Innovazione: la chiave per investire nel percorso verso il Net-zero

CANDRIAM
CANDRIAM
16.11.2021
Tempo di lettura: 5'
Esiste un grande equivoco secondo cui l'Europa non sarebbe un centro globale di innovazione. Il continente, invece, è uno dei mercati più innovativi al mondo per numero di brevetti e pubblicazioni scientifiche. Ed è proprio l'innovazione la chiave per investire nel percorso verso il Net-zero, come spiegano da Candriam
Mai prima d'ora si era visto uno sforzo normativo coordinato a livello internazionale su scala globale attorno alla questione del cambiamento climatico. La regolamentazione in questo settore sta convergendo non solo nel mondo sviluppato, ma anche in quello in via di sviluppo, con la Cina, ad esempio, che svela un'ambiziosa agenda a emissioni zero.
Questo significa che l'esposizione ad aree di generazione di reddito non conformi diventerà sempre più costosa. Riteniamo che si presenteranno opportunità di crescita uniche per quegli operatori di mercato che abbracceranno il cambiamento e adotteranno misure volte a proteggere l'ambiente, rallentare il ritmo del cambiamento climatico e mitigarne l'impatto. Ciò risulterà particolarmente utile in un mondo in cui sarà difficile trovare aree di crescita.
Vediamo molte aree di innovazione interessanti in diversi settori, ma troviamo particolarmente incoraggiante per gli investitori che così tante di esse siano correlate ai criteri ESG. Ciò è dovuto principalmente ai consumatori e ai clienti di diverse società, che hanno i propri obiettivi e aspettative relative all'agenda ESG. Indipendentemente dal settore e dall'area di attività, le aziende necessitano di soluzioni innovative per raggiungere i propri obiettivi.

Europa e innovazione


Esiste un grande equivoco secondo cui l'Europa non sarebbe un centro globale di innovazione. Come infatti si può notare nelle Figure 1 e 2, l'Europa è uno dei mercati più innovativi al mondo per numero di brevetti e pubblicazioni scientifiche. Secondo il World Intellectual Property Report, scienziati e ingegneri europei producono un terzo di tutta la ricerca scientifica pubblicata a livello globale.

 


Figura 1 a sinistra - UE: pubblicazioni scientifiche delle principali economie
Figura 2 a destra - UE: brevetti richiesti nelle principali economie
Fonte: World Intellectual Property Report e Commissione europea, 2019.

Inoltre, l'Europa segue di poco Stati Uniti in termini di invenzioni "green" ad alto valore (Figura 3), ovvero quelle invenzioni legate ai criteri ESG che vengono brevettate in almeno due paesi diversi.

 


Figura 3 - Andamento cumulativo delle invenzioni green (a sinistra),
delle invenzioni green di alto valore (al centro)
e quota nel periodo 2010-2016 di invenzioni internazionali
di alto valore brevettate (a destra) nelle principali
economie rispetto al numero totale di invenzioni green.
"Alto valore" significa che l'invenzione è brevettata
in almeno due diverse regioni del mondo.
Fonte: quadro europeo di valutazione degli investimenti
industriali in R&S per il 2020, Commissione europea, JRC/DG R&I.



Una nuova era verde: batteri, vapore e mucche meno inquinanti


Ci sono molti esempi di innovazione in ambito ESG che sono ben pubblicizzati e già familiari ai più. Ad esempio, nell'area della riduzione delle emissioni di gas serra, il settore automobilistico sta lavorando per il passaggio dai veicoli elettrici a semiconduttori più efficienti e quindi più "green". Oppure è il caso delle imprese edili che utilizzano nuovi materiali e tecnologie per isolare gli edifici meglio che mai.
Alcune innovazioni sono meno intuitive e quindi, spesso, meno conosciute nonostante il loro potenziale impatto sulla decarbonizzazione del nostro futuro. In questa categoria troviamo soluzioni enzimatiche e microbiologiche in molti processi industriali. Gli enzimi vengono utilizzati per sostituire le sostanze chimiche aggressive, aumentare e accelerare le prestazioni di vari prodotti e, di conseguenza, permettono sia ai clienti che ai produttori di risparmiare tempo, risorse ed energia. Ad esempio, gli enzimi sono l'ingrediente chiave dei nuovi detergenti più ecologici che funzionano a temperature più basse e sono prodotti senza l'uso di derivati del petrolio. Un leader globale in questo campo, Novozymes, è impegnato in una serie di interessanti progetti di ricerca, come fonti alternative di proteine, anche attraverso la fermentazione o l'utilizzo di funghi.
Un altro esempio è quello di un additivo per mangimi per mucche che riduce la produzione di metano da parte del loro sistema digestivo di circa il 30%. Secondo la Commissione economica per l'Europa delle Nazioni Unite, il metano è oltre 80 volte più potente dell'anidride carbonica nel riscaldamento dell'atmosfera. Ci sono voluti circa 10 anni all'azienda olandese DSM per sviluppare un integratore che impiega solo un quarto di cucchiaino al giorno per sopprimere in gran parte l'enzima che innesca la produzione di metano da parte di una mucca. Questo prodotto contribuisce a una riduzione significativa e immediata dell'impronta ambientale delle carni bovine e dei prodotti lattiero-caseari.
La britannica Spirax Sarco ha sviluppato metodi innovativi per l'uso efficiente del vapore nei processi industriali. L'azienda propone soluzioni su misura per i propri clienti. Ad esempio, lavorando per un fornaio di biscotti, è riuscita a catturare il calore e il vapore prodotti dai forni e a utilizzarli in processi ad alta intensità energetica in altre parti del sito. Questo tipo di soluzioni ha permesso di evitare di sprecare circa il 40% di energia e calore.
Le grandi aziende innovative tendono ad essere globali, il che consente loro di esportare le proprie competenze e soluzioni in tutto il mondo, come ad altre aziende tanto del Nord America quanto dell'Asia. Un esempio è Carl Zeiss Meditec AG, un'azienda tedesca di tecnologia medica specializzata in prodotti innovativi che intendono migliorare la diagnosi e il trattamento delle malattie. L'azienda ha trovato in Asia un mercato di grande successo per le sue soluzioni per la cataratta e altri tipi di chirurgia oculare per il trattamento di una serie di malattie legate all'età. L'azienda ha inaugurato il suo Centro di ricerca e sviluppo ZEISS a Shanghai nel gennaio 2012, con l'obiettivo di sviluppare prodotti su misura per i clienti del mercato cinese.

I principali fattori trainanti dell'innovazione


L'innovazione in ambito ESG è supportata da tempo dalle normative legate al clima, ma diventerà ancora più importante negli anni a venire. La tanto attesa conferenza COP26 dovrebbe mettere l'innovazione al centro della battaglia globale contro il cambiamento climatico. Ciò è principalmente dovuto al fatto che è diventato chiaro come finora i governi non siano riusciti ad avviare il cambiamento necessario per raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi. Questo processo può essere invertito solo attraverso lo sviluppo e l'investimento in nuove soluzioni innovative in tutti i tipi di industrie, settori e modi di trasporto ad alta intensità energetica.
Il cambiamento climatico sta diventando un tema dominante legato alla maggior parte delle altre tendenze di sostenibilità nell'innovazione, come risorse e rifiuti, cambiamenti demografici, assistenza sanitaria e persino digitalizzazione. Prendendo ad esempio quest'ultima categoria, gli strumenti digitali saranno indispensabili nella creazione di economie circolari, in grado di ridurre radicalmente le emissioni di gas serra, promuovere le energie rinnovabili, oltre che monitorare e tutelare gli ecosistemi. Man mano che le innovazioni accelereranno il percorso verso lo zero netto e contribuiranno a raggiungere una transizione giusta, gli investitori vedranno molte interessanti opportunità di trarre profitto dal tentativo globale di costruire un futuro più sostenibile per il nostro mondo.

 

 

Antoine Hamoir, CFA, Senior Fund Manager - Candriam

(contenuto sponsorizzato)

Visita la sezione Expertise per saperne di più

 

 

 

Informativa importante

Il presente documento viene fornito a scopo esclusivamente informativo. Esso non costituisce un'offerta di acquisto o vendita di strumenti finanziari né rappresenta una raccomandazione di investimento o conferma alcun tipo di transazione, eccetto laddove espressamente concordato. Sebbene Candriam selezioni attentamente i dati e le fonti dei propri documenti, errori e omissioni non possono essere esclusi a priori. Candriam non può essere considerata responsabile per eventuali perdite dirette o indirette derivanti dall'uso del presente documento. I diritti di proprietà intellettuale di Candriam devono essere sempre rispettati e il contenuto del presente documento non può essere riprodotto senza la previa approvazione scritta.
Candriam raccomanda costantemente agli investitori di consultare sul sito Web www.candriam.com il documento informativo chiave, il prospetto e tutte le altre informazioni pertinenti, compreso il valore patrimoniale netto ("NAV") dei fondi, prima di investire in un fondo Candriam. Questi documenti sono disponibili in inglese o nelle lingue locali per ogni paese in cui è consentita la commercializzazione del fondo.

 

https://www.bloomberg.com/news/articles/2021-08-10/how-china-plans-to-become-carbon-neutral-by-2060-quicktake

https://ourworld.unu.edu/en/can-digitalisation-save-us

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti