Il legato di quotina: dibattito in dottrina e giurisprudenza

Tempo di lettura: 3'
È possibile disporre per legato della quota di un bene indiviso facente parte di una più ampia comunione? Approfondiamo la tematica
Va premesso che si è dibattuto, in dottrina e giurisprudenza, sull'esistenza della c.d. “quotina” e la sua trasmissibilità per via negoziale. Tale figura viene definita come la quota di titolarità (corrispondente per valore alla misura della quota insistente sull'intera comunione) che un determinato comproprietario vanta sulla quota di un bene facente parte di una più ampia comunione pro indiviso (ad esempio, un terzo di un immobile caduto in comunione insieme ad altri immobili), in contrapposizione alla c.d. “quotona”, ovvero la quota astratta di titolarità sull'insieme dei beni che fanno parte della comunione.

Una prima tesi, seguita da parte della dottrina e da una giurisprudenza meno recente (cfr. Cass. 2308/1964), ne ammette l'esistenza, sostenendo la possibilità di porre in essere atti dispositivi aventi effetti reali sulla quotina, come ad esempio la vendita da parte del coerede di una quota di un singolo bene facente parte della comunione ereditaria. Una seconda tesi, seguita da altra parte della dottrina e dalla giurisprudenza più recente (cfr. Cass. Civ. 5485/2002), nega invece l'esistenza della quotina, smentendo che il comproprietario possa essere considerato anche contitolare della quota su un singolo bene in maniera distinta rispetto alla comproprietà della quota globale della comunione. Egli, infatti, non sarebbe legittimato a disporre con effetti reali né di un singolo bene dell'eredità né di una quota dello stesso; mentre potrebbe con effetti obbligatori.

In particolare, le Sezioni Unite civili della Cassazione n. 5068/2016 si sono pronunciate sul caso della donazione di quotina, equiparando il concetto di quotina a quello di “bene altrui” (interamente) quanto agli atti dispositivi. In applicazione di tale principio, hanno sancito la nullità per difetto di causa delle donazioni di quotina non accompagnate da un'espressa dichiarazione di scienza del donante rispetto all'altruità della cosa, in presenza della quale la donazione potrà essere considerata valida ma con soli effetti obbligatori (cioè avente per oggetto l'obbligo di far acquistare al donatario la proprietà del bene donato, che si trasmetterà solo all'esito della divisione della comunione e dell'assegnazione del bene al disponente).

Venendo alla trasmissibilità della quotina per legato, riveste particolare interesse il provvedimento del Tribunale di Brescia del 1° marzo 2018, il quale, aderendo all'impostazione della citata decisione delle Sezioni Unite ha ricondotto il legato di quotina alla figura del legato di cosa altrui ex art. 651 c.c., chiedendo che ne siano rispettati anche i relativi requisiti di validità.

Il legato di cosa altrui è invero un particolare tipo di legato mediante il quale il testatore può disporre di un bene che non rientra nel proprio patrimonio. Questo tipo di legato presenta due particolarità:

1) ha uno specifico requisito di validità, cioè la presenza di una dichiarazione scritta (nel testamento o in altro scritto) da cui risulti che il testatore conosceva l'altruità della cosa (art. 651.1 c.c.);
2) ha efficacia obbligatoria e consente all'onerato di liberarsi in due modalità alternative fra loro, ovvero a) facendo acquistare al legatario la proprietà della cosa altrui legata, o b) pagando al legatario il “giusto prezzo” (art. 651 c.c.), cioè il valore della cosa legata.
Appare dunque possibile, alla luce della giurisprudenza più recente, confezionare un legato di quotina in un testamento nel rispetto dei requisiti di cui all'art. 651 c.c. Occorre tuttavia ricordare, in base a quanto detto sopra, che:

  • affinché la disposizione testamentaria sia valida, è necessario che il testatore menzioni espressamente l'altruità della cosa;

  • indipendentemente dalla volontà del testatore, il bene ottenuto in concreto dal legatario varia in funzione dell'esito della divisione ereditaria. Ove, difatti, il bene la cui quota il testatore ha legato venisse assegnata all'onerato, il legatario acquisterebbe la proprietà della cosa legata dal momento dell'assegnazione del bene (o della quota del bene) al coerede onerato (cfr. art. 649.2 c.c.); tuttavia, se così non fosse, l'onerato sarebbe tenuto, ai sensi dell'art. 651 c.c., all'obbligo (alternativo) di fare acquistare la proprietà della cosa al legatario o di pagargli il “giusto prezzo”, eventualità, quest'ultima, in cui il legatario non riceverebbe una quota del bene, ma il suo equivalente in denaro.


Si precisa che in dottrina vi sono voci contrarie (Bianca) che riconducono il legato di quotina alla fattispecie sub art. 652 c.c. (legato di cosa solo in parte del testatore: “Se al testatore appartiene una parte della cosa legata o un diritto sulla medesima, il legato è valido solo relativamente a questa parte o a questo diritto, salvo che risulti la volontà del testatore di legare la cosa per intero, in conformità dell'articolo precedente”).
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Maria Cristiana Felisi è Of Counsel di Maisto e Associati. Ha sviluppato una particolare competenza nella consulenza ai clienti su aspetti di diritto privato e di famiglia, tra cui il diritto delle successioni, i trust, le fondazioni, la pianificazione successoria, real estate, societario e relativo contenzioso. È una mediatrice professionale per le imprese, un Family Officer qualificato in Italia e membro dell'International Bar Association (IBA). E' iscritta all'albo degli avvocati di Milano dal 1992 ed è patrocinatrice davanti alla Corte di Cassazione e ad altre giurisdizioni superiori.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti