Expatriates: quello che devi sapere se la meta è il Giappone

foto digitale - Nicola Dimitri
Nicola Dimitri
14.12.2021
Tempo di lettura: 3'
Per approfondire i rapporti con i mercati esteri, gli expatriates sono una figura essenziale per le imprese

Prima di assegnare all’estero una propria risorsa è opportuno verificare nel dettaglio i requisiti e le norme che vengono in rilievo nello Stato di destinazione

Occorre non sottovalutare le implicazioni fiscali correlate al tema degli expatriates, sia a livello corporate che individuale per il lavoratore

La mobilità globale dei lavoratori dipendenti e dei managers d'impresa è una conseguenza diretta della globalizzazione dell'economia e dell'integrazione dei mercati e, come tale, è esigenza irrinunciabile per le aziende che intendono competere a livello internazionale e operare al di fuori dei confini nazionali.
Per tale ragione, ogni giorno, sono numerosissime le figure aziendali, apicali e non, che per esigenze lavorative diverse vengono assegnate all'estero, anche per lunghi periodi di tempo.
Una simile circostanza apre numerose questioni – spesso complesse – che involgono profili contrattuali, previdenziali e fiscali (ma non solo).

In questi termini, prima di assegnare ad un lavoratore un incarico internazionale che lo porterà a prestare la propria attività all'estero è opportuno vagliare, quanto più nel dettaglio, tutti gli aspetti legali correlati alla giurisdizione di arrivo.

Il presente articolo, anche grazie alle schede predisposte dal Global Mobility Services Team di Grant Thornton, intende fare una rapida disamina degli aspetti principali a cui un espatriato deve prestare attenzione se la meta dell'incarico è il Giappone.

In Giappone, la presenza italiana è, da tempo, più che consolidata. Come emerge dal report sull'interscambio Giappone-Italia, reso dall'Osservatorio Economico del Ministero degli Affari esteri, in territorio nipponico l'Italia è solida in particolare nell'ambito automobilistico, motociclistico, alimentare e della moda. Sono numerose le imprese riferibili ai maggiori brand dei suddetti comparti, nonché le filiali e le piccole aziende italiane che, anche indirettamente, operano nell'indotto.

I dipendenti con un incarico internazionale in Giappone saranno soggetti a norme fiscali complesse, che prevedono adempimenti di previdenza sociale e appositi visti e permessi per lavorare.

Per poter lavorare è necessaria la cd. employment visa, che potrà essere ottenuta più rapidamente se il datore di lavoro, interpellando l'Immigration Bureau, riuscirà a ottenere un permesso di idoneità per entrare in Giappone.
In Giappone, tutti gli individui rientrano in una delle seguenti tre categorie di contribuenti: non residente, residente non permanente o residente permanente.

Un residente è qualsiasi individuo che ha un domicilio in Giappone, ha mantenuto una residenza continuativa in Giappone per un anno o più, o intende risiedere nel territorio dello Stato per un anno o più, in funzione della lettera di incarico internazionale o della durata prevista per la missione lavorativa da svolgere in Giappone.

Un contribuente residente permanente è un residente che è cittadino giapponese o cittadino straniero che ha vissuto in Giappone per più di cinque dei dieci anni precedenti.

Un cittadino straniero residente non permanente è colui che non ha vissuto in Giappone per più di cinque anni negli ultimi dieci.

Ciò considerato, un non residente, generalmente, è tassato sul reddito di fonte giapponese nonché su qualsiasi reddito effettivamente connesso a una stabile organizzazione in Giappone.

Lo stipendio pagato da un datore di lavoro in forza dei servizi prestati in Giappone è considerato reddito di fonte giapponese; ciò anche quando lo stipendio è pagato all'estero.

In questo senso, anche i non residenti sono soggetti all'imposta sul reddito giapponese e generalmente avranno l'obbligo di presentare una dichiarazione dei redditi: in Giappone, le dichiarazioni dei redditi e i versamenti devono essere effettuati entro il 15 marzo dell'anno successivo.

Laddove lo stesso reddito sia stato soggetto a tassazione sia in Giappone che in una giurisdizione straniera – ma occorre controllare caso per caso – potrebbe essere disponibile l'esenzione dalla doppia imposizione.

Ebbene, questi sono solo brevi accenni alle più ampie e complesse questioni legali e fiscali che vengono in rilievo quando si tratta di confrontarsi con l'assegnazione di una risorsa in Giappone. Pertanto, è opportuno ricorrere al supporto di un consulente esperto in materia.
Redattore e coordinatore dell'area Fiscal & Legal di We Wealth. In precedenza ha lavorato nell'ambito del diritto tributario e della fiscalità internazionale presso primari studi legali

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti