tutte le contrattazioni di borsa su piattaforme blockchain.

Le obbligazioni bond-i sono di tipo investment grade (AAA Moody's/S&P).
Caporedattore Pleasure Asset. Giornalista professionista, garganica, è laureata in Discipline Economiche e Sociali presso l'Università Bocconi di Milano. Scrive di finanza, economia, mercati dell'arte e del lusso. In We Wealth dalla sua fondazione

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti