Hat sgr, quattro nuovi ingressi nel private equity

Tempo di lettura: 3'
Hat sgr si rafforza fronte private equity. Adriano Adriani e Francesca Giletta entrano nell'investment team, mentre Vincenzo Busto e Carlotta Pontecorvo sono stati nominati come membri del cda di Hat Sicaf

Hat sgr ha annunciato quattro nuovi ingresso nell'area di private equity: Adriano Adriani, Francesca Giletta, Vincenzo Busto e Carlotta Pontecorvo,

Gli ingressi consolidano importanti sviluppi strategici avvenuti negli ultimi mesi: la raccolta del quarto fondo di private equity HAT Technology & Innovation e la partecipazione all’aumento di capitale da $130 milioni della digital health Hum

"Diamo un caloroso benvenuto a tutti i nostri nuovi colleghi che daranno un prezioso supporto alle attività aziendali e ai nostri progetti di sviluppo" ha commentato Nino Attanasio, presidente di Hat sgr





Hat Sgr, società leader nel mercato degli investimenti alternativi attraverso la promozione e gestione di fondi tematici di Private Equity e di Infrastrutture, ha annunciato alcune nuove nomina, a consolidamento ulteriore della propria presenza sul mercato italianor. Adriano Adriani, specialista nell'M&A, entra come Investment Director e Francesca Giletta, esperta di corporate finance e di reingegnerizzazione dei processi aziendali, come Investment Associate. Il primo porterà un importante valore aggiunto nella progettazione, strutturazione ed esecuzione di operazioni complesse e nello sviluppo del business della società, la seconda supporterà il team grazie alla sua significativa expertise di strutturazione ed esecuzione di investimenti con un focus nel mid-market italiano.







A questi ingressi, volti al potenziamento dell'investment team, si aggiunge anche la nomina nell'area Private Equity di due nuovi Consiglieri di Amministrazione del fondo Hat Sicaf: Vincenzo Busto e Carlotta Pontecorvo, per supportare l'accelerazione in atto del processo di valorizzazione delle partecipazioni in portafoglio.

La crescita del team va di pari passo con una serie di importanti sviluppi strategici avvenuti negli ultimi mesi, come la raccolta del quarto fondo di private equity Hat Technology & Innovation e la partecipazione, come unico operatore italiano, all'aumento di capitale da $130 milioni della digital health Huma, al fianco di aziende internazionali leader nel campo farmaceutico e tecnologico, tra cui Bayer, Hitachi, Samsung, Sony e Unilever.

“Dal 2007 ad oggi, Hat è cresciuta significativamente, conquistandosi un posizionamento unico nel mercato italiano grazie alla importante specializzazione in innovazione e tecnologia. In questi anni, infatti, siamo stati in grado di dimostrare che investire nel Private Equity in Italia attraverso fondi tematici può generare ritorni all'altezza dei migliori gestori europei. – ha commentato Ignazio Castiglioni, amministratore delegato di Hat Sgr – Con 32 operazioni di investimento completate, tra cui Assist Digital, GPI, Huma, Lutech, Primat, Safety21, SIA e Wiit, oltre 50 acquisizioni di nuove società con le aziende in portafoglio (add-on), 23 exit e 2 quotazioni in Borsa, abbiamo ottenuto rendimenti superiori al valore massimo registrato dai peer internazionali e continuiamo a creare valore per gli investitori, per le aziende acquisite, per i nostri team di investimento, per il management delle partecipate e per la comunità in cui operiamo”.

“La nostra expertise e un approccio unico agli investimenti con grande attenzione ai temi dell'innovazione e della tecnologia permettono a Hat di attrarre profili di grande valore”. – ha dichiarato Nino Attanasio, presidente di Hat sgr – “Diamo un caloroso benvenuto a tutti i nostri nuovi colleghi che daranno un prezioso supporto alle attività aziendali e ai nostri progetti di sviluppo grazie alla loro profonda conoscenza del mercato e del mondo delle PMI italiane. Inauguriamo così oggi una nuova importante fase nella crescita di Hat".



Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti