Spese universitarie: è possibile portarle in detrazione?

Nicola Dimitri
13.9.2022
Tempo di lettura: 3'
Le spese per la frequenza di corsi d’istruzione universitaria presso le università statali, e non, sono detraibili dall’Irpef

Per ridurre il peso gravante sulla famiglia è consentito detrarre le spese universitarie sostenute in funzione dell'iscrizione a corsi di istruzione universitaria, svolti presso università statali e private, italiane o straniere

A certe condizioni, è possibile portare in detrazione anche il canone di locazione per gli studenti fuori sede

Tasse universitarie: è possibile ridurre i costi?

In un momento storico caratterizzato da un’inflazione galoppante e dalla perdita di potere d’acquisto, la decisione di continuare gli studi ad esempio iscrivendosi a corsi universitari (in Italia o all’estero) può diventare, per una famiglia, una scelta rilevante sul piano economico.

Tra l’altro, l’Italia, a differenza, ad esempio, di Danimarca, Grecia, Finlandia, Svezia, ricopre i primi posti nella classifica dei Paesi europei con le tasse di immatricolazione più alte; come emerge dall’ultima versione disponibile del report National Student Fee and Support Systems in European Higher Education 2020/21.

Tuttavia il nostro ordinamento, per alleggerire il peso delle famiglie chiamate a sostenere gli studi di uno o più figli (o di altri familiari a carico), riconosce la possibilità di detrarre dal reddito Irpef una serie di spese in relazione a un elenco specifico di corsi universitari.

Quali corsi è possibile scaricare?

Per garantire un’applicazione allargata di questa agevolazione, la concezione di corso universitario è ampia. In questo senso, rientrano nel novero di corsi universitari, ad esempio, i:

  • corsi di laurea ordinari (triennale, specialistica o magistrale)
  • corsi di specializzazione
  • corsi di perfezionamento
  • master post-laurea
  • dottorati di ricerca
  • corsi istituiti presso i Conservatori di Musica se equiparati a corsi di formazione universitaria.


Cosa è possibile portare in detrazione?

Le voci di spesa ammesse in detrazione sono le tasse sostenute per l'immatricolazione o iscrizione dello studente al corso universitario; gli esborsi per la partecipazione ai test di ingresso; le soprattasse per gli esami di profitto e laurea; le spese per la frequenza di tirocini formativi attivi (per la formazione iniziale dei docenti).

È possibile, inoltre, nel limite totale di 2.633 euro, portare in detrazione il canone di locazione per gli studenti fuori sede.

Quanto è possibile portare in detrazione?

È consentita la detrazione delle spese nella misura del 19% sull’ammontare sostenuto, laddove l’università è statale.

Invece, nel caso di iscrizione a un'università non statale, l'importo ammesso alla detrazione non deve essere superiore, come chiarito dall'Agenzia delle entrate, a quello stabilito annualmente per ciascuna facoltà universitaria con decreto del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

In fase di dichiarazione, se la spesa è sostenuta a favore di un familiare a carico, occorre indicare il codice fiscale del familiare nel cui interesse è stato effettuato l'esborso.

Dovrà altresì essere indicata la tipologia di voce (spesa o rimborso), la tipologia di università (statale o non statale), la denominazione dell'università, la spesa universitaria e la percentuale di sostenimento a favore del familiare a carico.

Redattore e coordinatore dell'area Fiscal & Legal di We Wealth. In precedenza ha lavorato nell'ambito del diritto tributario e della fiscalità internazionale presso primari studi legali

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti