IoT approda nel mondo assicurativo

Tempo di lettura: 2'
Le assicurazioni si stanno aprendo all'universo tecnologico. Questo porta diversi vantaggi da non sottovalutare

La maggior parte degli assicuratori è ancora in una fase iniziale di identificazione e sviluppo di una visione per l'utilizzo dei dati IoT

Con l'IoT, gli assicuratori possono avere un collegamento costante con i clienti e i loro rischi, fornendo vantaggi a molteplici livelli

IoT approda anche nel mondo assicurativo. Questa tecnologia è in costante crescita in tutti i settori e secondo un recente rapporto di Kaspersky, il 61% delle aziende utilizza già applicazioni IoT. Il mercato dell'IoT sta maturando sia nelle aziende che in quelle dei consumatori. La pandemia ha spinto ulteriormente le aziende a massimizzare l'uso dei loro dispositivi tecnologici per mantenere la produzione e i servizi da remoto. Il mondo si sta dunque sempre più spostando verso dispositivi connessi e l'IoT consentirà di sviluppare sempre più modelli di business, produzione e lavoro migliori. Questo il quadro che emerge dal report pubblucato dalla Geneva Association con l'IoT insurance observatory, think tank assicurativo che nelle prime 4 edizioni ha agreegato più di 70 primari ruppi assicurativi e riassicurativi globali.
La ricerca ha avuto il contributo di più di 100 accademici e dirigenti di diverse compagnie assicurative internazionali, riassicuratori, InsurTech, società tecnologiche, fornitori di tecnologia IoT e altre istituzioni. La tecnologia rappresenta dunque un'opportunità per il settore assicurativo di ridurre i sinistri attesi, ma anche di servire meglio gli interessi degli assicurati, generando inoltre significative esternalità positive per la società. “Sebbene l'IoT non sia stato ancora adottato dalla grande maggioranza degli assicuratori e i livelli di maturità siano ancora in media bassi, tutti gli assicuratori intervistati stanno investendo su questi ambiti”, spiega il report.
Questo significa dunque che la maggior parte degli assicuratori è ancora in una fase iniziale di identificazione e sviluppo di una visione per l'utilizzo dei dati IoT. Ci sono numerose sperimentazioni e progetti pilota senza conclusioni di fattibilità. Molti programmi non hanno avuto successo e solo una piccola percentuale è stata lanciata sul mercato.

Il report evidenzia come l'IoT non è ancora adottato dalla grande maggioranza degli assicuratori e i livelli di maturità sono ancora in media bassi. “Tuttavia, in ciascuna linea di business assicurativo e in ciascun paese è possibile trovare storie di successo, pionieri che sono riusciti ad utilizzare i dati IoT nel proprio modello di business. Ciò che hanno in comune è che i loro approcci sono completi: i dati IoT vengono utilizzati non solo per introdurre servizi di prevenzione e mitigazione dei rischi, ma in molteplici processi aziendali”, spiega la ricerca.

Gli aspetti positivi


Con l'IoT, gli assicuratori possono avere un collegamento costante con i clienti e i loro rischi, fornendo vantaggi a molteplici livelli:

  1. Migliorare l'esperienza del cliente migliorando la vicinanza e la frequenza di interazione con loro e andando oltre la fornitura di servizi di trasferimento del rischio

  2. Impattare positivamente sulle attività assicurative (valutazione, gestione e trasferimento dei rischi) utilizzando soluzioni IoT nella selezione del rischio, determinazione del prezzo, gestione dei sinistri, mitigazione del rischio in tempo reale e incentivazione del cambiamento dei comportamenti

  3. Generare nuove conoscenze sugli assicurati e sui loro rischi

  4. Fornire esternalità positive alla società

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti