Ordinamenti off-shore e paradisi fiscali: focus su Panama

foto digitale - Nicola Dimitri
Nicola Dimitri
30.7.2021
Tempo di lettura: 3'
Lo scenario economico mondiale è contrassegnato da sistemi finanziari sempre più integrati e concorrenziali che, anche grazie all'affermarsi della rete, facilitano e amplificano la fluttuazione transnazionale di capitali da e verso giurisdizioni a fiscalità privilegiata

Nell’attuale quadro delle giurisdizioni considerate off-shore un posto di primo piano lo occupa lo stato centroamericano di Panama

L’ordinamento tributario di Panama prevede la possibilità di beneficiare di particolari condizioni di vantaggio tanto per le persone fisiche che giuridiche

Il giro d'affari delle ricchezze che transitano presso le strutture bancarie o finanziarie off-shore, situate spesso in zone geografiche remote e non facilmente raggiungibili, è sempre in aumento.

E invero, prima di soffermarsi su una delle giurisdizioni in questo senso più note, è bene chiarire cosa rappresenta il termine inglese off-shore.

Off-shore è un termine con cui, generalmente, si indicano le società costituite presso uno Stato a bassa fiscalità (ad es. per ridurre il carico di imposta o la gestione del rischio) diverso da quello in cui, dette società, esercitano di fatto la loro attività prevalente di impresa.
I soggetti che di norma sono soliti ricorrere a servizi e strutture off-shore sono i privati, mossi dall'interesse di sviluppare una conveniente pianificazione fiscale, ovvero in cerca di anonimato e sicurezza su talune operazioni; le società al fine di ottimizzare i costi di finanziamento delle sussidiare, fruire di un carico meno gravoso sui dividendi e sulle plusvalenze da alienazione di partecipazioni, realizzare particolari strategie commerciali e finanziarie.
Ebbene, nell'attuale quadro delle giurisdizioni considerate off-shore - sottoposte ad attenzione dalle amministrazioni finanziarie europee – un posto di primo piano lo occupa lo stato centroamericano di Panama. Una delle capitali dell'industria off-shore.

L'ordinamento tributario di Panama prevede la possibilità di beneficiare di particolari condizioni di vantaggio: ad esempio, Panama consente ai soggetti o alle società che ivi si trasferiscono di beneficiare di una politica di tassazione zero del reddito estero.

Questo significa che se il capitale sociale o personale è sito all'estero, grazie all'applicazione del principio di tassazione territoriale a zero, esso sarà esente da qualsiasi tassazione.

Il reddito imponibile delle persone fisiche prevede scaglioni progressivi così definiti: esente da tassazione il reddito netto imponibile fino a 11.000$; soggetto ad una aliquota fiscale del 15% il reddito netto fino a 50.000$; soggetto ad un'aliquota fiscale del 25% il reddito oltre la soglia dei 50.000$.

Il reddito imponibile sulle persone giuridiche prevede, invece, una flat tax con aliquota al 25%.
Panama permette poi di sfruttare veicoli societari idonei a proteggere i propri asset e il proprio patrimonio

A livello societario, è necessario fare riferimento alle struttura della sociedad anonima panameña.

Si tratta della forma societaria più utilizzata per effettuare operazioni off-shore a Panama, stante il fatto che gli azionisti possono rimanere anonimi, consente in taluni casi di azzerare il carico fiscale, per la sua costituzione sono necessari due sottoscrittori stranieri o due sostituti (nel caso di sottoscrittori stranieri assenti), non è necessaria la presenza fisica dei soci per il successivo svolgimento delle attività societarie, i tempi di costituzione della società sono molto rapidi, i membri dell'amministrazione (almeno 3) non devono essere necessariamente soci, i beneficiari effettivi della società non sono tenuti ad iscriversi nel Registro Pubblico delle società.

In second battuta ci si deve riferire anche alla struttura societaria definita Panama Private Interest Foundation.

Si tratta di un veicolo giuridico (analogo a quello della fondazione) utile per la pianificazione immobiliare internazionale, per il controllo della proprietà azionaria di società straniere, per la pianificazione testamentaria e raccolta fondi con scopi specifici.

Redattore e coordinatore dell'area Fiscal & Legal di We Wealth. In precedenza ha lavorato nell'ambito del diritto tributario e della fiscalità internazionale presso primari studi legali

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti