Cosa significa davvero combattere il Califfato

Alberto Negri
Alberto Negri
17.8.2021
Tempo di lettura: 3'
La guerra all'Isis, nato da una costola di Al Qaeda - comparsa in Iraq quando gli Usa hanno abbattuto Saddam nel 2003 - a un certo punto è diventata necessaria. Anche per quei paesi che per anni erano stati dall'altra parte. Ecco perché (e qual è il ruolo dell'Italia)
Il Daesh è stato respinto in Iraq e in Siria, ma non sconfitto, e in altre regioni il gruppo sta guadagnando influenza. Inquieta in particolare la regione del Sahel, teatro di carneficine sempre più sanguinose, e il consolidarsi dell'insurrezione jihadista in Mozambico e nel Corno d'Africa.
Di questo e molto altro si è parlato alla riunione di Roma anti-Isis (Daesh), un vertice importante, ma che è stato il trionfo del paradosso: c'erano ministri di oltre ottanta Paesi che in parte hanno combattuto il Califfato e che allo stesso tempo prima lo avevano favorito o ne erano stati complici. In Iraq, l'ascesa dell'Isis nel 2014 puntava a far fuori il governo sciita e la presenza iraniana. In Siria, l'obiettivo era abbattere Bashar al Assad.
Quando si sono accorti che usare i jihadisti era un fallimento e si moltiplicavano gli attentati in Europa ispirati dal Califfato, gli occidentali si sono messi a combattere Daesh con i loro complici mediorientali.

Tra questi, Turchia e Israele, il cui ministro degli esteri Lapid ha incontrato a Roma il segretario di Stato Usa Blinken con un obiettivo principale: l'Iran e il contrastato negoziato sul nucleare in corso a Vienna.

E non è certo un caso che alla vigilia del vertice di Roma si siano esibiti nella specialità che contraddistingue Washington e Tel Aviv: la guerra a Teheran, definita “sotterranea” perché se ne parla assai poco e che finisce in prima pagina solo quando ci sono attentati americani clamorosi. Così, puntualmente gli Usa hanno compiuto un attacco aereo contro le milizie filoiraniane al confine tra Iraq e Siria.

È il secondo attacco da quando Biden è alla Casa bianca: il primo avvenne il 25 febbraio, sempre con - tro milizie appoggiate dall'Iran. In questo clima per nulla festaiolo, Di Maio e Blinken – che ha incontrato papa Francesco e Draghi – sembravano due amiconi che si scambiavano pacche sulle spalle. “Siamo molti grati per la leadership dell'Italia perché queste sfide sono al centro dell'agenda globale”, ha detto il segretario di Stato. Ma quale leadership, se sono stati proprio gli americani a far esplodere la Libia insieme a francesi e inglesi, lasciando poi che Erdogan occupasse la Tripolitania? L'obiettivo Iran, collocato nell'ottica della lotta all'Isis, è emblematico del gigantesco fraintendimento che ha contraddistinto la lotta al Califfato.
L'Isis è nato da una costola di Al Qaeda comparsa in Iraq quando gli Usa hanno abbattuto Saddam nel 2003. Molti dei capi, tra cui lo stesso califfo Al Baghadi, erano stati nelle prigioni americane in Iraq, sostenuti poi anche dagli accordi con le forze baathiste sunnite.

Con l'esercito iracheno sbandato dopo la caduta di Mosul, all'ascesa dell'Isis si è opposto in un primo momento solo l'Iran dei pasdaran del generale Soleimani insieme alle milizie sciite, altrimenti il califfo sarebbe entrato anche a Baghdad. La penetrazione dell'Isis in Siria è stata favorita dall'ondata di migliaia di jihadisti fatti affluire dalla Turchia con il consenso degli Usa e dei loro alleati occidentali, oltre che delle monarchie del Golfo interessate a far cadere Assad, fedele alleato di Teheran.

Si capisce bene che l'avanzata dell'Isis, che a un certo punto controllava un territorio con 8-10 milioni di persone, è stata appoggiata per far collassare la Mezzaluna sciita sull'asse Teheran-Baghdad-Damasco-Beirut (Hezbollah).

E anche la successiva guerra della coalizione anti-Daesh è stata fortemente condizionata da questo obiettivo. Ma gli strateghi occidentali e arabi non avevano fatto i conti con la Russia che nel settembre 2015 è scesa in campo a fianco di Damasco, segnando il suo ritorno in forze nel Mediterraneo, proseguito poi con i mercenari russi nella Cirenaica di Khalifa Haftar.

A quel punto bisognava per forza combattere l'Isis: agli Usa e all'Occidente non restava che rafforzare la presenza militare a cavallo tra Siria e Iraq e a Israele il controllo sul Golan siriano, la cui annessione è stata riconosciuta da Trump. Tra gli attori meno credibili della coalizione contro Daesh c'è la Turchia.

Erdogan ha fatto finta di combattere l'Isis lasciando che i jihadisti a Kobane massacrassero i curdi siriani alleati degli Usa e poi usando i suoi militari e le milizie estremiste per occupare parte del territorio curdo siriano non più protetto da Trump.

Gli Usa hanno abbandonato il loro maggiore alleato alla mercé della Turchia. Il vero capo dei jihadisti oggi è proprio Erdogan che li manovra in Siria a Idlib e nei cantoni curdi, che li ha usati in Libia per contrastare Haftar e poi nel Nagorno-Karabakh conteso tra Azerbaijan e Armenia. Ora vuole restare in Afghanistan forse per iniziare con i jihadisti un'insorgenza degli uiguri, la popolazione musulmana dello Xinjang cinese.

Niente di più utile che lottare contro l'Isis e i suoi affiliati per aumentare la presenza militare in Iraq, a cui subito l'Italia ha aderito in nome della stabilità di Baghdad. Ma anche in quel Sahel dove, dal Ciad al Mali, stanno cedendo tutte le certezze di Franc-Afrique: qui l'Italia sta aprendo una base militare in Niger e si prepara a inviare elicotteri d'attacco in Mali. Così dal Medio Oriente all'Africa continua una destabilizzazione infinita, un giorno travestita da lotta al Daesh, un altro dalla necessità di fermare le ondate migratorie. Il Califfato non deve finire mai: lo esige un dichiarato stato cronico d'emergenza.




Articolo tratto dal magazine We Wealth di luglio-agosto 2021
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
È stato inviato speciale e corrispondente di guerra del Sole 24 Ore negli ultimi 30 anni per le zone Medio Oriente, Africa, Asia Centrale e i Balcani. Nel 2009 ha vinto il premio giornalistico Maria Grazia Cutuli, nel 2015 il premio Colombe per la pace. nel 2016 il premio Guidarello Guidarelli e nel 2017 il premio Capalbio saggistica per il libro "Il Musulmano Errante".
Oggi è Senior Advisor dell’ISPI, Istituto degli Studi di Politica Internazionale.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti