Ops Intesa – Ubi, la Bce darebbe il via libera

Teresa Scarale
Teresa Scarale
29.5.2020
Tempo di lettura: 2'
Entra nel vivo il qualifying holding, ossia la procedura che la Bce sta mettendo in atto per analizzare l'Ops Intesa – Ubi
Entra nel vivo il qualifying holding, ossia la procedura che la Bce sta mettendo in atto per analizzare l'Ops Intesa – Ubi. Indiscrezioni vorrebbero che l'autorizzazione della massima autorità finanziaria europea sarebbe vicina. Una buona notizia per Carlo Messia, ad di Intesa Sanpaolo, il quale da quel 17 febbraio – data dello svelamento della sua offerta – ha visto abbattersi ogni genere di ostacolo all'acquisizione dell'istituto bancario guidato da Victor Massiah.

Buone notizie (forse) dalla Bce sull'Ops Intesa - Ubi


Il semaforo verde della Bce è uno degli aspetti fondamentali perché l'offerta pubblica di scambio abbia un lieto fine per Ca' de Sass. Nei compiti della Bce figura l'autorizzazione dell'acquisizione di una partecipazione in una banca se la quota è considerata "qualificata". Ossia, se l'acquirente raggiunge la soglia del 10, 20, 30 o 50%. Oppure, se è possibile influenzare significativamente il governo di quell'istituto. La valutazione serve quindi anche a garantire che l'acquirente abbia una buona reputazione e la necessaria solidità finanziaria.

Una partecipazione qualificata deve essere autorizzata o contestata entro 60 giorni lavorativi, con un'estensione massima a 90 giorni. Oltre all'autorizzazione della Bce, occorre anche quella di Consob e dell'Antitrust.

Se l'Ops di Intesa Sanpaolo su Ubi Banca dovesse andare in porto, la prima consoliderebbe il proprio ruolo di prima banca italiana con quote di mercato di circa il 20% in tutti i principali settori di attività. Come noto, l'offerta include un accordo preventivo con Bper Banca per la cessione di 400-500 filiali per evitare un'eccessiva concentrazione.

Si tratterebbe di uno dei protagonisti della scena bancaria europea, con un modello di business focalizzato su Wealth Management & Protection. Le attività finanziarie della banca risultante dall'accordo sarebbero di circa 1.100 miliardi di euro.Diversi azionisti di Ubi sono contrari all'operazione. In particolare, i pattisti del Car ritengono che l'offerta non congrua. Secondo Ubi inoltre l'offerta non sarebbe più valida a causa dell'emergenza sanitaria. Si tratta del verificarsi della cosiddetta condizione Mac di efficacia dell'Ops e della mancata tempestiva rinuncia di Isp a tale condizione. L'istruttoria è in corso. Ma intanto, la Bce sembra spianare la strada.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti