Elon Musk: vado su Marte? Nuove frontiere della ricchezza

Teresa Scarale
Teresa Scarale
10.12.2020
Tempo di lettura: 2'
Il magnate sudafricano Elon Musk negli ultimi giorni ha sobillato le cronache di tutto il mondo con la notizia di volersi trasferire su Marte. Si tratta della nuova frontiera del lusso abitativo?
«Giusto per far chiarezza, la mia casa rimane sulla Terra, per ora. Ogni altro dettaglio interessa solo ai miei commercialisti». Elon Musk stende tutti con la sua chiarezza al termine di un paio di giorni di voci febbrili circa la sua presunta volontà di trasferirsi su Marte.
Non smette di stupire, il secondo uomo più ricco del mondo (saldo in testa alla classifica resta Mr Amazon, Jeff Bezos). Qualche giorno fa annunciava in un'intervista a un giornale tedesco che «penso sia importante che l'umanità evolva in una civiltà spaziale, in una specie multi-planetaria. Abbiamo bisogno di enormi risorse per costruire una città su Marte. Voglio essere in grado di contribuire il più possibile e vorrei fosse chiaro che faccio sul serio». Del resto, è sempre stato lo stesso Musk ad affermare che il prossimo evento importante per la vita terrestre (dopo l'avvento dei mammiferi) sarà quello della vita interplanetaria.
Nella stessa intervista affermava poi di aver venduto la propria residenza principale (Los Angeles) e di stare vendendo le altre perché «ho bisogno di una casa solo quando ci sono i miei figli. In questo caso ne affitto una». Quasi nessuna proprietà, se non le azioni delle proprie società. «Tutto quello che desidero è possedere solo le azioni di Tesla e SpaceX. Se falliscono, anch'io personalmente fallisco». Il combinato disposto delle due affermazioni («w lo Spazio» + «vendo casa») è bastato a scatenare fiumi di pixel sul prossimo trasferimento di Elon. Ma non accadrà nulla di tutto questo, almeno per ora. Il miliardario afferma che andrà nello spazio «tra due o tre anni», mentre il primo essere umano arriverà su Marte fra sei anni… «Ma forse già fra quattro».

Uscito indenne dal Covid, l'ex enfant prodige sudafricano naturalizzato Usa sta vivendo un momento d'oro. Non solo il lancio della Crew Dragon di SpaceX, ma anche – finalmente – il successo di Tesla. La sua società ammiraglia ha infatti da poco fatto il suo ingresso nell'S&P 500. Per di più nella sola Cina ha venduto 21.604 veicoli a novembre, medaglia di bronzo nella classifica dei produttori di veicoli elettrici.
elon-musk-vado-su-marte-nuove-frontiere-della-ricchezza_3
Ma le automobili pulite non bastano a Elon. L'obiettivo dell'umanità l'imprenditore deve essere quello di «trasformarci in una specie multi-planetaria, in una civiltà spaziale. Si tratta di vivere in tutto il sistema solare e di raggiungere altri sistemi di stelle. In confronto alla prospettiva di restare sempre sulla terra finché non verrà annientata, è un futuro esaltante». Forse Musk si spinge un po' troppo in là nel futuro, pensando a quando «il sole aumenterà di dimensioni e gli oceani evaporeranno». Dalle sue parole emerge fretta: «È meglio fare qualcosa adesso, ma probabilmente abbiamo solo un lasso di tempo limitato». Infine, sottolinea che «Marte non sarà un luogo di villeggiatura di lusso»: difficile da credersi. Attendiamo i costi di villeggiatura per il pianeta rosso.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti