IwBank in Fideuram-Ispb: al via l'integrazione

Tempo di lettura: 3'
Nel weekend del 12-13 febbraio, la piattaforma di IwBank verrà integrata definitivamente in Fideuram-Intesa Sanpaolo Private Banking. La transizione coinvolgerà 150mila clienti, per un valore complessivo di circa 13 miliardi di euro di asset

Dal 14 febbraio IwBank diventerà una società di intermediazione mobiliare, assumendo la denominazione di “Iw Private Investments sim”

Tra i vantaggi, i clienti di IwBank avranno accesso all’ampia offerta di prodotti e servizi bancari e di investimento di Fideuram

Nel weekend del 12-13 febbraio, la piattaforma di IwBank verrà integrata definitivamente in Fideuram - Intesa Sanpaolo Private Banking, ma continuerà a vivere il brand e dal 14 febbraio IwBank diventerà una società di intermediazione mobiliare, assumendo la denominazione di “Iw Private Investments sim”, con l'obiettivo di focalizzare ulteriormente la propria mission preservando i rapporti con la clientela e la rete dei consulenti finanziari.
Di che numeri parliamo?
La transizione dall'attuale sistema IwBank alla piattaforma target di Fideuram coinvolgerà complessivamente 150mila clienti, di cui 90mila assistiti da un consulente finanziario e i restanti 60 mila operativi tramite canali diretti, per un valore complessivo di circa 13 miliardi di euro di asset migrati, tra fondi e gestioni. Grazie alla migrazione, il numero dei consulenti Fideuram aumenterà a circa 630. Da precisare, che tutti i clienti che venivano prima seguiti dai consulenti IwBank continueranno a essere seguiti dagli stessi professionisti.

 
L'operazione rappresenta l'ultimo step  del processo di fusione del gruppo Ubi Banca in Intesa Sanpaolo, realizzata lo scorso 12 aprile 2021, e consentirà di uniformare procedure e operatività, coerentemente con gli elevati standard qualitativi che il gruppo Intesa Sanpaolo assicura alla propria clientela. Tra i vantaggi, i clienti di IwBank avranno accesso all'ampia offerta di prodotti e servizi bancari e di investimento di Fideuram, sia attraverso il consulente finanziario, sia in maniera diretta attraverso i canali digitali di Fideuram (Alfabeto). Dalla stessa data i clienti “trader” potranno continuare a fruire delle piattaforme distintive di trading evoluto di IwBank che verranno agganciate ai sistemi di Fideuram. Si precisa, che, in ogni caso caso, rimangono invariate le condizioni economiche, pur con alcune modifiche nell'assetto contrattuale.

Di questi 150mila clienti, il gruppo si attende – anche alla luce dell'andamento delle precedenti integrazioni – un tasso di “cambio” fisiologico contenuto in solo qualche punto percentuale, stimato nell'ordine dell'1 al 3%.

 

I numeri della divisione private banking


Per quanto riguarda i numeri, La divisione private banking serve il segmento di clientela di fascia alta (private e high net worth individuals) tramite Fideuram e le sue controllate Intesa Sanpaolo Private Banking, Iw Bank, Siref Fiduciaria, Intesa Sanpaolo Private Bank (Suisse) Morval, Reyl & Cie, Intesa Sanpaolo Private Banking asset management e Fideuram asset management Ireland.

Nel 2021 la divisione ha registrato:
- un risultato corrente lordo di 1,631 miliardi, in aumento dagli 1,285 milioni del 2020;
- un risultato netto pari a 1,076 miliardi, in crescita del 24,2% rispetto a 866 milioni dell'anno prima;
- proventi operativi netti per 2,376 miliardi, +6,9%, pari a circa l'11% dei proventi operativi netti consolidati del gruppo (11% anche nel 2020);
- costi operativi per 906 milioni, +4,3% rispetto a 869 milioni del 2020;
- un risultato della gestione operativa di 1,470 miliardi, +8,6% rispetto a 1,353 miliardi del 2020;
- un cost/income ratio al 38,1% rispetto al 39,1% del 2020;
- un ammontare complessivo di accantonamenti e rettifiche di valore nette pari a 34 milioni, rispetto a 64 milioni del 2020.
Direttore di We-Wealth.com e caporedattore del magazine. Giornalista professionista, è laureata in Giurisprudenza presso l’Università degli studi di Torino. Ha lavorato a MF, Bloomberg Investimenti, Finanza&Mercati. Ha collaborato con Affari&Finanza (Repubblica) e Advisor

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti