Le società di persone come strumento di wealth planning

Tempo di lettura: 3'
L'organizzazione dei patrimoni familiari di una certa complessità vede spesso, com'è noto, al proprio vertice un veicolo societario che funge da “cassaforte” di partecipazioni, siano esse di maggioranza o di minoranza, in altre società.
Sono ben noti i vantaggi, in tale campo, della società semplice, che consente - in virtù della sua natura “ibrida” tra società e comunione di godimento – anche la detenzione di beni (per lo più immobili e mobili registrati) al fine dell'utilizzo personale e diretto da parte dei soci.

Meno comune è, invece, l'utilizzo - quali  holding - degli altri tipi di società di persone (società in nome collettivo e società in accomandita semplice), essendo alle stesse generalmente preferite le società di capitali (principalmente società a responsabilità limitata e società per azioni).
Rispetto a queste ultime, un primo vantaggio dato dall'avere come capogruppo una s.n.c. o una s.a.s. è costituito dall'efficacia segregativa: le quote, a meno che non ne sia statutariamente prevista la libera trasferibilità, sono insequestrabili ed impignorabili. Ai sensi dell'art. 2305 c.c. (applicabile ad entrambi i tipi societari), inoltre, il creditore particolare del socio, finché dura la società, non può chiedere la liquidazione della quota del socio debitore.

Sotto tale ultimo aspetto, le società commerciali di persone presentano una protezione più elevata non solo rispetto a s.p.a. ed s.r.l., ma anche rispetto alla stessa società semplice: nella s.s., infatti, il creditore particolare del socio può chiedere la liquidazione della quota del proprio debitore qualora gli altri beni dello stesso siano insufficienti a soddisfare i suoi crediti (art. 2270 c.c.).
Anche ad s.n.c. e s.a.s. si applica invece la disciplina (dettata in materia di società semplice, ma ritenuta di applicazione generale) che prevede la possibilità per il creditore particolare del socio, pendente societate, di far valere i propri diritti sugli utili e compiere atti conservativi sulla quota spettante al socio-debitore in sede di liquidazione.

Un'ulteriore caratteristica delle società commerciali di persone, potenzialmente apprezzabile sul piano della riservatezza, è data dal fatto che esse, pur obbligate alla tenuta dei libri obbligatori e delle scritture contabili previste dall'art. 2214 c.c., non sono tenute al deposito del bilancio di esercizio: i dati economico-patrimoniali della s.n.c. e della s.a.s. non saranno quindi visibili a terzi.

L'estrema flessibilità della società di persone sul piano del possibile contenuto dei patti sociali permetterà, poi, ai soci ampia libertà di scelta nella disciplina tanto degli aspetti economici, quanto di quelli amministrativi correlati alla partecipazione (es. percentuale di partecipazione agli utili e diritti alla distribuzione, disciplina del trasferimento delle quote per atto tra vivi e mortis causa, etc.).
Nella scelta dello strumento della società di persone come “cassaforte” del proprio patrimonio, non dovrà tuttavia essere dimenticata una sua caratteristica ontologica: la responsabilità personale, illimitata e solidale dei soci amministratori (e, nella società semplice, di tutti i soci, salvo sia prevista nei patti sociali la responsabilità dei soli soci che abbiano agito in nome e per conto della società).
Tale rischio dovrà essere tenuto in particolare considerazione dall'amministratore di società di persone commerciale, ma anche dal socio amministratore di società semplice che detenga partecipazioni in società di capitali (si pensi, a titolo di esempio, alla responsabilità da attività di direzione e coordinamento ex art. 2497 s.s. c.c. o alla possibile responsabilità gestoria che può originarsi nei casi in cui, nelle s.r.l., al socio siano riservate statutariamente decisioni su determinate materie ex art. 2479 c.c.).

A tale regime di responsabilità sarebbe invece sottratto il socio accomandante nella s.a.s., il quale risponde solamente con la quota conferita, così rivestendo una posizione assimilabile, per molti aspetti, a quella del socio in società di capitali (seppur con i benefici derivanti dal tipo di società personale sopra descritti). Il rischio derivante dall'attività d'impresa ricadrebbe solamente sul socio accomandatario, che ben potrebbe essere anche una società di capitali (con limitazione della responsabilità, quindi, al solo patrimonio sociale).

Uno schema di tal fatta, con una partecipazione sostanzialmente “di capitale”, ben si presterebbe anche alla detenzione attraverso lo strumento di un trust “familiare”: il trustee (in forza di conferimento di partecipazioni e conseguente modifica dei patti sociali) sarebbe socio accomandante e, quindi, godrebbe dei frutti senza alcun coinvolgimento nella gestione: utili e, a determinate condizioni, capitale andrebbero a vantaggio dei beneficiari.

Ma attenzione: al socio accomandante è imposta dalla legge un'astensione pressoché totale dalla vita societaria, pena la sua responsabilità illimitata e solidale verso i terzi per tutte le obbligazioni sociali: così dispone l'art. 2320 c.c., norma di cui la giurisprudenza ha fornito, in taluni casi, un'interpretazione estremamente rigorosa.
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Massimiliano Campeis è avvocato cassazionista e managing partner di Studio Avvocati Campeis.
Specializzato in diritto dei trust e della pianificazione patrimoniale e nella consulenza societaria, opera a supporto di famiglie e imprese nella tutela e trasmissione dei patrimoni, nel passaggio generazionale d’azienda, nei riassetti di gruppo societario e nelle operazioni straordinarie. È socio e responsabile locale dell’Associazione Il Trust In Italia.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti