Beati coloro che detengono obbligazioni

INVESCO
INVESCO
16.11.2020
Tempo di lettura: 3'
I titoli ibridi fondono le caratteristiche di altre asset class. Tecnicamente sono obbligazioni, ma possiedono alcune qualità delle azioni e presentano un rating creditizio investment grade, seppur con rendimenti maggiori. Le ibride sono state inventate per offrire qualcosa di diverso, e il diverso spesso è precursore di una buona diversificazione
Nel 2020 non vi è stato nulla di normale o prevedibile, ed è stato un anno complicato per gli investitori in obbligazioni. I rendimenti dei titoli di stato sono collassati a livelli record sotto il peso degli acquisti da parte della banca centrale e a causa della tendenza generale alla "fuga verso la salvezza" da parte degli investitori, mentre il volume del debito a rendimento negativo nel mondo ha superato i US$15 trilioni. Con una prospettiva economica ancora incerta, quali opzioni hanno gli investitori in Europa per diversificare i propri portafogli e migliorare i propri guadagni?

Obbligazioni ibride in portafoglio


Per cominciare, consideriamo la porzione obbligazionaria di un portafoglio diversificato, che normalmente consiste di tre elementi principali. I titoli di stato e il credito investment grade sono generalmente utilizzati per offrire stabilità, mentre i titoli high yield (sub investment grade) per un miglioramento del rendimento. Tuttavia, aggiungere titoli ibridi al mix può contribuire a diversificare ulteriormente il portafoglio.

Per chi non ha molta familiarità con le obbligazioni ibride, sebbene queste ultime esistano da quasi due decenni, l'asset class ha visto una crescita rapida dopo la creazione delle obbligazioni convertibili contingenti Additional Tier 1 ("AT1") in seguito alla grande crisi finanziaria. Le AT1 dovevano salvaguardare le banche europee (e i governi che garantivano per loro) da un'altra crisi.

Se il capitale della banca emittente scende al di sotto di una certa soglia stabilita dall'ente regolatore, le AT1 vengono automaticamente convertite in denaro liquido o azioni per sostenere il bilancio. Nel peggiore dei casi, le AT1 si posizionano appena al di sopra delle azioni e questa caratteristica fa sì che gli emittenti debbano ricompensare gli investitori per il rischio aggiuntivo intrapreso, offrendo loro rendimenti maggiori rispetto al resto dei titoli di debito della banca.

Le obbligazioni societarie ibride


Le obbligazioni societarie ibride sono per molti versi simili alle AT1, ma invece di essere emesse dalle banche come fonte di patrimonio di vigilanza, vengono emesse da società non finanziarie per diversi motivi. Questi strumenti suscitano l'interesse degli investitori orientati al rendimento, ma anche delle società emittenti, dal momento che le agenzie di rating trattano questi titoli come un misto di azioni e obbligazioni, aiutandole così a ottenere finanziamenti e preservando al contempo il loro rating creditizio. I maggiori emittenti di ibride societarie denominate in EUR sono nei settori dei servizi di pubblica utilità, della comunicazione, dell'energia e dei beni ciclici di consumo. Questa maggiore diversità potrebbe rivelarsi più attraente rispetto all'esposizione a un singolo settore offerta dalle AT1.

Perché investire?


Un ETF che investe in un portafoglio di obbligazioni ibride offre una qualità del credito più elevata di un fondo obbligazionario high yield tradizionale. I rendimenti delle ibride societarie sono legati alla loro subordinazione all'interno della struttura di capitale dell'emittente, mentre le obbligazioni high yield sono dettate dall'inferiore qualità creditizia dell'emittente stesso. In effetti, circa il 75% dell'indice obbligazionario ibrido* è composto da emittenti investment grade. L'indice ibrido ha un rating medio BBB- (il primo gradino della scala investment grade), un valore inferiore alla media A- dell'indice di obbligazioni societarie investment grade in euro, ma in compenso gli investitori ricevono un aumento dei rendimenti superiore al 2%.

Per concludere, i titoli ibridi fondono le caratteristiche di altre asset class. Tecnicamente sono obbligazioni, ma possiedono alcune qualità delle azioni e presentano un rating creditizio investment grade, seppur con rendimenti maggiori. Le ibride sono state inventate per offrire qualcosa di diverso, e il diverso spesso è precursore di una buona diversificazione.
* Dati: Bloomberg, al 31 ottobre 2020.

 

 

David Scales, Senior ETF Content Strategist - Invesco


(contenuto sponsorizzato)
Visita la sezione Expertise per saperne di più.
Rischi associati all'investimento. Il valore degli investimenti e qualsiasi reddito da essi derivante possono oscillare. Ciò è dovuto in parte a fluttuazioni dei tassi di cambio. Gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo inizialmente investito.
Gli strumenti obbligazionari sono esposti al rischio di credito, vale a dire la capacità dell'emittente di rimborsare gli interessi e il capitale alla data di rimborso.

Informazioni importanti. Documento riservato agli investitori professionali in Italia.
Si prega di non redistribuire. Le informazioni riportate in questo documento sono aggiornate alla data del 30 ottobre 2020, salvo ove diversamente specificato. Il presente documento contiene informazioni fornite unicamente a scopo illustrativo e si rivolge esclusivamente agli investitori professionali in Italia. Il materiale di marketing possono essere distribuiti in altre giurisdizioni nel rispetto delle normative di collocamento privato e dei regolamenti locali. Tutte le decisioni di investimento devono essere basate solo sui documenti di offerta legale più aggiornati. I documenti di offerta legale (documento contenente le informazioni chiave (KIID), prospetto, relazioni annuali e semestrali) sono disponibili gratuitamente sul nostro sito web etf.invesco.com e presso i soggetti collocatori. Il presente documento non costituisce un consiglio di'investimento. Le persone interessate ad acquisire quote del prodotto devono informarsi su (i) i requisiti legali nei paesi di nazionalità, residenza, residenza ordinaria o domicilio; (ii) eventuali controlli sui cambi valutari e (iii) eventuali conseguenze fiscali rilevanti. La pubblicazione del supplemento al prospetto in Italia non sottintende un giudizio da parte della CONSOB sull'opportunità di investire in un prodotto. L'elenco dei prodotti quotati in Italia, i documenti dell'offerta e il supplemento di ciascun prodotto sono disponibili sui seguenti siti: (i) etf.invesco.com (dove sono inoltre disponibili la relazione annuale di bilancio certificata e i rendiconti semestrali non certificati); e (ii) sul sito Web della borsa valori italiana borsaitaliana.it. Il presente documento è stato comunicato in Italia da Invesco Management S.A., President Building, 37A Avenue JF Kennedy, L-1855 Luxembourg, regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier, Luxembourg.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti