Generali presenta il piano triennale 2018-2021

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
21.11.2018
Tempo di lettura: 2'
Il gruppo Generali ha presentato il suo piano triennale. L'obiettivo è diventare leader europeo per profittabilità

La compagnia ha come target quello di incrementare gli utili per azione tra il 6 e l'8 per cento annuo

Se Generali centrerà gli obiettivi, confermerà la caratteristica di compagnia concentrata nel business retail e fortemente radicata nel vecchio continente

Generali, prima compagnia europea per premi intende diventarlo, nei prossimi tre anni anche per profittabilità. Il Leone triestino ha presentao oggi il suo piano triennale 2018-2021 che ha come obiettivo quello di una forte accelerazione della crescita sopratutto in Europa e nei mercati assicurativi più promettenti. Di fronte a una vasta platea di investitori, il Ceo della compagnia, Philippe Donnet, e gli altri top manager del gruppo hanno presentato i principali obiettivi del piano, che può essere riassunto in poche cifre. La compagnia ha come target quello di incrementare gli utili per azione tra il 6 e l'8 per cento annuo, con dividendi in crescita con un pay out previsto tra il 55 ed il 65 per cento nel triennio. A fine periodo le Generali, se verranno centrati gli obiettivi del piano, confermeranno la loro caratteristica di compagnia concentrata nel business retail e fortemente radicata nel vecchio continente, ma con una marcia in più rispetto alla condizione attuale: un forte business di asset management da cui proverrano il 15/20 per cento della crescita dei suoi utili. Oggi Generali con 63 miliardi di euro di premi è leader del mercato assicurativo europeo e vanta le migliori performace tecniche e operative con un combined ratio (rapporto tra spese e premi) del 92,8% nei rami danni, e un new business margin nei rami vita pari al 39,2%. Nel 2017 ha lanciato una nuova strategia focalizzata nell'asset management dove detiene attività in gestione per 487 miliardi di euro. Ma ancora non basta.

La mancanza di un'ancora più ampia attività nell'assett management spiega il gap di utili che separa la compagnia triestina dai suoi principli competitor (sopratutto Axa ed Allianz). Per colmare la distanza Generali si propone di creare una piattaforma globae di asset management, riducendo il ricorso a case di investimento esterne e internalizzando pertanto le fee che attualmente vengono retrocesse ad altri operatori. Al fine di rafforzare la propria solidità patrimoniale la compagnia prevede anche di ridurre tra 1,5 e 2 miliardi il proprio debito, abbassando la spesa annua per interessi lordi tra 70 e 140 milioni di euro (a fine 2021).
Nell'ultimo periodo le Generali hanno venduto asset esteri giudicati non particolarmente profittevoli. Il timing delle cessioni si è rivelato favorevole poichè è avvenuto in una favorevole fase di mercato. Rispetto al miliardo previsto dal precedente piano, gli introiti sono stati superiori a 1,5 miliardi e non tengono conto della vendita della tedesca Generali Leben (1,9 miliardi di euro quando l'operazione sarà conclusa). Cosa farà Generali di questo tesoretto? Lo utilizzera, ha spiegato Donnet, per investimenti mirati nei settori che considera più profittevoli. Alcuni di questi operazioni ha comincato a farle in questi mesi, con controparti francesi. Nel complesso il gruppo italiano ipotizza di realizzare una generazione di capitale complessiva per circa 10,5 miliardi di euro, anche attraverso una maggiore redditività del ramo vita. Nel corso di una conferenza stampa è stato chiesto a Donnet quali misure intende adottare la compagnia sugli investienti in Btp italiani (64 miliardi) considerando l'aumento dello spread e le incertezze sull'esito del contrasto tra Italia e Europa. Al riguardo i manager di Generali sono stati avari di particolari , tuttavia dalle pagine del piano si evence che la percentuale dei titoli italiani, nel compesso degli investimenti del gruppo, si è ridotta dal 22% del 2012 al 18% del 2017.
La redazione vi consiglia altri articoli

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti