Passaggio generazionale: quando non è elusivo?

valentina-guarise
Valentina Guarise
27.10.2021
Tempo di lettura: 3'
Non può dirsi elusiva un'operazione di passaggio generazionale realizzata tramite divisione globale del patrimonio ereditario comune e successiva scissione parziale asimmetrica non proporzionale, in favore di un nuovo veicolo societario
Non può dirsi elusiva un'operazione di passaggio generazionale così strutturata: (i) divisione globale del patrimonio ereditario comune e (ii) successiva scissione parziale asimmetrica non proporzionale, in favore di un nuovo veicolo societario.
Così si è espressa l'Amministrazione Finanziaria con la recente risposta ad interpello 25 agosto 2021 n. 555.
A seguito del decesso della madre, socia unica di una S.r.l. esercente attività agricola e immobiliare, la quota totalitaria di partecipazione nella società e alcuni immobili sono stati trasferiti ai tre figli. Le diverse attitudini lavorative e idee imprenditoriali, nonché l'accresciuta incompatibilità caratteriale, hanno spinto i tre figli ad individuare una soluzione atta a suddividere tra di loro il patrimonio ereditato e a rivolgersi preventivamente all'Agenzia delle Entrate, al fine di verificare che le modalità di ripartizione di eredità e quote societarie che avevano ipotizzato potessero dirsi del tutto legittime. I discendenti intendevano procedere come segue:

  • effettuare una divisione ereditaria di tutto il lascito, tramite la formazione di tre lotti, da assegnare a ciascun figlio, ove però uno degli eredi rinunciava a qualsiasi quota societaria (essendo del tutto disinteressato a portare avanti l'attività d'impresa di famiglia);

  • compiere una scissione parziale asimmetrica e non proporzionale della società ereditata, in favore di una nuova srl. In esito a tale operazione, ciascuno degli altri due figli - entrambi intenzionati a continuare ad operare come imprenditori, sebbene non congiuntamente - sarebbe stato interamente titolare di una quota societaria, rispettivamente nella società materna e nella società neocostituita.

Il Fisco ha ritenuto del tutto legittimo un passaggio generazionale così strutturato, non ravvisandovi alcun vantaggio fiscale indebito ma, al contrario, ritenendo le descritte operazioni “fisiologiche” e “finalizzate a consentire lo scioglimento del socio C (ossia all'erede non interessato all'attività d'impresa, n.d.r.) dal vincolo della comunione indivisa in società cui non ha interesse a partecipare, ed ai soci A e B la prosecuzione autonoma delle attività d'impresa a loro più congeniali”.
La Risposta in esame evidenzia che una struttura di passaggio generazionale quale quella descritta deve essere funzionale a consentire l'esercizio distinto, ma effettivo, di attività economiche, e non già alla creazione di veicoli societari “contenitori”, finalizzati alla mera assegnazione di beni delle società ai rispettivi soci “(…) Laddove anche una sola delle società risultanti dalla divisione e scissione venisse privata di operatività, l'operazione si tradurrebbe nell'attribuzione al singolo socio di immobili ad uso diretto per il tramite dello schermo societario, ed il risparmio fiscale sarebbe rinvenibile nello spostamento sine die della tassazione delle plusvalenze sui beni stessi, prevista sulla base del valore normale dei cespiti, ai sensi dell'articolo 86, comma 1, lett. c) e comma 3 del Tuir”.
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Laureata in Economia e Diritto dell’impresa a pieni voti presso la Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Torino, dottore commercialista e revisore dei conti.
Ha avuto un’esperienza pregressa in un altro studio tributario internazionale di primario livello e dal 2009 collabora con lo studio Bourlot Gilardi Romagnoli e Associati.
Le sue aree di specializzazione professionale sono: consulenza fiscale e societaria a primarie società, con particolare esperienza nelle aree della pianificazione fiscale e della assistenza ad operazioni di M&A, consulenza fiscale a persone fisiche, strumenti per la protezione patrimoniale e passaggio generazionale.
Durante la propria esperienza ha assistito clienti, tra i quali gruppi multinazionali di rilevanti dimensioni, basati in Italia e all’estero, operanti in svariati settori, fra cui automotive, alimentare, beni di consumo e servizi digitali evoluti.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti