Intesa Sanpaolo, c'è sempre più assicurazione

Tempo di lettura: 2'
I primi risultati trimestrali dell'anno evidenziano come la divisione insurance della società abbia realizzato un patrimonio netto di 5.523,5 milioni di euro (+3,5% rispetto a dicembre del 2018)

Nel primo trimestere si è verificata una flessione della raccolta dei prodotti unit linked offerti. Il collocamento ha risentito dell'incertezza dei mercati finanziari di fine 2018

Il Solvency Ratio  al 31 marzo 2019 è pari al 195%. Percentuale in discesa rispetto a fine anno quando risultava essere del 215%

La divisione insurance di Intesa Sanpaolo chiude il primo trimestre dell'anno con un utile netto pari a 160 milioni di euro (in calo del 21,7% rispetto all'anno scorso) e con un Solvency Ratio del 195% (in calo rispetto a fine 2018 quando si toccava il 215%). La diminuzione dell'utile netto è da “attribuire in prevalenza a componenti di natura finanziaria realizzate nel primo trimestre dello scorso anno (investimenti immobiliari)” si legge nella nota dalla società.

“L'elevata redditività e la solidità patrimoniale si accompagnano al costante impegno sia delle oltre 800 persone della divisione, sia delle reti distributive nell'offrire prodotti e servizi di qualità alla nostra clientela, consentendole di affrontare con maggior serenità l'attuale periodo di incertezza – dichiara Nicola Maria Fioravanti – Amministratore delegato e responsabile della divisione Insurance di Intesa Sanpaolo - Abbiamo ulteriormente focalizzato la divisione sul welfare, sia nella componente previdenziale, sia in quella della protezione, per soddisfare la crescente attenzione e le nuove esigenze di clienti retail ed imprese” conclude Fioravati.

Gli asset under management crescono del 3,3% passando da 148.803,2 milioni di euro, dicembre 2018, a 153.670,2 milioni di euro di marzo 2019. Nel dettaglio, nel primo trimestre si è registrato un +4,6% sulle passività finanziarie riferite ai prodotti unit linked passando da 67.990,2 milioni di euro al dicembre 2018 a 71.149,2 milioni di euro a marzo 2019. Aumenta, inoltre, l'incidenza delle passività finanziarie, prevalentemente rappresentate dai prodotti unit linked, rispetto al totale degli asset under management passando dal 45,7% di fine 2018 al 46,3% al marzo 2019.

La produzione lorda vita segna anch'essa una diminuzione del 31,4% da 5.551,8 milioni di euro ,31 marzo 2018, a 3.806,5 milioni di euro, 31 marzo 2019. Questo andamento è dovuto ad un ampliamento dell'offerta sui prodotti tradizionali che ha comportato un incremento della raccolta del 43,1%, pari a 668,6 milioni di euro, passando da 1.551,4 milioni di euro rilevati al 31 marzo 2018 a 2.220,0 milioni di euro rilevati al 31 marzo 2019. Il patrimonio netto, infine, raggiunge i 5.523,5 milioni di euro, in aumento di 187,4 milioni di euro (+3,5% rispetto alla chiusura dell'esercizio 2018 che aveva evidenziato un patrimonio netto pari a 5.336,milioni di euro).

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti