Hnwi: poco sostegno economico ai figli come metodo educativo

Tempo di lettura: 2'
Molte famiglie benestanti non aiutano i propri figli nell'acquisto della prima casa o dell'automobile anche se potrebbero tranquillamente. Il motivo è l'educazione. Il far pagare al figlio tutte le sue spese è un modo per introdurlo nel mondo reale e insegnarli a gestire i soldi 

Molti degli intervistati temono che la generazione successiva sperperi il patrimonio

L'incontro con il consulente è di vitale importanza. Diversi genitori vogliono che il proprio figlio incontri il professionista di famiglia prima dei 25 anni

I paperoni tendono ad aiutare poco economicamente i loro figli. A dirlo è l'ultima analisi pubblicata da SpectremGroup, società che si occupa anche di analisi patrimoniale.

Gli investitori che hanno un patrimonio netto superiore a 25 milioni di dollari potrebbero permettersi di aiutare i propri figli con un'ampia varietà di spese durante la crescita, ma solo perché possono non significa che lo facciano. Questi bambini hanno molto spesso stili di vita molto confortevoli e sono abituati ad una certa qualità di vita. Ma i genitori tendenzialmente non pensano di doverli aiutare per sempre, quando diventano adulti.
La ricerca sottolinea infatti come nonostante la famiglia possa tranquillamente permettersi le spese per comprare una casa al figlio, o altri beni, solo il 63% , per esempio, ritiene di dover aiutare finanziariamente i propri figli con la loro prima auto. Un po' meno, il 62%, è dell'idea di fornire aiuti con l'istruzione universitaria.  E solo il 45% ritiene di dover aiutare i propri figli con la loro prima casa. Da sottolineare come la percentuale si abbassa più aumenta il patrimonio famigliare. E vice versa cresce più “diminuisce” la ricchezza.



Se infatti ci si focalizza sugli investitori con un patrimonio netto superiore a 175 milioni, si scopre come solo il 64% aiuta i figli con l'acquisto della  prima automobile. Il 50% fornirebbe invece fondi ai propri eredi per l'istruzione post-laurea, mentre solo il 43 % pensa sia giusto aiutare i figli a sostenere i costi del college.

Ma perché questi paperoni preferiscono che i loro figli si paghino le cose da soli? Il 72% degli intervistati ha spiegato che è seriamente preoccupato che la prossima generazione sprechi i soldi che li verranno trasferiti. Tale percentuale aumenta all'85% per chi ha un patrimonio netto superiore a 175 milioni. E dunque, il far capire il valore dei soldi ai propri figli, facendogli pagare di tutto e di più sarebbe una strategia per “addestrarli” alla futura gestione del patrimonio. Inoltre, per questi Hnwi è di vitale importanza che i loro figli incontrino i consulenti finanziari e vogliono che la presentazione avvenga quando i loro figli sono ancora piccoli. Il 59% degli investitori con un patrimonio netto di oltre 25 milioni desidera che i propri figli vengano presentati al proprio consulente finanziario entro i 25 anni. Durante queste presentazioni e le riunioni successive, è utile che un consulente finanziario fornisca istruzione, sia di educazione finanziaria di base che anche sulla propria situazione finanziaria.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti