Una chiamata urgente per i banker

Contributors We Wealth
Contributors We Wealth, Nicola Ronchetti
28.6.2022
Tempo di lettura: '
Il 72% dei clienti non ha mai affrontato la tematica previdenziale con il proprio consulente finanziario. Era l’81% un anno fa. Advisor, broker e agenti hanno una responsabilità chiave. È necessario che lavorino per creare maggior consapevolezza, soprattutto tra i giovani

La quota di aderenti agli strumenti di previdenza, tra i clienti delle reti di consulenza – oggi al 27% - cresce più del resto della popolazione ma se andiamo a leggere i dati di raccolta dei fondi pensione e dei Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (Pip) vediamo che la percentuale oscilla tra un misero + 2% e +3%.

È noto che gli italiani abbiano da sempre un rapporto complesso con la previdenza integrativa e complementare, e questo nono[1]stante sia diffusa la consapevolezza che la pensione dell’Inps non basterà a mantenere lo stesso livello di vita nel periodo post-lavorativo. Se da un lato la domanda è debole non è che l’offerta sia così brillante. Consulenti finanziari, banker, broker e agenti hanno una responsabilità chiave. Sarebbe utile se lavorassero anche per creare maggior consapevolezza, soprattutto tra i giovani. Il ruolo dei professionisti è essenziale per promuovere una maggiore educazione finanziaria in materia previdenziale: il 72% dei clienti non ha mai affrontato questa tematica con il proprio consulente finanziario (era l’81% un anno fa).

Il ruolo dei professionisti e in particolare dei consulenti finanziari è anche fondamentale per guidare i clienti nella scelta dello strumento corretto di previdenza integrativa: maggiore è l'orizzonte a disposizione, maggiore dovrebbe essere il profilo di rischio e rendimento. Dalle ricerche condotte da Finer emergono alcuni dati che dimostrano un leggero aumento della sensibilità: si è passati dal 75% (di un anno fa) al 79% degli individui tra i 55 e i 60 che hanno consapevolezza di queste tematiche, dal 52% al 55% tra i 45 e i 54 anni, dal 28% al 31% per i 30-35enni. Dati che se si spiegano con la spensieratezza e le minori risorse economiche dei più giovani sono però assolutamente te irrazionali: i 30-35enni, oltre ad essere i soggetti più toccati dal tema previdenziale, sono anche quelli che hanno la possibilità di accantonare prima e dunque meglio.

In larga parte è un problema culturale nostrano. Il 39% degli italiani pensa infatti che la pensione non sia un problema (era il 42% un anno fa): nel caso in cui dovesse mancare la liquidità necessaria per sostenersi continuerebbero a lavorare o venderebbero gli immobili di famiglia. Il 22% (era il 17% un anno fa) invece afferma che nel caso di risorse diminuite adeguerà di conseguenza il proprio tenore di vita.

Oltre alle barriere culturali vi sono altri temi, come i costi, la trasparenza e l’accessibilità. Se è vero che gli italiani hanno più fiducia nella pensione integrativa (66%) che in quella pubblica (34%), per accedervi, però, cercano un consulente affidabile e preparato. La fiducia nel consulente finanziario e la sua affidabilità sono centrali, oltre la metà (52%) degli italiani si dichiara incapace di definire da solo il Piano pensionistico più adatto alle sue esigenze.

Il ruolo del consulente nel fare da intermediario culturale è dunque centrale proprio perché tra le barriere vi è quasi sempre un tema di incomprensibilità e scarsa fiducia nell’offerta. A ben vedere l’eccesso di liquidità sui conti correnti (2.000 miliardi), la scarsa propensione ad assicurarsi degli italiani (solo il 10% è adeguatamente protetto dai rischi basilari come, responsabilità civile, vita e salute) e la mancata presa in carico del tema della previdenza integrativa sono tutti fenomeni legati tra di loro. Per sciogliere questa matassa che appare a volte ingarbugliata occorre un professionista che sappia conquistarsi la fiducia dei clienti, il resto, temiamo, conti molto poco.


Articolo estratto dal Magazine di We Wealth di giugno 2022

Contributors We Wealth
Contributors We Wealth, Nicola Ronchetti

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti