Successione: Italia – Portogallo con una società

Tempo di lettura: 2'
Cosa succede se si vive all'estero ma si eredita una quota di una società in Italia? Che tasse pago? E soprattutto in che percentuale?

Il caso prende in esame un caso di successione tra Italia e Portogallo. Il protagonista è la convenzione contro le doppie imposizioni siglata dai due paesi

In questo caso la sorella dovrà pagare una tassazione inferiore dato che è residente in Portogallo e si deve rispettare una convenzione

Imposta al 15% per l'erede, residente all'estero, che richiede la liquidazione di una partecipazione in una Srl italiana appartenuto al padre. Il caso in esame prende ad oggetto un caso di successione che vede coinvolti l'Italia e il Portogallo. In questo caso l'aliquota del 15% è possibile perché tra i due paesi esiste una convenzione contro le doppie imposizioni.

Il caso


La figlia tra i beni lasciati dal padre in eredità ha anche una quota del 60% del capitale sociale di una Srl con sede in Italia, rilevata poi interamente dal fratello. La sorella avrà la parte spettante in liquidità e dunque ha chiesto all'Agenzia delle entrate se questa somma dovesse essere dichiarata ai fini Irpef in Italia e nel caso che imposta avrebbero dovuto applicare.

L'agenzia sottolinea come in questo caso debba valere l'articolo 47, comma 7, del Tuir. E dunque si prevede che “le some o il valore normale dei beni ricevuti dai soci in caso di recesso, di liquidazione anche concorsuale delle società ed enti costituiscono utile per la parte che eccede il prezzo pagato per l'acquisto o la sottoscrizione delle azioni o quote annullate”. L'eccedenza a questa se viene data ad una persona fisica deve essere tassata con ritenuta Irpef del 26%. Se però i beneficiari sono residenti in paesi terzi (Portogallo), con i quali l'Italia ha stipulato una convenzione contro le doppie imposizioni, c'è un trattamento fiscale diverso. In questo caso ci si deve infatti attenere ai “dividendi previsti nei trattati bilaterali”.

Nel caso in oggetto si deve dunque osservare quanto stipulato tra Italia e Portogallo. E dunque la sorella dovrà pagare un aliquota ridotta del 15%.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti