Pmi: crescono gli investimenti complementari al credito bancario

Tempo di lettura: 2'
In un anno sono stati veicolati verso le Piccole e medie imprese italiane (Pmi) tre miliardi di investimenti. Dato in crescita rispetto ai 2,3 del periodo precedente

Si parla di crowdfunding, private equity, venture capital e minibond. E anche i token digitali potrebbe iniziare ad avere un ruolo importante in un prossimo futuro

"Il mercato della finanza alternativa, o per meglio dire complementare, al credito bancario per le Pmi continua a crescere in Italia, come nel resto d'Europa” dichiara Giancarlo Giudici professore associato di Finanza aziendale

La finanza alternativa al credito bancario continua a crescere. Da luglio 2018 e giugno 2019 in Italia le risorse che sono infatti state investite in Piccole e medie imprese italiane (Pmi) sono di circa tre miliardi di euro (2,3 miliardi nel periodo precedente). Si parla dunque di risorse provenienti dal private equity, venture capital (dopo alcuni mesi di difficoltà, hanno ripreso a svolgere un ruolo prioritario nell'industria), dall'invoice trading, e del crowdfunding ch ha mantenuto buoni tassi di crescita, pur rimanendo ancora comparativamente piccolo. L'offerta di token digitali, spinta dalla tecnologia blockchain, è invece in attesa di una pro...

Caro lettore,
per continuare ad informarti con i nostri contenuti esclusivi accedi o registrati GRATUITAMENTE!

Solo così potrai:

  • Continuare ad informarti grazie ai nostri contenuti come articoli, guide e white papers, podcast, dirette
  • Richiedere di essere contattato da un esperto
  • Fare una domanda sulla gestione del tuo patrimonio ed entrare in contatto con i migliori e esperti del settore GRATUITAMENTE
  • E tanto altro ancora

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti