M&a Italia: industrial manufacturing & automotive al consolidamento

Tempo di lettura: 2'
Crescono in Italia le operazioni di m&a nell'Industrial Manufacturing & Automotive, sulla scia della ripresa. Digitalizzazione e green economy sono i principali trend per il 2022

Pwc ha pubblicato il report  Global M&A Industry Trends nell’Industrial Manufacturing & Automotive (IM&A), in cui ha presentato i risultati 2021 e outlook 2022 per il settore

Nel 2021 in Italia il mercato IM&A è cresciuto del 22% in volume con oltre 337 operazioni, per un controvalore di $ 10,5 miliardi (+28% vs 2020)

I settori più attivi in Italia: il Manufacturing (131 operazioni, $4,5 miliardi), il Business Services (115 operazioni, $2,3 miliardi) e l’Engineering & Construction (51 operazioni, $ 2,6 miliardi)

L'attività 2021 di m&a a livello mondiale nel settore IM&A è cresciuta rispetto al 2020 del 30% in termini di volumi, con oltre 13 mila operazioni e del 67% in termini di valore, raggiungendo un controvalore di $660 miliardi, superando anche l'attività ante pandemia. I fondi di Private Equity rimangono molto attivi, con quasi 9 mila operazioni, anche se vi è un leggero aumento della quota di operazioni corporate rispetto all'anno precedente (quota sul totale delle operazioni corporate: dal 30% del 2020 al 36% del 2021). È quanto emerge dall'ultima edizione dello studio di PwC Global M&A Industry Trends nell'Industrial Manufacturing & Automotive (IM&A).
A livello italiano, la crescita del mercato IM&A è stata del 22% in termini di volume e del 28% in termini di valore (escludendo dal dato 2020 il megadeal Autostrade), con oltre 337 operazioni per un controvalore di $ 10,5 miliardi (calcolato sulle 73 operazioni con deal value pubblico). Il rapporto tra deal corporate e private equity è rimasto sostanzialmente simile a quello dell'anno precedente: i primi rappresentano il 33% del volume, mentre i secondi il 67%.

Nicola Anzivino, Global & EMEA Deals IM&A Leader, IM&A Advisory Leader Italy, Partner, PwC Italy spiega che: “La ripresa economica e il conseguente aumento della domanda di prodotti e servizi del settore stimolerà l'attività M&A, soprattutto nei settori ad alto contenuto tecnologico (digitalizzazione e automazione in primis) e in quelli collegati alla green economy (ESG), grazie agli investimenti delle aziende in questi due key themes”.

Alcuni cambiamenti disruptive del settore, come ad esempio gli electric vehicle nel settore Automotive, determineranno una mutazione duratura della domanda di veicoli e una riconversione dei processi produttivi che porterà beneficio ad alcuni settori collegati, ad esempio quello della produzione di batterie elettriche e della componentistica auto ad alto contenuto tecnologico, mentre altri player, come quelli concentrati sulle propulsioni tradizionali, dovranno percorrere grandi progetti di trasformazione che a loro volta genereranno altre operazioni straordinarie.

Questi settori promettenti continueranno ad attirare l'interesse sia dei fondi di Private Equity sia delle aziende con abbondante liquidità, entrambi interessati soprattutto a operazioni capability driven. Il mercato delle operazioni straordinarie vedrà ancora alcune transazioni in distressed assets, rappresentate dalle aziende più impattate dalla pandemia che in passato hanno avuto problemi di liquidità o hanno puntato troppo su prodotti e tecnologie ormai obsolete.

Le pressioni inflazionistiche sulle materie prime, i problemi di approvvigionamento riguardanti alcuni fattori produttivi (ad esempio: semiconduttori, chip, ecc.) e le tensioni geopolitiche rappresentano comunque la sfida più complessa da affrontare per le imprese del settore IM&A.
Il settore con più transazioni è stato il Manufacturing con 131 operazioni ($4,5 miliardi di deal value pubblicamente disponibile) tra cui la più significativa è stato l'acquisto di Welbilt da parte di Ali Holding per circa $ 3,5 miliardi.

Anche il settore Business Services è stato molto attivo con 115 transazioni per un controvalore pari a $ 2,3 miliardi tra cui la più importante è stata l'acquisizione di Cerved Group da parte di Castor Bidco, un veicolo afferente a ION, un gruppo fintech irlandese.

Il settore Engineering & Construction registra 51 transazioni per un controvalore di $ 2,6 miliardi. L'operazione più rilevante è l'acquisizione di ASTM da parte di NAF 2, società posseduta da Nuova Argo Finanziaria.

Nel 2021 il settore Aerospace & Defence ha registrato 9 transazioni per un controvalore di $ 0,7 miliardi. La transazione più importante del settore è rappresentata dall'acquisto (circa €600 milioni) da parte di Leonardo del 25% delle azioni di Hensoldt, società leader in Germania nel campo dei sensori per applicazioni in ambito difesa e sicurezza, in particolare nel settore della sensoristica, della gestione dei dati e della robotica.

Il settore Automotive mostra 31 transazioni per circa $ 0,3 miliardi. Non si rilevano transazioni di importo (pubblicamente disponibile) elevato.
La redazione vi consiglia altri articoli

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti