Satispay il welfare lo fa smart: acquistata AdvisorEat

Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani
16.7.2021
Tempo di lettura: 3'
Satispay ha messo a segno la sua prima operazione di M&A. Con l'acquisto di AdvisorEat, la scale-up prepara il suo ingresso nel welfare aziendale all'insegna dell'hashtag #doitsmart

Satispay, società leader nel settore dei digital payment, ha annunciato l'acquisizione di AdvisorEat, start-up operante nel mondo della ristorazione e che si rivolge a consulenti e professionisti

“La nostra proposta sarà all’insegna della semplificazione, dell’user experience e della sostenibilità e convenienza per gli esercenti” ha commentato Alberto Dalmasso, ceo di Satispay

"Siamo felicissimi di questa reciproca opportunità che possiamo darci e già al lavoro per riversarne i benefici al più presto sul mercato” le parole invece di Stefano Travaglia, founder e ceo di AdvisorEat

C'è una prima volta per tutto. E per tutti. Anche per Satispay, start-up italiana che ha rivoluzionato il mondo dei pagamenti, protagonista negli scorsi mesi di un round di finanziamento da 93 milioni di euro. La società guidata da Alberto Dalmasso ha infatti tagliato il traguardo della sua prima acquisizione, prelevando AdvisorEat, start-up operante nel mondo della ristorazione, fondata nel 2017 da Stefano Travaglia. In questo modo Satispay fa il suo ingresso ufficiale nel welfare aziendale, con l'ottica di acquisire talenti ed estendere i propri servizi a nuovi ambiti.
Ad attirare l'attenzione di Dalmasso è il pubblico a cui si rivolge la start-up. AdvisorEat risulta infatti essere la prima società a mettere a punto un servizio pensato per consulenti aziendali e professionisti che, tramite l'app dedicata, seleziona e consiglia i migliori ristoranti - dalla cucina stellata allo street food gourmet – per ravvivare una trasferta o una colazione di lavoro, permettendo agli iscritti di accumulare punti da convertire in gift card, voucher o donazioni benefiche.

AdvisorEat ha convenzionato circa 800 ristoranti in oltre 40 province italiane tra i quali ristoranti stellati e di note firme gourmet come Joia dello chef Pietro Leemann e Spazio Milano dello chef Niko Romito e importanti gruppi della ristorazione quali Signorvino e i Red di Feltrinelli, e registrato oltre 16.000 iscritti che lavorano per importanti aziende italiane e multinazionali (PwC, KPMG, Orrick, Boston Consulting Group e Simmon&Simmon per citarne alcune).

A giustificare l'operazione c'è il crescente interesse per il welfare aziendale da parte delle imprese. Le politiche connesse hanno registrato infatti un trend di forte crescita negli ultimi anni che la crisi pandemica ha accelerato ulteriormente, come dimostra il Report sull'andamento dei Premi di Produttività divulgato a gennaio 2021 dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Secondo il rapporto su circa 7.840 accordi aziendali e territoriali attivi, 4.515 (pari al 57,7%) prevedono misure di Welfare aziendale.
Alberto Dalmasso, ceo di Satispay ha dichiarato: “Il settore della ristorazione, e del food in generale, rappresentano una parte considerevole dei nostri 180.000 esercenti e la prima categoria merceologica e da sempre guardiamo con interesse a servizi legati a questo ambito. In AdvisorEat, e soprattutto in Stefano Travaglia, il fondatore e amministratore delegato, abbiamo riconosciuto forti capacità, sia commerciali sia di definizione e sviluppo di servizi dedicati alle aziende, oltre che un grande entusiasmo e la nostra stessa voglia di realizzare qualcosa di grande. La sua esperienza e competenza, unita ai nostri importanti numeri nel settore Ho.re.ca ci hanno fatto immaginare la concreta possibilità di creare qualcosa di valore nel mondo del welfare aziendale, all'insegna della semplificazione, dell'user experience e della sostenibilità e convenienza per gli esercenti. Porteremo sul mercato soluzioni capaci di rispondere sempre di più all'evoluzione delle politiche aziendali in tema di cura dei propri collaboratori anche alla luce delle nuove modalità di lavoro e del chiaro trend che, anche a seguito della crisi pandemica, vede circa la metà delle aziende aumentare il proprio impegno in questa direzione. Abbiamo moltissime idee e grazie a questa operazione potremo partire coi primi servizi già dall'inizio del prossimo anno”.

“Questa operazione rappresenta un grande punto di svolta per il nostro team. – ha precisato Stefano Travaglia, founder e ceo di AdvisorEat – Da imprenditore ho visto subito la possibilità di entrare a far parte di un progetto ancora più grande dove, mettendo a fattor comune le forze e le competenze, il nostro potrà trovare spazio e accelerazione per crescere come forse mai fino ad oggi avevamo pensato, rappresentando al contempo la base per lo sviluppo in Satispay di una linea di business completamente nuova. Siamo felicissimi di questa reciproca opportunità che possiamo darci e già al lavoro per riversarne i benefici al più presto sul mercato”.

Nell'operazione ha agito come legal advisor per Satispay lo studio Bird&Bird, mentre AdvisorEat è stata assistita da Orrick. L'acquisizione è stata perfezionata con lo Studio Notai Associati Ricci e Radaelli.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti