Un “consigliere del principe” più che un semplice gestore

Luisa Bagnoli
Luisa Bagnoli
3.4.2018
Tempo di lettura: 3'
Il nuovo “wealth advisor, l'esperto di investimenti e strumenti finanziari che fornisce consulenze di gestione e tutela patrimoniale ai clienti, ma è anche colui che ha una cultura cross-functional.

tutt'altro che un semplice venditore o un gestore di portafogli. Il private banker, una realtà di nicchia e indipendente, svolge un ruolo concepito sulla base di un ampio rapporto fiduciario con il cliente che si lascia consigliare anche sugli aspetti extra-finanziari come l'arte, la cultura in generale, la filantropia, il passaggio generazionale, l'asset protection, e gli altri servizi legati proprio alla complessità di un patrimonio importante. Il banker diventa così il nuovo “Consigliere del principe”, affiancando alla gestione del portafoglio, anche l'intelligenza emotiva, la capacità di persuasione e l'empatia, che diventano i fattori in grado di fare la differenza e con i quali i robo advisors non possono competere.


Il nuovo wealth advisorinfatti, è l'esperto di investimenti e strumenti finanziari che fornisce consulenze di gestione e tutela patrimoniale ai clienti, ma è anche colui che ha una cultura cross-functional. E se fino ad ora, l'imprenditore si affidava al commercialista per la gestione, per conto suo, delle tasse, delle spese promiscue, e i trust, in una realtà sempre più complessa e sofisticata, i talenti del banker del domani, saranno quelli che, comunicherannocon il cliente, lo ascolteranno e semplificheranno la sua vita, aggiornandolo sulle innovazioni tecnologiche che stanno trasformando il business aziendale. Come sosteneva Chris Anderson, l'osservatore che prima di tutti ha definito i trend più avanzati della nostra era, nel suo libro Il ritorno dei produttori”: “Nel prossimo decennio, gli innovatori, coloro che hanno visioni di nuovi prodotti in grado di cambiare il futuro, non dovranno più affidare ad altri la realizzazione delle loro idee, ma potranno produrre e distribuire da soli, sfruttando le nuove tecnologie e capovolgendo il mondo della produzione industriale. Ci si aspetta dunque che la tecnologia diventi il partner principale degli operatori del Private Banking, poiché da un lato potrebbe agevolarli a seguire in modo più efficace un numero maggiore di clienti. Mentre dall'altro, è necessario prepararsi al cambio generazionale, comprendere le aspettative di una nuova generazione (i millennial costituiranno il 72% della forza lavoro globale entro il 2025) per essere più competitivi sul mercato. 

E proprio per gestire le più complesse e sofisticate esigenze dei nuovi “Signori” sarà fondamentale migliorare il modello di servizio e confezionare “su misura” per ciascun cliente una soluzione di consulenza specifica, con alto valore aggiunto.

L'Italia è un paese a forte vocazione industriale, seconda in Europa solo alla Germania per imprese operanti nell'ambito del manufacturing. Questa peculiarità sottolinea la necessità di avere un consulente bancario con un piglio più aziendalista e che riesca a consigliare l'imprenditore con un occhio ai processi. Per garantire un servizio davvero di eccellenza diventerà necessario “creare la relazionecon il cliente a 360 gradi e mettersi a disposizione della clientela, con un ruolo formativomolto importante. La creazione della relazione” comporterà, per il banker, una preparazione (che sia contendibile sul mercato e ben più ampia di quella in mano al tradizionale advisor delle tasse”) sulle best practice dell'azienda, sulla corporate governance aziendale e nel campo del business. Al professionista è richiesto di conoscere le strategie di human resource per ingaggiare i migliori talenti, di parlare di pianificazione che va al di là della parte finanziaria (quindi anche successoria, fiscale, immobiliare), sui quali spesso il cliente si mostra disorientato. Insomma di saper connettere l'imprenditore a una rete esterna fatta di persone e trend.

Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Ha lavorato come trader e risk manager nei primi anni della sua attività, per poi diventare Head Hunter per le Financial institutions e i private equity.
Dal 2008 ha fondato e gestisce una Leadership Company declinata in Executive Search e Change management. Dal 2017 ha inaugurato la Ret-Net Leadership School.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti