Quando il miliardario scivola: da Musk a Gates

Teresa Scarale
Teresa Scarale
10.11.2021
Tempo di lettura: 3'
Il fondatore di Microsoft sarebbe potuto essere di gran lunga l'uomo più ricco del mondo. E invece non lo è. Quello di Tesla invece ha perso in meno di due giorni 50 miliardi di dollari. Come mai?
Bruciare 50 miliardi di dollari in meno di 48 ore. Vendere pacchetti azionari che se mantenuti avrebbero garantito una ricchezza superiore a quella dei due uomini attualmente più ricchi al mondo. Cifre che metterebbero in ginocchio degli stati. Sono solo alcune delle disavventure in cui sono incorsi alcuni fra i più noti miliardari. Iniziamo dal signor Tesla (o Mr. SpaceX).
Quando si tratta di primati, Elon Musk non conosce mezze misure. L'uomo più ricco del momento, addirittura avviato a diventare il più abbiente mai esistito. Oppure, colui che ha perso il maggior quantitativo di patrimonio il più rapidamente di sempre. Già: l'ex enfant prodige di origine sudafricana a inizio settimana (8 e 9 novembre 2021) ha vissuto lo scivolone bi-giornaliero più ampio della storia nel Bloomberg Billionaire Index. Meno cinquanta miliardi di dollari nel suo net worth in meno di 48 ore. Prima di lui, il record spettava a Jeff Bezos e ai suoi 36 miliardi volatilizzatisi in due giorni all'indomani del divorzio da MacKenzie Scott.

Il terremoto ha avuto inizio qualche giorno addietro, quando il magnate aveva chiesto ai suoi follower su Twitter se dovesse vendere o meno il 10% delle sue azioni Tesla. Peccato che suo fratello Kimbal avesse venduto proprio prima del sondaggio, e che la notizia fosse poi diventata di dominio pubblico.

Quando il miliardario scivola: da Musk a Gates

Il motivo dietro alla volontà di vendere un pezzo della sua partecipazione nella fabbrica di auto elettriche sarebbe di natura fiscale: Musk avrebbe bisogno di monetizzare per pagare dei debiti. Investitori come ARK Investment Management e Larry Allison (il fondatore di Oracle) hanno perso nel sell-off di martedì 9 ottobre 2021 rispettivamente 750 milioni e 2,1 miliardi (Allison è la persona fisica detentrice della maggior partecipazione in Tesla dopo Musk).

Ad ogni modo, il patron di Tesla (la cui capitalizzazione è superiore ai 1000 miliardi) è rimasto ancora l'uomo più ricco al mondo, lasciando mr. Amazon al secondo posto (il divario fra i due è ora di 83 miliardi di dollari). La sua fortuna è aumentata del 70% rispetto allo scorso anno grazie alle vendite automobilistiche (si pensi al recente ordine da 1000 pezzi arrivato da Hertz) e alla valutazione di SpaceX.

E invece, qual è stato l'errore (dipende sempre dai punti di vista) del fondatore di Microsoft Bill Gates, dopo quello di Musk? Vendere la maggioranza della sua partecipazione nella società prima di lasciarne il consiglio di amministrazione nel 2020. Il grafico di Bloomberg parla chiaro circa l'evoluzione del valore di quelle azioni nel tempo:



Oggi (il 5/11/2021, quando ne è stato rilevato il valore) quelle azioni valgono 693 miliardi di dollari. Una cifra che guarda dall'alto i patrimoni di Elon Musk (340,4 miliardi) e Jeff Bezos (200,3 miliardi) messi insieme. Ma il filantropo non sembra curarsene: ha fatto un'altra scelta di vita.
Caporedattore della sezione Pleasure Asset di We Wealth. Giornalista professionista, garganica, è laureata in Discipline economiche e sociali presso l’Università Bocconi di Milano. Scrive di finanza, economia e mercati dell’arte. È in We Wealth dalla sua fondazione
La redazione vi consiglia altri articoli

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti