EVENTO « III° PRIVATE MARKET SUMMIT » Idee per capitali pazienti in un mondo che cambia EVENTO IN DIRETTA REGISTRATI

Impact economy: un nuovo modo di fare impresa | WeWealth

Impact economy: un nuovo modo di fare impresa

Angelo Ginex
Angelo Ginex
29.4.2021
Tempo di lettura: '
Sembra definitivamente giunto il momento del capitalismo 2.0, anche a causa della crisi pandemica da covid-19. Sempre più spesso, infatti, si parla di impact economy, cioè di un nuovo modo di fare impresa, che sia votato alla creazione di valore sociale, ambientale ed economico
In ambito internazionale è sempre più centrale il tema della cosiddetta impact economy, la quale si propone di realizzare, mediante la trasformazione del capitalismo, delle imprese e dei modelli finanziari classici, un nuovo modo di fare impresa.
L'esigenza di procedere a tale cambiamento è stata fortemente acuita dalla crisi pandemica da covid-19, la quale - così come osservato anche dal segretario generale delle Nazioni Unite - ha posto in primo piano la necessità di una ricostruzione globale fondata su un modello economico e sociale maggiormente egualitario, inclusivo e sostenibile.

In tale contesto, i principali modelli ibridi di organizzazione societaria, in quanto posizionati a metà strada tra lo scopo puramente filantropico e quello essenzialmente commerciale, sono rappresentati dalle imprese sociali, dalle imprese innovative a vocazione sociale e dalle società benefit.

Ai sensi dell'art. 1 D.lgs. 112/2017, possono acquisire la qualifica di imprese sociali tutti quegli enti privati che esercitano in via stabile e principale un'attività d'impresa di interesse generale, senza scopo di lucro e per finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, adottando modalità di gestione responsabili e trasparenti, e favorendo il più ampio coinvolgimento dei lavoratori, degli utenti e di altri soggetti interessati alle loro attività.

Quindi, può considerarsi imprenditore sociale chi esercita un'attività economica organizzata, al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi di utilità sociale, e diretta a realizzare finalità di interesse generale.

Le imprese sociali in forma di società di capitali possono procedere alla distribuzione degli utili, seppur con forti limitazioni, al fine di favorire l'accesso di capitali di rischio e attrarre investimenti. Inoltre, le imprese sociali rappresentano un interessante veicolo che consente agli enti del terzo settore di aprirsi a forme di investimento nel capitale sociale, reperendo fonti di finanziamento alternative e complementari.
A favore dell'investitore sono poi previste interessanti agevolazioni fiscali, come, ad esempio, la possibilità di portare in detrazione o deduzione, a seconda che si tratti di soggetto Irpef o Ires, il 30% della somma investita nel capitale sociale di società che siano imprese sociali da non più di cinque anni.

Un altro modello ibrido, particolarmente interessante, è rappresentato dalle imprese innovative a vocazione sociale di cui all'art. 25 D.lgs. 179/2012 (cosiddette Siavs), ovvero startup che operano in via esclusiva nei settori di attività delle imprese sociali direttamente individuati dalla legge.

Si tratta di una particolare forma di società di capitali avente la finalità di promuovere lo sviluppo tecnologico e la creazione di una nuova cultura imprenditoriale volta all'innovazione in settori di particolare impatto sociale, quali, ad esempio, l'assistenza sociale e sanitaria, la tutela dell'ambiente e del patrimonio culturale, l'inserimento lavorativo, la formazione universitaria, ecc.
Esse si caratterizzano per il divieto assoluto di distribuzione degli utili per i primi 5 anni di vita della società e l'obbligo di redazione, ai fini del mantenimento della qualifica, del “documento di descrizione di impatto sociale”, diretto a dare evidenza dell'impatto sociale generato dalla società.

Anche in questo caso sono previste importanti agevolazioni fiscali per chi investe in imprese innovative a vocazione sociale, come, ad esempio, la possibilità di portare in detrazione o deduzione, a seconda che si tratti di soggetto Irpef o Ires, il 30% dei conferimenti nel capitale sociale di una o più startup innovative, purché l'investimento venga mantenuto per almeno 3 anni e realizzato entro determinati limiti.

Da ultimo, vi è il modello delle cosiddette benefit corporation (si tratta delle B Corp e delle società benefit ai sensi della Legge 208/2015), società che integrano un purpose socio-ambientale e profitto, in modo da coniugare la creazione di valore economico con la generazione di impatti sociali e ambientali positivi e misurabili.
La qualifica di società benefit può essere acquisita da qualsiasi società e comporta l'indicazione nell'oggetto sociale delle finalità di beneficio comune che si intende perseguire, la nomina di un responsabile dell'impatto, nonché l'obbligo di rendicontare e misurare il perseguimento di detto beneficio.

Tali società operano in modo responsabile, sostenibile e trasparente nei confronti di persone, comunità, territori e ambiente, beni ed attività culturali e sociali, enti e associazioni ed altri portatori di interesse, bilanciando gli interessi dei soci con quelli dei vari stakeholder.
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.
WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Founder e managing partner di Ginex & Partners Studio Legale Tributario. Svolge la professione di avvocato
ed è dottore di ricerca in diritto tributario. Vanta significative expertise in materia di diritto tributario,
diritto d’impresa e pianificazione e protezione patrimoniale. Partecipa in qualità di docente a master e
seminari organizzati dalle principali scuole di formazione presenti in Italia.

Cosa vorresti fare?