Legge di bilancio 2021: novità sugli accordi preventivi

raffaele-iervolino
Raffaele Iervolino
4.12.2020
Tempo di lettura: 3'
Nella bozza di Legge di bilancio 2021 in discussione in questi giorni si parla anche degli accordi preventivi per le imprese con attività internazionale
Gli accordi preventivi per le imprese con attività internazionale (c.d. Apa) sono accordi che possono essere conclusi con l'Agenzia delle Entrate per definire preventivamente alcuni aspetti fiscali concernenti operazioni di respiro internazionale (i.e., transfer pricing, valori in uscita/entrata in caso di trasferimento residenza, attribuzione utili/perdite alla stabile, valutazione circa la sussistenza della stabile organizzazione, dividendi, interessi e royalties). In particolare, sono considerati Apa unilaterali, gli accordi che coinvolgono una sola amministrazione fiscale, mentre sono Apa bilaterali o multilaterali, gli accordi che interessano più giurisdizioni nelle quali il contribuente svolge la propria attività.
Sul punto, il disegno di legge di Bilancio per il 2021 (nel prosieguo anche “Ddl bilancio 2021”), propone di innovare la disciplina degli Apa, prevista dall'art. 31-ter del Dpr 600/1973, con due novità che potrebbero incidere sull'efficacia dell'accordo siglato e sui requisiti di ammissibilità dell'istanza di Apa presentata dal contribuente.

Più nel dettaglio, per quanto concerne la prima novità, il Ddl bilancio 2021 introduce la facoltà per il contribuente di far valere l'accordo Apa anche per le annualità ancora accertabili da parte dell'Agenzia delle Entrate, ossia per le sei annualità precedenti la relativa sottoscrizione. Tale previsione è conforme alla prassi internazionale e modificherebbe l'attuale disciplina (risalente al 2015) che consente di far retroagire gli effetti dell'accordo fino all'anno in cui è presentata l'istanza di accesso alla procedura (i.e. normalmente non più di 24/36 mesi prima della conclusione dell'accordo). Chiaramente, per poter rendere efficace questo nuovo roll-back sarà necessario che le condizioni di fatto e di diritto concordate siano presenti anche per gli anni precedenti e che, per tali annualità, non siano iniziati accessi, ispezioni o verifiche (sul punto si ritiene possibile l'utilizzo dell'istituto del ravvedimento operoso e/o della dichiarazione integrativa). Inoltre, con specifico riferimento alle procedure bilaterali e/o multilaterali, giova precisare che il contribuente dovrà chiedere espressamente l'applicazione del roll-back nell'istanza di accesso all'Apa e, conseguentemente, le autorità degli stati esteri coinvolte nella procedura dovranno esprimere il proprio consenso all'estensione dell'accordo agli anni pregressi.

Con riferimento, invece, alla seconda novità, il Ddl bilancio 2021 introduce il pagamento di una commissione per l'ammissibilità alla procedura di Apa bilaterale o multilaterale. Ad oggi, in Italia, gli Apa sono gratuiti, tuttavia il pagamento di una “commission fee” risulta essere una prassi consolidata in altre giurisdizioni e, secondo quanto si rinviene nella relazione illustrativa al DDL, tale sistema permetterebbe la “compartecipazione del contribuente alle spese sostenute dall'Agenzia delle entrate per la gestione delle istanze di accordo bilaterale e multilaterale”. Inoltre, in linea con quanto avviene in altre giurisdizioni, il contributo è rapportato al fatturato complessivo e, in caso di richiesta di rinnovo con riferimento a procedure già concluse, le commissioni risulteranno ridotte alla metà. Più nel dettaglio, la commissione in analisi sarà suddivisa in tre scaglioni suddivisi in funzione del fatturato di gruppo:

  • fatturato di gruppo inferiore a 100.000.000 di Euro, la commissione sarà pari ad Euro 10.000;

  • fatturato di gruppo compreso tra 100.000.000 e 750.000.000 di Euro, la commissione sarà pari ad Euro 30.000;

  • fatturato di gruppo superiore a 750.000.000 di Euro, la commissione sarà pari ad Euro 50.000.

Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Dottore commercialista e revisore legale, ha lavorato in Italia e all’estero occupandosi di prezzi di trasferimento e fiscalità internazionale presso i più importanti network internazionali. Svolge la sua attività professionale presso lo Studio legale tributario Ey, dove fa parte del gruppo di lavoro sulle transazioni finanziarie.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti