Generali punta al mercato riassicurativo

Tempo di lettura: 2'
Generali guarda alla Francia. E più nel dettaglio al mondo riassicurativo. La società ha infatti nel suo mirino Klesia

L'operazione sarebbe stata presentata al consiglio di amministrazione italiano dall'amministratore delegato di Generali France Jean-Laurent Granier

La nuova disposizione è dunque avviata e l'attuazione dovrebbe realizzarsi in tramite Klesia sa, di cui Generali France dovrebbe rilevare la metà del capitale

Continua la saga delle riassicurazioni. Questa volta tocca a Generali che decide di puntare alla Francia e più nel dettaglio su Klesia. In ballo, secondo quanto riportato da MF ci sarebbe un portafoglio di protezione e coperture salute per le imprese di circa 700 milioni di euro e i due gruppi, che collaborano da oltre 70 anni, hanno deciso di creare una joint venture ad hoc partecipata al 50% a testa. L'operazione sarebbe stata presentata al consiglio di amministrazione italiano dall'amministratore delegato di Generali France Jean-Laurent Granier e avrebbe ricevuto il via libera di Acpr (il corrispettivo francese dell'Ivass italiano) lo scorso 21 febbraio.

 
La nuova disposizione è dunque avviata e l'attuazione dovrebbe realizzarsi in tramite Klesia sa, di cui Generali France dovrebbe rilevare la metà del capitale, anche perché non è possibile visto che Klesia è una specie di mutua. La società Klesia avrebbe un consiglio di amministrazione di pari composizione e verrebbe consolidata nei conti del gruppo di protezione con manager provenienti sia da Klesia sia da Generali. Non solo, sono anche stati istituiti gruppi di lavoro congiunti tra Klesia e Generali per valutare come rafforzare ulteriormente la cooperazione tra le due entità.

 

Si tratta di un riassetto importante per Generali France, che da maggio del 2017 è guidata da Granier.

 I dati

Il gruppo Generali, con premi lordi danni che a giugno scorso avevano raggiunto quota 1,49 miliardi rispetto ai 1,44 miliardi di un anno prima. Il risultato operativo nello stesso periodo, è passato da 70 a 95 milioni e anche il combiend ratio è migliorato da 98,9% di giugno 2018 al 96,7% ma resta ancora il più alto tra le partecipate europee del gruppo Generali. Nel ramo vita il risultato operativo di Generali Francia a giugno 2019 è stato invece di 293 milioni, inferiore solo ai 664 milioni dell'Italia ma superiore ai 218 milioni della Germania e ai 269 dell'International (tra cui Spagna, Americas e Asia).

 

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti