Esecutore testamentario: chi è e quali spese prevedere

Tempo di lettura: 3'
La retribuzione dell’esecutore testamentario e il rimborso spese: cosa prevedono la normativa italiana e la giurisprudenza

L’esecutore testamentario è quel soggetto incaricato dal testatore di portare a compimento le proprie ultime volontà e di far sì che le disposizioni testamentarie abbiano esecuzione (ad esempio, questi cura il pagamento dei legati e dei debiti ereditari, è responsabile per la presentazione della dichiarazione di successione e può procedere, come diremo, alla divisione della massa). 

Egli ricopre un ufficio di diritto privato e può essere nominato solo per testamento.
L’ufficio dell’esecutore è naturalmente gratuito, specie in ragione del fatto – secondo la giurisprudenza (cfr. Cass. 17382/2004) – che la persona nominata come esecutore resta libera di decidere se accettare o meno l’incarico. È fatta comunque salva una diversa indicazione espressa (ma non si richiedono formule sacramentali) da parte del testatore: dispone infatti l’art. 711 c.c. che “l'ufficio dell'esecutore testamentario è gratuito. Tuttavia, il testatore può stabilire una retribuzione a carico dell'eredità”.


LE OPPORTUNITÀ PER TE. Con tassi previsti ancora al rialzo, su quali megatrend conviene investire? In ottica di pianificazione successoria, perché conviene fare testamento? Gli advisor selezionati da We Wealth possono aiutarti a trovare le risposte che cerchi. RICHIEDI LA TUA CONSULENZA GRATUITA

La retribuzione dell’esecutore testamentario 

Il testatore può disporre direttamente la misura della retribuzione nella scheda testamentaria, oppure affidare la sua determinazione a un terzo, o all’arbitrium boni viri dell’erede. Se invece la retribuzione è indicata genericamente, senza previsione dell’ammontare, occorrerà chiederne la quantificazione all’autorità giudiziaria. 

Si ritiene che, perché si abbia retribuzione, deve sussistere una proporzione tra attività prestata e compenso stabilito dal testatore. Qualora manchi, si ritiene che la disposizione vada qualificata quale legato: in tal caso, l’esecutore assumerebbe la qualifica di legatario, e gli sarebbe preclusa la legittimazione alla divisione dei beni ereditari ai sensi dell’art. 706, comma 1 c.c. 

Secondo certa dottrina e una recente pronuncia della suprema Corte di Cassazione (Cass. 24798/2022), la retribuzione dell’esecutore può essere frutto, oltre che di una disposizione testamentaria, anche di un accordo in tal senso tra la persona nominata quale esecutore testamentaria e gli eredi. Tuttavia, se la retribuzione discende da una disposizione ereditaria, questa è a carico dell’eredità; viceversa, la retribuzione convenuta tra esecutore ed eredi da un lato non è idonea a diminuire l’attivo ereditario a pregiudizio di creditori ereditari e legatari, e dall’altro vincola esclusivamente gli eredi che hanno concluso il patto. 


Il legato a favore dell’esecutore testamentario 

Nulla vieta, peraltro, che il testatore non preveda alcuna retribuzione a carico dell’esecutore, ma piuttosto disponga un legato (cosiddetto diamant) a favore del medesimo, in segno di gratitudine dei servizi che renderà per portare a esecuzione la volontà testamentaria. 


Il rimborso spese dell’esecutore testamentario

Per quanto riguarda le spese, la naturale gratuità del ruolo di esecutore non comporta anche che il medesimo ne debba sostenere le spese. Dispone all’uopo l’art. 712 c.c. che “le spese fatte dall'esecutore testamentario per l'esercizio del suo ufficio sono a carico dell'eredità”. L’esecutore può far fronte alle spese o prelevandole direttamente dalla massa ereditaria, oppure anticipandole e ripetendone l’ammontare dalla massa. 

Le spese di cui all’art. 712 c.c. comprendono quelle giudiziali, anche di soccombenza (salva la diligenza dell’esecutore), e sono solo quelle riferibili all’esecuzione dell’incarico. L’esecutore, si ricorda, ha il dovere di agire con la diligenza del buon padre di famiglia ai sensi dell’art. 703, comma 4 c.c., oltre che di rendere il conto, di guisa che se non si attiene a tal criterio, da un lato incorrerà in responsabilità nei confronti degli eredi, dall’altro non avrà diritto al rimborso delle spese che ha anticipato.

Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.
WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Maria Cristiana Felisi è Of Counsel di Maisto e Associati. Ha sviluppato una particolare competenza nella consulenza ai clienti su aspetti di diritto privato e di famiglia, tra cui il diritto delle successioni, i trust, le fondazioni, la pianificazione successoria, real estate, societario e relativo contenzioso. È una mediatrice professionale per le imprese, un Family Officer qualificato in Italia e membro dell'International Bar Association (IBA). E' iscritta all'albo degli avvocati di Milano dal 1992 ed è patrocinatrice davanti alla Corte di Cassazione e ad altre giurisdizioni superiori.

Cosa vorresti fare?