Polizze vita nel Liechtenstein: quali sono i rischi e i costi?

David Jandrasits
15.3.2021
Tempo di lettura: 2'
Polizze vita promosse da broker assicurativi prima in Lussemburgo e adesso in Liechtenstein. Ma quali sono i rischi e gli aspetti a cui fare attenzione?
Da alcuni anni, le grandi compagnie di assicurazione e i broker in Italia offrono anche polizze vita estere ai loro clienti. Spesso queste polizze sono state promosse da broker assicurativi italiani in Lussemburgo, nelle giurisdizioni offshore e, più recentemente, soprattutto in Liechtenstein. Di regola, il capitale del cliente (premi) è investito in fondi d'investimento e nel mercato monetario. Nella maggior parte dei casi, i clienti speravano in vantaggi fiscali in Italia e/o in un investimento redditizio. Le polizze in Liechtenstein sono state spesso vendute anche a clienti italiani con lo scopo di proteggere il patrimonio. Sfortunatamente, molti clienti hanno scoperto di essere stati informati in modo errato su numerosi aspetti della polizza. In numerose cause legali, i clienti internazionali sono stati in grado di reclamare i loro premi nel Liechtenstein perché la compagnia assicurativa o il broker hanno fornito informazioni errate sui diritti di revoca, sui costi effettivi o sui rischi spesso estremamente elevati delle polizze.
La maggior parte delle polizze vita sono costituiti da contratti unit linked e index linked. Cioè si tratta di polizze che garantiscono il pagamento per il caso di morte o di sopravvivenza o di entrambi di una prestazione in forma di capitale o di rendita collegata al valore di fondi comuni di investimento o fondi interni.

Gli assicurati italiani che hanno già optato per una polizza vita unit-linked in Liechtenstein potrebbero avere diritto a sostanziali risarcimenti.

Rischio elevato / costi elevati:


Negli ultimi anni, un gran numero di clienti internazionali sono stati in grado di recedere con successo dai loro contratti per le polizze di assicurazione sulla vita unit-linked e recuperare in pieno i pagamenti dei premi che hanno fatto , compresi anche gli interessi. Si trattava di polizze di assicurazione sulla vita stipulate con compagnie di assicurazione domiciliate nel Liechtenstein.

Le polizze vita sono state offerte e vendute come una soluzione particolarmente sicura e redditizia. Con cartelle e grafici l'impressione è stata svegliata con il cliente che si tratta di un investimento sicuro, senza rischi e redditizio. Con un tale prodotto ci si aspetta normalmente un investimento conservativo. Contrariamente alle promesse e all'assunzione di un investimento sicuro e conservativo, le polizze di assicurazione sulla vita erano un investimento ad alto rischio. Le informazioni fornite dalle compagnie di assicurazione o dagli intermediari assicurativi a loro attribuibili, secondo cui gli importi investiti con profitto sarebbero stati pagati in futuro come rendita vitalizia, erano spesso errate. In molti casi, nessun profitto è stato realizzato per i clienti delle compagnie di assicurazione. Al contrario, sono risultate perdite considerevoli nonostante un orizzonte d'investimento di diversi anni.

Gran parte delle perdite derivavano principalmente dai crediti lombard. Il credito era destinato a far leva su una parte dei premi. Tuttavia, le compagnie di assicurazione e i broker hanno suggerito, al momento della conclusione, che il reddito generato dall'assunzione del prestito sarebbe stato in ogni caso superiore ai costi associati all'assunzione del credito.

Inoltre, in molti casi, i clienti non sono stati informati, o non sufficientemente, sull'importo esatto dei costi e delle spese sostenute, che le compagnie di assicurazione e/o i loro intermediari attribuibili hanno reclamato per se stessi. Le compagnie di assicurazione dovrebbero aver fornito informazioni su qualsiasi spesa e costo aggiuntivo. In particolare, circa le spese bancarie aggiuntive, le commissioni di distribuzione, le retrocessioni, le commissioni di acquisizione, le commissioni di custodia, le commissioni di gestione del conto, le retrocessioni e i costi del contratto.

Nel caso delle polizze assicurative, i gestori patrimoniali e le compagnie assicurative applicavano commissioni e costi così alti che i prodotti venduti non avevano alcuna possibilità realistica di realizzare un profitto per i clienti fin dall'inizio, anche se venivano generati rendimenti straordinariamente alti. A causa di questa struttura di costi estesa e non trasparente, sulla quale i clienti non erano o non erano sufficientemente informati, erano fin dall'inizio all'oscuro di quali ritorni effettivi dovevano essere generati per ottenere un recupero dei costi dei prodotti venduti. Se i clienti fossero stati correttamente informati, sarebbe stato chiaro fin dall'inizio che i ritorni previsti non avrebbero coperto i costi.

Informazioni errate sul diritto di revoca:


In molti casi, i clienti sono stati informati in modo inadeguato o per nulla sui loro diritti di revoca e di cancellazione della polizza. Recentemente, la Corte di giustizia europea si è pronunciata in una sentenza del 19 dicembre 2019, affermando che il cliente deve essere informato sulle modalità di esercizio del diritto di revoca e di risoluzione prima di sottoscrivere il contratto. In caso contrario, ciò significa che il cliente ha la possibilità di recedere dal contratto, persino quando il contratto di assicurazione è già stato annullato. Il contratto viene eliminato retroattivamente dall'inizio (ex tunc). La conseguenza è che il cliente ha il diritto di chiedere all'assicuratore la restituzione di tutti i premi pagati. In virtù dell'accordo sullo Spazio Economico Europeo (accordo SEE), di cui il Liechtenstein è membro, l'informazione sul diritto di revoca della polizza vita unit linked deve essere valutata in conformità al diritto europeo favorevole agli assicurati.

Il broker italiano come agente della compagnia assicurativa del Liechtenstein

Le compagnie di assicurazione generalmente non distribuivano direttamente le polizze di assicurazione vita unit-linked. Il modello di business delle imprese di assicurazione si basava su intermediari esterni che distribuivano le polizze di assicurazione vita unit-linked. Gli intermediari hanno stipulato le polizze di assicurazione sulla vita come partner di vendita contrattualmente vincolati delle imprese di assicurazione nel quadro di un sistema di distribuzione strutturato.

Secondo il diritto del Liechtenstein, e anche secondo il diritto della maggior parte degli altri paesi europei, le parti contraenti sono responsabili di tutti gli atti dei loro agenti che coinvolgono nell'esecuzione di un contratto come della loro propria condotta. Il termine agente si riferisce non solo ai dipendenti di un partner assicurativo, ma anche a persone fisiche e giuridiche completamente indipendenti.

Il criterio rilevante è che l'agente agisca con la volontà della parte contraente nell'esecuzione degli obblighi contrattuali della parte contraente. In sintesi, quindi, gli errori di consulenza causati dai broker possono essere attribuiti anche alle compagnie di assicurazione.

Mancata protezione patrimoniale


Le polizze assicurative erano destinate a proteggere i beni conferiti dagli assicurati dalla portata dei creditori. Da molti punti di vista, tuttavia, questo potrebbe costituire una falsa promessa. In effetti, i creditori potrebbero sequestrare il diritto di disdetta dell'assicurato secondo il diritto del Liechtenstein, che è generalmente applicabile alle polizze assicurative. Quindi il creditore avrebbe diritto al rimborso dei premi pagati dal suo debitore. Dal punto di vista dell'assicurato, che può essere la stessa persona o una persona diversa, la polizza vita in questa costellazione fornisce solo una protezione molto limitata, poiché, il creditore può far pignorare il diritto al pagamento e/o rimborso dei premi.
David Jandrasits è Avvocato dello studio legale Schwärzler nel Principato del Liechtenstein nonché a Zurigo,
Svizzera. Essendosi laureato anche in giurisprudenza Italiana, fa anche l’avvocato stabilito integrato con
studio a Milano. È specializzato in diritto societario e tributario, diritto commerciale nonché contenzioso
civile. Segue private clients e (U)HNWI internazionali ed italiani in progetti di protezione patrimoniale e
pianificazione successoria nonché clienti aziendali in progetti di private equity/M&A. È attivo anche nel
ambito del contenzioso cross-border e della difesa di white collar crime.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti